Greenstyle Benessere Rimedi naturali Ricette col cumino, proprietà della spezia e alternative in cucina

Ricette col cumino, proprietà della spezia e alternative in cucina

Ricette col cumino, proprietà della spezia e alternative in cucina

Fonte immagine: Pixabay

Il cumino potrebbe essere una di quelle spezie poco usate, in cui ti sei imbattuto mentre facevi la spesa al supermercato. Forse ti sarai anche chiesto a cosa serva esattamente e come si usa in cucina. E sebbene non in molti lo conoscano, questo ingrediente è noto sin dai tempi più antichi.

Si ritiene infatti che venisse utilizzato già nell’antico Egitto. È possibile trovare riferimenti al cumino nell’Antico e nel Nuovo Testamento della Bibbia. Gli studiosi ritengono che la spezia venisse usata non solo come ingrediente per insaporire le ricette, ma anche come elemento utile per la conservazione delle mummie.

In questo articolo vogliamo scoprire quali sono gli impieghi del cumino, come usarlo in cucina e anche esaminare i possibili benefici che questa spezia potrebbe apportare alla nostra salute. Prima di tutto però, vediamo quali sono le origini e le caratteristiche di questa pianta.

Cumino: le caratteristiche di questa spezia

Il cumino che oggi ben conosciamo, non è altro che la spezia ricavata dal seme essiccato di una pianta erbacea annuale chiamata “Cuminum cyminum“. Questa appartiene alla famiglia delle “Apiaceae”, anche dette “Umbrelliferae”, la stessa che comprende un altro ingrediente ampiamente utilizzato nella cucina italiana, vale a dire il prezzemolo. Ne fa parte anche il coriandolo.

La pianta è caratterizzata da foglie filiformi, e durante l’estate si colora di piccolissimi fiori bianchi e rosa.

Una piccola curiosità: il cumino è considerato uno dei principali ingredienti per la preparazione di una spezia famosa in tutto il mondo, vale a dire il curry.

Proprietà curative: a cosa fanno bene i semi di cumino?

Come molte altre spezie, anche il cumino può offrire non solo un gusto stuzzicante, ma anche una serie di proprietà benefiche che lo rendono un ottimo alleato per la nostra salute. In particolar modo, fa bene allo stomaco per via della sua capacità di agire sulle funzioni digestive. Al pari della liquirizia, del rafano e del luppolo, vanta infatti notevoli proprietà carminative.

La pianta viene dunque impiegata per il trattamento di problemi comuni come quello della flatulenza e il meteorismo, aiuta a combattere l’aerofagia e a ridurre la formazione di gas nell’intestino. Inoltre, stimola il senso dell’appetito e aiuta a combattere i dolorosi spasmi intestinali e le coliche.

Secondo la tradizione, la pianta eserciterebbe anche un’azione galattogoga, come il finocchio. Ciò significa che la sua assunzione dovrebbe aumentare e favorire la produzione di latte da parte della neo-mamma. Prima di assumere questa spezia durante la gravidanza o durante l’allattamento, parlane però con il tuo medico per evitare di mettere a rischio la tua salute o quella del tuo bambino.

Come si prepara la tisana di cumino?

Se vuoi sfruttare le proprietà benefiche del cumino, una tisana potrebbe fare al caso tuo. Prepararla è semplicissimo. Ti basterà infatti versare 8 grammi di fiori di cumino, 8 grammi di semi di finocchio e 8 grammi di menta in una pentola con 200 ml di acqua bollente e lasciare in infusione per 10 minuti. Quindi, filtra il tutto e bevi per due volte al giorno. In questo modo potresti migliorare la salute del tuo stomaco e favorire una corretta digestione.

Come puoi notare, si tratta di un procedimento molto semplice.

Cumino, controindicazioni

Sarà importante prestare attenzione, poiché un’assunzione eccessiva di questa spezia potrebbe risultare nociva per la salute. Consulta dunque il medico per conoscere il dosaggio più adatto.

Inoltre, bisognerà evitare di assumere il cumino in grandi quantità se soffri di malattie al fegato o in caso di ipersensibilità verso uno o più componenti della pianta.

Per puro scopo precauzionale, evita infine di assumere il cumino in gravidanza o durante l’allattamento. Salvo benestare del medico.

Come si usa il cumino in cucina?

cumino in cucina
Fonte: Pixabay

Parliamo adesso degli usi del cumino in cucina. Questa spezia è disponibile sia sotto forma di semi interi che come polvere. Quest’ultima viene ottenuta dalla macinatura dei semi tostati.

Questa spezia è di colore bruno-giallognolo, ma nei supermercati più forniti potresti trovare anche delle varianti differenti, come ad esempio il cumino nero o il cumino verde.

I semi interi trovano largo uso soprattutto nelle ricette indiane, mentre la polvere macinata si trova soprattutto nei piatti messicani e in quelli mediorientali. In Germania questo ingrediente viene impiegato per la realizzazione di una bevanda alcolica, il Kummel.

Infine, come abbiamo accennato, il cumino è un ingrediente del curry in polvere. Ma spesso anche del peperoncino in polvere.

Che gusto ha il cumino?

Prima di vedere come inserire il cumino nelle ricette, sarà il caso di identificarne l’esatto sapore. Il cumino ha un gusto che viene definito “caldo e pungente”, un dolce-amaro che è in grado di esaltare i sapori delle ricette più disparate.

Per esaltare al meglio il suo aroma e il suo gusto, prova a tostare leggermente la spezia (sia i semi interi che il cumino in polvere) in una padella antiaderente, a fuoco basso e per al massimo due minuti. In questo modo renderai più intenso il suo caratteristico sapore.

Ricette con il cumino: le idee da provare

Abbiamo visto che il cumino viene impiegato in molti modi in cucina. Se lo usi per la prima volta, prova a spolverarlo sulle carni arrostite o sui salumi, magari con timo o rosmarino. Va d’accordo con l’aglio, quindi aggiungilo come ingrediente alle polpette o spolverane un pizzico sulle patate o sulle zucchine al forno.

Potresti anche preparare una gustosa salsa di yogurt al cumino e menta, o perché no, potresti anche cimentarti nella realizzazione di un tipico piatto della cucina indiana, ovvero il riso jeera. Fra gli ingredienti di questa pietanza vi sono il riso basmati e varie spezie, in primis i semi di cumino, al quale si aggiungono chiodi di garofano, cardamomo e cannella.

Anche un guacamole (ovvero la famosa salsa messicana a base di avocado, limone e spezie) può assumere un gusto più sfizioso grazie a una spolverata di cumino. Lo stesso vale per i prodotti da forno, come il pane o la focaccia.

Se intendi usare i semi, ricorda di aggiungerli alle tue ricette sin dall’inizio della preparazione. In questo modo avranno tutto il tempo per rilasciare il proprio sapore e la propria essenza, arricchendo così il tuo piatto.

Dove si può trovare il cumino?

Cumino, le caratteristiche
Fonte: Pixabay

Hai finalmente deciso di provare una ricetta con il cumino? Allora non ti resta che acquistare i semi o la versione in polvere. Ma dove si compra esattamente questo prodotto? In moltissimi supermercati, nell’apposita sezione dedicata alle spezie, potrai riuscire a trovarlo senza alcuna difficoltà.

Generalmente il prezzo del cumino si aggira intorno ai 2 euro per una confezione da 20 grammi. Se sei in cerca di una soluzione più economica, prova a rivolgerti ai supermercati internazionali, dove è più semplice trovare cibi e spezie tipici della cucina straniera.

Alternative al cumino

Non hai avuto modo di acquistare il cumino ma ti serve una spezia simile per ultimare una ricetta? Nessun problema. Fortunatamente infatti potrai sostituire questa spezia con altri ingredienti dal gusto abbastanza rassomigliante che molto probabilmente si trovano già nella tua dispensa.

Ecco quali sono le spezie impiegate per sostituire il cumino nelle ricette:

  • Coriandolo macinato: anche questa spezia conferisce un sapore caldo e avvolgente alle tue ricette
  • Curry in polvere: come abbiamo accennato, il cumino è proprio uno degli ingredienti principali del curry, e ciò rende quest’ultimo un valido sostituto in caso di necessità.
  • Paprika: offre la tipica “affumicatura” del cumino ma non il suo gusto. Tuttavia, sarà in grado di conferire un colore rossastro e invitante ai tuoi piatti!

Adesso sai proprio tutto sul cumino, sui suoi effetti benefici e sui diversi modi per aggiungerlo alle tue ricette e sfruttarne le proprietà anche in cucina. Non ti rimane quindi che metterti ai fornelli e preparare un buon infuso, un guacamole, delle patate al forno speziate e tutti i tuoi piatti preferiti!

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare