Greenstyle Ambiente Animali Gatto siberiano: prezzo e caratteristiche

Gatto siberiano: prezzo e caratteristiche

Gatto siberiano: prezzo e caratteristiche

Il gatto Siberiano è una razza felina molto affascinante. Purtroppo non è molto diffusa qui da noi, ma fra il suo mantello impermeabile e il fatto che sia considerata una razza ipoallergenica, non anallergica come molti erroneamente sostengono, è un micio assai interessante. Si tratta di una razza naturale di origine russa di taglia grande. Ma qual è lo standard di razza? E il carattere? Scopriamo insieme qualcosa di più su questo gatto.

Gatto Siberiano: storia e origini della razza

Il gatto Siberiano è una razza frutto della selezione naturale fra il gatto selvatico dei boschi (motivo per cui questa razza è nota anche come Gatto Siberiano delle Foreste) e il gatto domestico. Qualcuno ipotizza che la razza sia nata intorno all’anno 1050, quando alcuni coloni portarono il gatto domestico nella Russia siberiana.

Alcuni studiosi sostengono che questa razza sia stata una delle prime a pelo lungo e che possa essere il progenitore di altre razze come il Maine Coon, l’Angora, il Turco Van e il Norvegese.

Prime testimonianze della presenza del gatto Siberiano le si hanno nel 1700 quando questa razza venne segnalata durante una mostra felina. Successivamente lo stesso accadde nel 1871 in Inghilterra, mentre nel 1925 si parla di un gatto grande, rosso e robusto dal pelo lungo che arrivava dal Caucaso.

La diffusione nel resto del mondo di questa razza è stata assai tardiva: praticamente dalla Siberia uscì solamente nel 1990, motivo per cui non è facile trovare allevamenti al di fuori della Russia.

Il primo standard di razza del gatto Siberiano venne stilato nel 1991, mentre la Word Cat Federation la riconobbe come razza nel 1992. Una curiosità: il nome della prima gatta Siberiana importata in Italia è Quendalina Romanova.

Da sapere: il Neva Masquerade, che ha un ceppo comune col gatto siberiano, dal 2009 è stata considerata dalla FIFe come razza sorella di quest’ultimo, quindi a sé stante.

Come razza, è riconosciuta:

  • dai club e federazioni dell’Unione Sovietica
  • Acfa
  • WCF
  • F.I.F.e.
  • T.I.C.A.
  • CFA
  • associazioni indipendenti
Gatto Siberiano peso

Gatto Siberiano: prezzo

Quanto costa un cucciolo di gatto Siberiano? Ecco, il prezzo si aggira dai 700 ai 1.000 euro. Tuttavia il costo può variare a seconda dell’allevamento e della genealogia del cucciolo. Inoltre la cifra potrebbe variare anche a seconda della rarità o meno del colore del mantello.

Allevamento gatto Siberiano

Il gatto Siberiano non è una razza felina molto diffusa qui da noi in Italia. Difficile trovare privati che facciano fare cucciolate e poi le vendano, più probabile trovare qualche allevatore. Cercando su Google potrai trovare gli allevamenti di gatto Siberiano più vicino a te. L’alternativa è contattare le associazioni di riferimento locali e chiedere loro della presenza di eventuali cucciolate.

Caratteristiche della razza: quanto vive e particolarità

Il gatto Siberiano è un gatto di taglia grande, forte e muscoloso. Come molte altre razze grandi, è assai lento nel suo sviluppo: può crescere fino ai 5 anni. Le dimensioni di un gatto Siberiano possono essere notevoli: può raggiungere un peso di 7-9 kg nel maschio e di 4-6 kg nella femmina.

Se ti stai chiedendo, invece, quanto vive un gatto Siberiano, ebbene, la durata di vita media è di 15 anni, in linea con altre razze feline.

Standard di razza del gatto Siberiano

Queste sono le caratteristiche dello standard di razza del gatto Siberiano:

  • aspetto: taglia grande e robusta, dorso lungo con schiena arcuata
  • testa: più lunga che larga, leggermente arrotondata con zigomi ben marcati e fronte leggermente curvata. Vibrisse lunghe e forti
  • naso: largo, media lunghezza
  • orecchie: media grandezza, larghe alla base e distanziate. La punta è arrotondata con ciuffi di pelo che fuoriescono dall’interno
  • occhi: obliqui, distanti e lievemente ovali. Possono essere di qualsiasi colore, ma il più ricercato è il verde (blu nei colorpoint)
  • naso: leggermente curvato
  • corpo: figura rettangolare, muscoloso
  • torace: largo e arrotondato
  • addome: rotondo e compatto
  • zampe: grosse, massicce, potenti, robuste e di media altezza. I piedi sono rotondi con ciuffetti di pelo fra le dita
  • coda: spessa, arrotondata e grossa alla base
  • pelo: semilungo e denso con pelo di copertura impermeabile e sottopelo folto soprattutto durante l’inverno. Criniera intorno alla testa

Difetti

Questi sono alcuni dei difetti che potrebbero penalizzare il Siberiano durante mostre ed esposizioni:

  • muso troppo stretto o appuntito
  • testa simile a quella di un Persiano, triangolare, con muso squadrato e stop pronunciato
  • orecchie troppo grandi o troppo piccole
  • occhi rotondeggianti o non abbastanza obliqui
  • occhi impari
  • assenza di ciuffi nelle orecchie e fra le dita
  • corpo troppo alto o troppo basso
  • pelo troppo setoso o schiacciato
  • pelo troppo unto
  • zampe troppo sottili
  • coda troppo lunga o troppo corta
  • gatto troppo magro o poco muscoloso
Gatto Siberiano: colori

Colori del mantello del gatto Siberiano

Il colore del mantello dei Siberiani è assai variabile. Sono infatti ammessi dallo standard questi colori per il gatto Siberiano:

  • colori solidi bianco, nero e rosso, in tutte le sfumature
  • colori diluiti grigio e crema, in tutte le sfumature
  • tortie (può essere seal tortie se nero e rosso o blue tortie se blue e cream)
  • silver
  • smoke
  • colorpoint (Neva Masquerade)
  • multicolor
  • sunshine e sunshine silver
  • gold (sfumatura giallo-arancio dorata sulle striature)

Da standard, invece, sono vietati questi colori:

  • lilac
  • chocolate (marrone)
  • ciannmon
  • fawn

Che carattere hanno i gatti Siberiani?

Come carattere, l’odierno gatto Siberiano è ben distante dal suo progenitore selvatico. È un gatto affettuoso e socievole sia con la famiglia che con gli estranei, senza mai essere troppo invadente. Tende anche ad andare d’accordo con gli altri gatti e altri animali. Si affeziona tantissimo a una persona della famiglia e ha un’espressione dolce.

È un gatto fiero, curioso e vigile, non gli sfugge niente di ciò che accade intorno a lui. Ma anche quando viene disturbato, tende semplicemente ad allontanarsi.

Non è un gatto che miagola eccessivamente, anche se tende a vocalizzare per salutare i suoi umani.

È robusto e agile, ama cacciare e adora l’acqua. È un micio a cui piace giocare. Il gatto Siberiano può vivere solo in casa (a patto di aver provveduto a un adeguato arricchimento ambientale per non farlo annoiare e per soddisfare le sue esigenze) che in giardino (anche se, vista la socievolezza con gli estranei e l’aspetto imponente, forse per sicurezza non è una buona idea farlo uscire di casa senza supervisione).

Soffre molto la solitudine, per cui non è un gatto adatto a chi trascorre molte ore fuori casa.

Alimentazione e salute

Parlando della salute del gatto Siberiano, oltre che alle malattie che possono colpire tutti i gatti indipendentemente dalla razza (quindi occhio a FIV, FeLV, FIP…), bisogna fare particolare attenzione a:

  • cardiomiopatria ipertrofica (HCM)
  • malattia policistica (PKD)
  • anemia emolitica da deficienza di piruvato-chinasi (PKDEF)
  • polineuropatia motoria del Siberiano
  • segnalata una forma di ereditarietà per quanto riguarda alcuni tumori in alcune linee di sangue

Per l’alimentazione, bisognerà scegliere fra un’alimentazione casalinga (non avanzi da tavola, ma una dieta su misura di gatto studiata col proprio veterinario o con un nutrizionista veterinario) e un’alimentazione commerciale (crocchette e/o scatolette).

Il Siberiano non richiede una dieta particolare salvo in caso di soggetti con determinate patologie che necessitano di regimi alimentari specifici (gatti allergici o intolleranti, con malattie del tratto gastrointestinale, con problemi di Flutd e calcoli, con insufficienza renale…).

Attenzione a non esagerare con la razione per evitare surplus di cibo che conducono all’obesità. E occhio anche in caso di alimentazione casalinga o con scatolette alla maggior formazione di tartaro sui denti.

Gatto Siberiano: neve

Ma è vero che il gatto Siberiano è un gatto “anallergico”?

C’è questo mito del gatto Siberiano “anallergico”. La parola è messa volutamente fra parentesi perché, al massimo, si può parlare di razze di gatti ipoallergeniche, non del tutto anallergiche.

Preambolo: la cosiddetta “allergia al gatto” è provocata da una proteina prodotta dai mici e presente nella loro saliva, la Fel D1 (l’allergia non è causata dal pelo, ma da questa proteina). Quando il gatto si lecca, ecco che questa proteina attecchisce al pelo e alla cute, il che spiega perché toccando un gatto o entrando in un ambiente in cui è passato un felino, le persone allergiche ai gatti comincino a manifestare i sintomi (anche perché i peli del gatto svolazzano dappertutto, così come nell’ambiente sono presenti i prodotti della normale desquamazione cutanea).

Le razze di gatti “ipoallergeniche” sono quelle che tendono a produrre meno Fel D1. Quindi, di fatto, non è che non ne producono proprio, solo che ne hanno di meno. Motivo per cui potrebbero dare meno problemi alle persone allergiche (il condizionale è d’obbligo perché le persone più sensibili potrebbero comunque manifestare sintomi). Un altro dato interessante: pare che i gatti maschi producano un po’ più Fel D1 rispetto alle femmine. Quindi l’ideale sarebbe prendere un gatto Siberiano femmina se in casa è presente una persona allergica ai gatti, ma che vorrebbe provare a convivere con uno di loro.

Su PubMed sono parecchi gli studi dedicati alla diagnosi delle allergie ai gatti causate dalla proteina Fel D1.

A chi è adatto il gatto Siberiano?

Come carattere, il gatto Siberiano è un gatto che si adatta a tutte le condizioni. Ideale sia per chi vive in appartamento sia per chi ha un giardino (con le dovute precauzioni). Non patisce il freddo, ma di sicuro non tollera la solitudine: è dunque sconsigliato a chi trascorre molte ore fuori casa per lavoro o studio. Vista la mole, valutare bene se inserirlo in famiglie con bambini o con anziani molto fragili (più che altro solo per un discorso relativo al dover sollevare 9 kg di gatto).

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social