Gatti

Il termine “gatto” deriva dal latino “catus”: è un mammifero carnivoro fra i più amati dall’uomo e il più diffuso al mondo. Si contano circa cinquanta differenti razze di gatto, un numero davvero elevato che fa capire le diversità che possono esserci tra un esemplare e l’altro. Molto territoriale e crepuscolare (è maggiormente attivo di sera e di notte), è un animale domestico che ha mantenuto, però, una certa indipendenza. Andiamo a conoscerlo meglio vedendo qualche cenno di anatomia, il comportamento, le principali razze di gatti e malattie.

Classificazione scientifica

Questa è la classificazione scientifica del gatto che, nella nomenclatura binomiale, è noto come Felis silvestris catus:

  • Dominio: Eukaryota
  • Regno: Animalia
  • Sottoregno: Eumetazoa
  • Superphylum: Deuterostomia
  • Phylum: Chordata
  • Subphylum: Vertebrata
  • Infraphylum: Gnathostomata
  • Superclasse: Tetrapoda
  • Classe: Mammalia
  • Sottoclasse: Theria
  • Infraclasse: Eutheria
  • Superordine: Laurasiatheria
  • Ordine: Carnivora
  • Sottordine: Feliformia
  • Famiglia: Felidae
  • Sottofamiglia: Felinae
  • Genere: Felis
  • Specie: F. silvestris
  • Sottospecie: F. s. catus

Gatti e alberi

Caratteristiche

Dal punto di vista fisico, i gatti incarnano perfettamente la struttura felina: sono agili – sanno arrampicarsi praticamente ovunque – e molto flessibili. Vibrisse e coda sono gli organi predisposti al mantenimento dell’equilibrio, mentre gli artigli sono utili per aggrapparsi. I gatti hanno dei sensi molto sviluppati: per fare degli esempi, la loro vista notturna è acutissima, il loro udito capta frequenze molto più alte di quello umano ed è dotato di una quantità di terminazioni olfattive impensabili per un uomo.

Cenni di anatomia e fisiologia

Senza fare un trattato troppo approfondito e noioso, ecco alcuni dati relativi all’anatomia e fisiologia del gatto:

  • Corpo: atletico, agile, la coda mantiene l’equilibrio
  • Testa: gli occhi hanno la pupilla verticale. Presenza delle vibrisse (peli modificati che aiutano il gatto a mantenere l’equilibrio e a percepire l’ambiente circostante, nonché gli spostamenti d’aria)
  • Apparato gastroenterico: il gattino ha 26 denti da latte, mentre il gatto adulto ha 30 denti definitivi (12 incisivi, 4 canini, 8 premolari e 6 molari). L’intestino è abbastanza corto, tipico dei predatori
  • Sensi: essendo un predatore ha un udito e un olfatto molto sviluppato (l’audiogramma arriva a 50mila Hz, mentre quello umano si ferma a 20mila. Inoltre ha più terminazioni olfattive rispetto ai cani). È anche capace di vedere in condizioni di scarsa luminosità (ma non al buio totale) grazie al tapetum lucidum. La visione è binoculare e riesce a vedere i colori. Ha un ottimo senso del gusto, ma sente poco i sapori dolci
  • Zampe e dita: le zampe anteriori hanno cinque dita, le zampe posteriori quattro. Le unghie sono retrattili e ha dei cuscinetti plantari
  • Temperatura corporea: 38-39 gradi
  • Frequenza respiratoria a riposo: 10-20 respiri/minuto
  • Frequenza cardiaca a riposo: 110-140 battiti/minuto
  • Peso: variabile a seconda della razza (quelle giganti arrivano anche a 10-12 kg)
  • Riproduzione: la maturità sessuale solitamente arriva fra i 5 e i 7 mesi (i maschi hanno il pene retroverso). Le femmine hanno un calore a ovulazione indotta: continuano ad andare in estro finché non si accoppiano. Hanno 8 mammelle (anche i maschi hanno i capezzoli se te lo stai chiedendo)
  • Gravidanza: dura in media due mesi (57-63 giorni)
  • Gattini: nascono ciechi, con gli occhi chiusi e sordi. Aprono gli occhi intorno ai 12-15 giorni e sono di colore blu. Verso i due mesi, il colore degli occhi cambia

Alimentazione

gatto mangia

Il gatto è un animale carnivoro stretto. La sua alimentazione deve essere maggiormente ricca di proteine di alto valore biologico rispetto al cane. Particolare attenzione va posta alla presenza di taurina: la sua carenza provoca una forma di miocardiopatia dilatativa.

Ciò non significa, tuttavia, che non mangi cereali, verdura e frutta, anzi, questi elementi risultano essenziali per il fabbisogno giornaliero. Felix non disdegna nemmeno l’erba, utile a permettere una migliore digestione. Certo, va detto che il nostro micio può sembrare piuttosto selettivo nei confronti del cibo: non tutti infatti apprezzano il cibo in scatola, ma amano alimenti crudi o cotti preparati dal padrone.

E no, il gatto non può fare un’alimentazione vegana o vegetariana: essendo un carnivoro stretto, ha bisogno delle proteine animali come fonte di sostentamento. Se vuoi un animale vegano o vegetariano, meglio optare per un coniglio o una cavia.

Alimenti vietati al gatto

Ci sono alcuni cibi che il gatto non dovrebbe mai mangiare:

  • cipolla, aglio, erba cipollina e porro: possono provocare anemia emolitica
  • pesce crudo (non in maniera esclusiva almeno): contiene un’antitiaminasi che blocca l’assorbimento della vitamina B1
  • carne di pollo e maiale cruda
  • uova crude: contengono l’avidina che impedisce di riassorbire la vitamina B8 (biotina)
  • cioccolata, caffè e tè
  • uva e uvetta
  • avanzi della tavola
  • salumi
  • dolci di qualsiasi tipo e genere
  • ossa

Addomesticazione

La relazione tra uomo e gatto è iniziata, secondo alcuni studi, già 7.000 anni fa (o persino prima, in concomitanza con la nascita dell’agricoltura). Questo rapporto è poi cresciuto fino a raggiungere la divinazione del felino nell’Antico Egitto. Oggi il gatto è tra gli animali domestici più comuni, tuttavia mantiene alcuni comportamenti selvatici, come ad esempio l’istinto alla caccia.

Comportamento e comunicazione

Il gatto è sicuramente più schivo rispetto ad altri animali domestici (come il cane): ciò è dovuto al suo forte senso di territorialità. Nonostante questo, è un gran comunicatore e il rapporto che ha stretto con l’uomo si basa sul rispetto reciproco. Il felino “parla” attraverso le espressioni del muso e con la coda, con le fusa, ma anche con soffi e ringhi, se in fase di attacco. Il verso dell’animale è detto miagolio. Ci sono razze di gatto come il Siamese che tendono a vocalizzare parecchio.

Tra le abitudini del gatto c’è sicuramente la pulizia: ogni giorno si lava il pelo con la lingua, così da mantenerne il potere isolante. Ciò comporta l’ingestione di diversi peli ed è per questo che, spesso, Felix vomita i cosiddetti bezoari, cioè palle di pelo. Tra le attività preferite dai mici c’è il sonno: questi animali infatti dormono fino a 18 ore al giorno.

È un animale molto territoriale. Tende a marcare il suo territorio tramite ferormoni, rilasciati sugli oggetti (incluse le persone) strofinando il muso e il mento, presenti nelle ghiandole delle zampe o tramite marcature urinarie.

I gatti non formano branchi come i cani, ma più che altro colonie dove diversi gatti condividono il medesimo territorio suddividendosi spazi e risorse, creando precise strutture sociali.

Etogramma del gatto

Con il termine di etogramma si intende l’insieme dei comportamenti tipici e innati di una specie. Questi sono i più comuni comportamenti presenti nell’etogramma normale di un gatto:

  • animale sociale
  • grooming e pulizia del pelo con la lingua
  • graffiatura di superfici verticali e orizzontali
  • marcatura urinaria
  • necessità di coprire le feci
  • caccia delle prede
  • scappa quando si sente in pericolo
  • quando è in allerta, sta seduto immobile per controllare l’ambiente
  • riposa e sonnecchia tanto durante il giorno, sia con gli occhi aperti che chiusi
  • abitudine di ricerca del cibo

Alcuni comportamenti normali del gatto possono dar fastidio ai proprietari che, spesso, li scambiano per problemi comportamentali. In realtà sono solo  comportamenti indesiderati, cioè comportamenti che per il micio sono normali, ma che a noi creano disagio.

gatto Certosino

Cenni di psicologia felina

Purtroppo spesso al nostro adorato pet attribuiamo comportamenti umani. Tuttavia determinati atteggiamenti del gatto non vogliono proprio dire esattamente quello che noi pensiamo. Ecco qualche esempio:

  • Gatto che si struscia sulle gambe quando torniamo a casa: solitamente pensiamo che voglia manifestarci il suo affetto. Il che è vero, ma il gatto sta anche lasciando su di noi i suoi ferormoni per marcarci come suo “territorio”. Inoltre è un adattamento di un comportamento infantile: i gattini saltano verso il muso della mamma per comunicare, il gatto fa lo stesso strofinandosi su di noi e saltando in alto da qualche parte per raggiungerci col muso
  • Gatti che graffiano i mobili o le tende: noi pensiamo che lo facciano per dispetto, ma i gatti non fanno i dispetti, quello è un concetto umano. Il gatto graffia i mobili perché fa parte del suo etogramma, del suo comportamento naturale. In questo modo non solo regola gli artigli, ma marca anche il territorio
  • Gatto che urina in giro: di nuovo noi pensiamo che sia dispettoso, ma non è così. Il gatto urina in giro per manifestare un suo disagio fisico (malattia in corso) o mentale (stress, agitazione). Nella maggior parte dei casi si scopre che il gatto che urina in giro per casa ha problemi di calcoli urinari
  • Gatti che fanno il pane o la pasta con le zampe: ricordo di quando erano cuccioli e stimolavano la fuoriuscita del latte dalle mammelle della mamma. Sul proprietario vuol dire che si sentono sicuri e tranquilli. Ma se fatto in eccesso, indica uno stato di ansia
  • Gatto che mangia i tessuti: anche qui non sono dispetti o fame. Non si conosce ancora la causa di questo comportamento, ma può indicare alterazioni del sistema nervoso autonomo, pica, stress, ansia o disturbi compulsivi
  • Gatti che ci regalano la loro preda: è una cosa che disgusta molti proprietari, ma a volte lo fanno semplicemente perché vogliono contribuire a nutrire il loro gruppo famigliare

Malattie comuni

Sono diverse le malattie che possono contrarre i gatti. Fra di esse ricordiamo:

  • FIV o immunodeficienza felina
  • FeLV o leucemia virale felina
  • FIP o peritonite infettiva felina
  • Panleucopenia virale felina
  • Herpesvirosi felina
  • Calicivirosi felina
  • Toxoplasmosi
  • sordità nei gatti bianchi per motivi genetici (a causarla, infatti, sarebbe il gene W)
  • malattia policistica che colpisce soprattutto reni e fegato
  • granuloma eosinofilico, malattia spesso su base allergica o immunomediata con diverse presentazioni (granuloma eosinofilico della bocca, ulcera indolente sul labbro, placca eosinofilica addominale, granuloma lineare sul bordo posteriore delle cosce)
  • pododermatite linfoplasmacellulare
  • insufficienza renale
  • patologie delle vie urinarie (Flutd, cistite idiopatica, cistite da stress…)

Gatti: le razze più conosciute

Le razze di gatti sono numerose e, generalmente, questi animali domestici si differenziano per la lunghezza del pelo. il pelo lungo è caratteristico dei Persiani, mentre, dalla parte opposta, vi sono alcune razze senza pelo: i gatti nudi più conosciuti sono gli Sphynx.

Razze di gatto a pelo lungo

gatto Persiano

Queste sono le principali razze di gatto a pelo lungo:

  • Chinchilla
  • Himalayano
  • Persiano
  • Tiffany o Chantilly

Razze di gatti a pelo semilungo

Maine Coon

Queste sono le razze di gatto a pelo semilungo:

Razze di gatti a pelo corto

siamese

Poi ci sono le razze di gatto a pelo corto e razze senza pelo:

  • Abissino
  • American Curl Shorthair
  • American Wirehair
  • Americano a pelo corto
  • Bengala
  • Blu di Russia
  • Bombay
  • British Shorthair
  • Burmese
  • Burmilla
  • California Spangled
  • Certosino
  • Ceylon
  • Cornish Rex
  • Devon Rex
  • Donskoy o Don Sphynx
  • Egyptian Mau
  • Europeo
  • Exotic
  • Foreign White
  • German Rex
  • Havana Brown
  • Japanese Bobtail
  • Khao Manee
  • Korat
  • Lykoi
  • Manx
  • Munchkin
  • Ocicat
  • Orientale
  • Peterbald
  • Pixie Bob
  • Scottish Fold
  • Scottish Straight
  • Selkirk Rex Shorthair
  • Siamese
  • Singapura
  • Snow Shoe
  • Sokoke
  • Sphynx
  • Thai
  • Tonkinese
  • Toyger

Razze di gatti a pelo riccio

Devon Rex

Possiamo poi avere razze di gatto a pelo riccio:

Razze di gatti senza pelo

Sphinx

E ci sono razze di gatti senza pelo, i gatti nudi:

  • Don Sphinx
  • Elf Cat
  • Kohona
  • Levkoy
  • Peterbald
  • Sphinx

Razze di gatto ibride

gatto Savannah

Esistono poi le razze di gatto ibride, cioè frutto dell’incrocio fra un gatto domestico e un felino selvatico:

  • Ashera: è l’ incrocio fra un gatto domestico e il Bengala/Serval
  • Bengala: è l’incrocio fra un gatto domestico e un gatto leopardo (piccolo felino selvatico asiatico e indiano)
  • Bobcat: è l’ incrocio fra un gatto domestico e una lince (nome con cui è conosciuta anche la Lince rossa)
  • Caracat: è l’ incrocio fra un gatto domestico e il Caracal (felino selvatico che si trova sia in Africa che in Asia)
  • Chausie: è l’ incrocio fra un gatto domestico e il Gatto della Giungla (felino selvatico che vive in Asia e Egitto)
  • Habari: è l’ sembra essere imparentato con il Savannah e il Bengala
  • Safari: è l’ incrocio fra un gatto domestico e il Gatto di Geoffroy (un felino selvatico del Sudamerica)
  • Savannah: è l’ incrocio fra un gatto domestico e un Serval (felino selvatico africano)

Leggende metropolitane sui gatti

gatti neri

Ecco alcuni miti e leggende metropolitane che imperversano sui gatti:

  • Se il gatto perde le vibrisse, allora perde l’equilibrio: No, è normale che ogni tanto le vibrisse cambino, perché essendo dei peli modificati, subiscono il fisiologico ricambio del pelo. È vero che aiutano il gatto a mantenere l’equilibrio, ma nel senso che gli forniscono indicazioni sulle dimensioni dello spazio circostante e gli permettono di percepire spostamenti d’aria da parte di prede e predatori
  • Il gatto cade sempre in piedi: No, il gatto è molto agile e se ha sufficiente spazio in volo, riesce a rigirarsi su stesso per cadere in piedi. Ma se non ha spazio, non ce la fa. Inoltre anche il fatto di cadere in piedi non vuol dire che non possa fratturarsi qualche zampa o il bacino
  • Il gatto fa le fusa quando è felice: No, o meglio, non sempre. La maggior parte delle volte sì, ma esistono anche le fusa pre agoniche messe in atto da gatti in fin di vita
  • I gatti rubano il respiro: No, anche se è vero che se un gatto di 6 kg ti si appollaia sul torace qualche problema può darlo

Gatti, animali affascinanti e misteriosi

Gatto Egitto

I gatti sono animali molto affascinanti, noti anche nell’antichità. Nell’antico Egitto, per esempio, la dea Bastet aveva sembianze feline e i gatti venivano venerati alla stregua di divinità. Se i greci preferirono come cacciatori di topi i furetti e le donnole, ecco che i romani adoravano i gatti, diffusi prima nei ceti agiati e poi per tutta la popolazione.

I gatti sono amati anche nei paesi dell’Islam, viso che Maometto li adorava. In Europa, invece, durante il Medioevo i gatti, in particolare quelli nei, vennero associati al diavolo e alle streghe. Solo nel Rinascimento il gatto venne rivalutato, grazie alla sua abilità nel dare la caccia ai topi.

Ad oggi i gatti sono fra gli animali domestici più amati e diffusi al mondo. Anzi, in alcuni casi fin troppo diffusi visto che questo pet è stato inserito nella lista delle cento specie invasive più dannose. Pensiamo all’Australia: qui non c’erano felini autoctoni fino a quando l’uomo non ha introdotto i gatti. Ebbene, in Australia si sono moltiplicati a tal punto da aver cacciato e aver messo a rischio estinzione tantissime specie autoctone di uccelli e rettili.

Fonti

Categorie correlate: Animali.

8 razze di gatti senza peli: storia, caratteristiche e foto

Fonte immagine: Pixabay

Ultimi articoli

8 razze di gatti senza peli: storia, caratteristiche e foto
Animali

8 razze di gatti senza peli: storia, caratteristiche e foto

I gatti senza peli sono esemplari caratterizzati da una peluria davvero minima, che non si vede ma può essere percepita solo quando si accarezza il mantello del felino. Queste razze di gatti nudi sono molto delicate e sono molto frequenti, per queste tipologie, le problematiche di tipo dermatologico. Tra le razze di gatti senza peli note troviamo Sphinx ed Elf Cat.

Sognare gatti: che significa?
Animali

Sognare gatti: che significa?

Sognare un gatto è un’attività abbastanza frequente: ha generalmente un significato positivo, ma può essere interpretato in diversi modi, sia a livello di simbologia, sia a livello psicologico.

Nomi per gatti: +300 idee originali per maschi e femmine
Animali

Nomi per gatti: +300 idee originali per maschi e femmine

Come chiamo il mio gatto? Per tutti coloro che sono indecisi o privi di idee, ecco una selezione di più di 300 nomi per gatti, dai più corti ai più lunghi, da quelli più originali a quelli più divertenti.

Gatto Blu di Russia, malattie più comuni
Animali

Gatto Blu di Russia, malattie più comuni

Come gatto, il Blu di Russia può essere soggetto a diverse malattie congenite, ereditarie e genetiche, più frequenti in questa razza che in altre. Questo senza escludere che possa essere colpito da altre malattie acquisite o da malattie che possono colpire tutti i gatti, indipendentemente dalla razza. Andiamo a scoprire quali sono queste patologie

Colori degli occhi del gatto, quali sono
Animali

Colori degli occhi del gatto, quali sono

Parlando dei colori degli occhi del gatti, bisogna fare una precisazione. Il colore degli occhi non dipende dal colore del mantello, quanto dalla razza e da una questione genetica. Mi spiego: da standard di razza, ciascuna razza deve avere occhi di un preciso colore. Se gli occhi sono di colori diversi da quelli dello standard, ecco che il gatto è penalizzato in sede di mostre. Ma per i gatti meticci o soriani, qualsiasi colore di occhi è accettato

Clamidiosi del gatto: sintomi e cure
Animali

Clamidiosi del gatto: sintomi e cure

Fra le diverse cause di congiuntivite nel gatto, ricordiamo anche la clamidiosi. Potenzialmente si tratta di una zoonosi, ma le segnalazioni in letteratura scientifica non sono molte. La clamidia nel gatto va curata prima che possa dare origine a forme di polmonite. Ecco dunque cause, modalità di trasmissione, sintomi, diagnosi e terapia di questa patologia infettiva.

Perché i gatti fanno le fusa?
Animali

Perché i gatti fanno le fusa?

Ma perché i gatti fanno le fusa? Diciamo che è qualcosa di innato nel gatto, come rifarsi le unghie. Se è vero che ci sono gatti che fanno le fusa in continuazione e gatti che praticamente non fanno mai le fusa, sono state date diverse spiegazioni in merito. Andiamo a vedere le principali, ricordandoci che esistono anche delle fusa fatte dai gatti quando non stanno bene.

Panleucopenia: sintomi e cure della gastroenterite infettiva felina
Animali

Panleucopenia: sintomi e cure della gastroenterite infettiva felina

Fra i vaccini di base trivalenti del gatto figura anche quello per la panleucopenia virale felina. Nota anche come gastroenterite virale felina, si tratta di una malattia ad alto tasso di mortalità soprattutto fra i gattini, i gatti non vaccinati o i gatti non vaccinati correttamente. Il virus, fra l’altro, è strettamente correlato a quello del Parvovirus canino, responsabile della parvovirosi del cane

Collare elisabettiano fai da te per cani e gatti
Animali

Collare elisabettiano fai da te per cani e gatti

Collare elisabettiano fai da te per cani e gatti? È possibile costruirne uno a casa, ma devi avere i giusti materiali e avere un po’ di manualità. Obiettivamente quelli base di plastica, il classico cono o imbuto non è che costino poi così tanto, quindi valuta bene se con i soldi spesi per i materiali e il tempo impiegato non avresti risparmiato di più prendendone uno già fatto.

Siamese, le malattie più comuni
Animali

Siamese, le malattie più comuni

Come accade con molti gatti di razza, anche il Siamese non è molto robusto. Oltre alle classiche malattie che tutti i gatti possono sviluppare, con alcune che è più facile vedere nei Siamesi, può soffrire anche di diverse patologie genetiche, congenite ed ereditarie. Queste non sono un’esclusiva del Siamese, si possono manifestare anche in altre razze, ma è indubbio che, rispetto a un gatto soriano, siano più frequenti.

GPS per gatti: come funziona
Animali

GPS per gatti: come funziona

Esistono dei collari gps per gatti: come quelli per cani, servono per localizzare i gatti outdoor, quelli che possono uscire di casa. Connessi con un’apposita app da scaricare su smartphone, permettono al proprietario di rintracciare il proprio animale. Naturalmente hanno dei limiti soprattutto per quanto riguarda la distanza. Ah, sfatiamo subito il mito: non esistono i gps sottocutanei né per gatti né per cani, vi state confondendo con il microchip.

Ragamuffin: caratteristiche e aspetto
Animali

Ragamuffin: caratteristiche e aspetto

Fra le razze feline, una di quelle meno note è il Ragamuffin. Effettivamente, non è molto frequente imbattersi in un esemplare di questo tipo che deriva dal Ragdoll. Si tratta di una razza riconosciuta di origine statunitense.

Gatto norvegese, le malattie più comuni
Animali

Gatto norvegese, le malattie più comuni

Fra le razze feline, il Gatto norvegese delle foreste è considerato una razza abbastanza robusta in quanto non eccessivamente selezionato dall’uomo. Tuttavia è indubbio che esistano diverse malattie genetiche, congenite ed ereditarie che possono affliggere questa razza. Per questo motivo, se si decide di prendere un Norvegese delle foreste, sarebbe bene testarlo geneticamente per almeno le principali di queste malattie.

Collare per gatto, 3 rischi da conoscere
Animali

Collare per gatto, 3 rischi da conoscere

Giustamente molti proprietari di gatti si chiedono se mettere il collare al gatto. Diciamo più no che sì. Questo perché ci sono diversi rischi a cui il gatto va incontro se indossa un collare rispetto a quanto succede col cane. Tuttavia, in alcuni casi, potrebbe essere necessario fargli indossare un collare. Ma quanti tipi ne esistono?

Gatti da appartamento, come mettere casa in sicurezza
Animali

Gatti da appartamento, come mettere casa in sicurezza

Il binomio gatti in appartamento e sicurezza in casa deve essere qualcosa di basilare quando si decide di prendere un gatto in casa. Le nostre abitazioni, infatti, nascondono tantissimi pericoli insospettabili per i nostri amici a quattro zampe. I gatti, poi, sono bravissimi a cacciarsi nei guai, anche nei posti più impensabili. Visto che prevenire è sempre meglio che curare, ecco cosa possiamo fare.

Collare elisabettiano, a cosa serve e come si usa
Animali

Collare elisabettiano, a cosa serve e come si usa

Gli animali che lo indossano spesso lo odiano, ma il collare elisabettiano è un alleato della loro salute. Tale dispositivo serve infatti ad impedire che i nostri pet si possano leccare se hanno ferite o seguono terapie con lozioni. Ma capiamo quali modelli sono reperibili e come rendere meno stressante per Fuffy e Fido la procedura di allaccio.

Nutrizione parenterale gatto, come funziona
Animali

Nutrizione parenterale gatto, come funziona

Quando in medicina veterinaria (e anche in medicina umana) si ha un paziente critico, che non riesce o non può alimentarsi da solo, è necessario applicare la nutrizione forzata. Ne esistono di due tipi: tramite nutrizione enterale con sondini o tramite nutrizione parenterale, per via endovenosa. Tutte e due le pratiche presentano vantaggi e svantaggi, ma oggi ci occuperemo della nutrizione parenterale: cosa si intende? Quando va fatta? Per quanto tempo? Ci sono effetti collaterali?

Gatto certosino: le malattie più comuni
Animali

Gatto certosino: le malattie più comuni

Si parla sempre di carattere del Certosino, di aspetto, delle particolarità del suo mantello blu, ma si tralascia sempre la questione malattie. Quali sono quelle più comuni di questa razza? Ci sono malattie ereditarie e congenite a cui prestare attenzione? Andiamo dunque a scoprire le principali malattie del Certosino.

Filaria gatto: sintomi, cause e cure
Animali

Filaria gatto: sintomi, cause e cure

Forse non lo sai ma, se anche più raramente rispetto al cane, anche il gatto può prendere la filariosi cardiopolmonare. Come accade per il furetto, anche nel gatto bastano poche filarie per danni anche molto gravi alla salute. In questo articolo vediamo cause, sintomi e terapie suggerite per il trattamento.

FIP gatto: sintomi, trasmissione, cure
Animali

FIP gatto: sintomi, trasmissione, cure

Fra le malattie virali dei gatti più temute dai proprietari e dai veterinari, oltre alla FIV e alla FeLV figura anche la FIP. La Peritonite Infettiva Felina è provocata da un Coronavirus, naturalmente diverso da quello che provoca il Covid-19 nell’uomo, che può presentarsi in forma benigna, asintomatico o con blandi sintomi gastroenterici, o maligna, forma essudativa o granulomatosa. Vediamone sintomi, trasmissione, diagnosi, cura e prognosi.