Greenstyle Alimentazione Alimenti Alghe nori: proprietà, usi e controindicazioni

Alghe nori: proprietà, usi e controindicazioni

Alghe nori: proprietà, usi e controindicazioni

Fonte immagine: Pixabay

Fra le alghe commestibili, l’alga nori è quasi certamente una delle più famose al mondo. Il motivo è semplice: si tratta della famosa alga scura che avvolge il sushi, i temaki e gli hosomaki che tanto amiamo. Molto probabilmente ti sarà già capitato di assaggiarla, ma forse non ne conoscevi ancora le tante proprietà benefiche per la salute.

Eh si, perché gli ingredienti del sushi non formano solo un mix prelibato di sapori stuzzicanti, ma possono anche regalare numerosi vantaggi al nostro corpo.

In particolar modo, l’alga nori è capace di apportare vitamine, minerali, aminoacidi essenziali e tante altre sostanze salutari.

Questo particolare ingrediente è in realtà un’alga rossa appartenente al genere Porphyra (è questo il suo nome scientifico), della famiglia delle Bangiophyceae, ed è considerata un alimento immancabile nella dieta giapponese.

Non solo viene usata per custodire il riso, ma l’alga nori – spesso chiamata anche “lattuga di mare” – è venduta anche essiccata e tostata, sotto forma di saporito snack spezza-fame, ricco di fibre e nutrienti essenziali.

Valori nutrizionali

Alghe nori
Fonte: Pixabay

Le alghe nori sono considerate essenzialmente un vero e proprio superfood. Ma esattamente cosa contiene l’alga Nori?

Al suo interno, come nel caso di molte altre alghe commestibili, il prodotto racchiude un mix di sali minerali, proteine, acido folico, amminoacidi essenziali, vitamine ed acidi grassi Omega 3.

In particolar modo, sorprende la quantità di vitamina C (maggiore rispetto a quella contenuta nelle arance).

In 100 grammi di alghe nori sono inoltre contenute:

Quante calorie ha un foglio di alga nori?

A fronte dell’alto valore nutritivo delle alghe nori, si evidenzia anche un apporto calorico molto basso.

Le calorie dell’alga nori sono infatti circa 35 per 100 grammi di prodotto. Ciò vuol dire che per un foglio (che ha un peso di circa 3 grammi) le calorie saranno davvero pochissime.

A cosa fanno bene le alghe nori?

Ma scopriamo quali sono i benefici dell’alga nori. La ricca presenza di acidi grassi essenziali Omega 3 rende questo alimento un ottimo alleato per il nostro organismo.

In più, abbiamo visto che le nori apportano anche amminoacidi essenziali, come l’arginina e la taurina. Quest’ultima, in particolar modo, supporta il buon funzionamento del fegato e aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

Ma vediamo quali sono gli altri benefici delle alghe nori.

Utili per la tiroide

La presenza di iodio rappresenta un vantaggio per coloro che soffrono di ipotiroidismo da carenza di iodio, supportando così il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea.

Fanno anche dimagrire?

Si ritiene che la ricca presenza di fibre contenute nelle alghe nori aiuti a favorire il senso di sazietà, tenendo alla larga il rischio di sgarrare e aiutandoti quindi a mantenere un sano peso corporeo.

Un aiuto contro i tumori

Le alghe nori, come molti altri alimenti di origine vegetale, sono anche un’ottima fonte di sostanze antiossidanti, e aiutano quindi a ridurre il rischio di cancro e quello di sviluppare numerose altre malattie croniche gravi.

Un alleato per vegani e vegetariani

La vitamina B12, spesso presente in ridotte quantità nelle diete senza carne né pesce, è discretamente contenuta nelle alghe nori, per cui questo alimento può rappresentare una buona fonte alimentare vegetale per evitare possibili carenze.

Un rimedio contro la stitichezza

Sempre l’alto contenuto di fibre rende la nori un’alga amica dell’intestino, per cui si tratta di una fidata alleata contro la stitichezza.

Proteggono il tuo cuore

Grazie ai suoi composti, l’alga nori è anche considerata in grado di migliorare e supportare la salute del cuore, riducendo i livelli di lipidi e quelli di colesterolo LDL nel sangue.

Come possiamo notare, i benefici dell’alga nori sono parecchi. Non a caso, sembra che in Corea del Sud questo alimento sia considerato un eccellente rinvigorente per il corpo, capace di favorire il ringiovanimento.

Come si usa l’alga Nori?

Fonte: Pixabay

Proprio come l’alga Kombu e come l’alga wakame, anche la nori è molto impiegata nelle ricette giapponesi, a cominciare dalla preparazione del sushi. L’alga è però utilizzata anche per decorare e aromatizzare zuppe, piatti di ramen e altre pietanze deliziose.

Come si mangia l’alga nori?

Puoi mangiare l’alga nori aggiungendola semplicemente alle preparazioni, al sushi, alle zuppe o alla tua Poke preferita, oppure potresti gustarla sotto forma di snack essiccato e tostato, da abbinare ad aperitivi alternativi o da consumare a merenda.

Che sapore ha l’alga nori?

La nori ha un sapore delicato, con un leggero sentore marino e salato. Si tratta di un gusto adatto per la preparazione di diverse pietanze, un sapore che piace a grandi e bambini.

Quanta alga nori si può mangiare al giorno?

Circa 3 grammi di alga nori saranno più che sufficienti per il consumo giornaliero. A seconda della grandezza dei fogli, potrebbe trattarsi di un solo foglio o di due o tre fogli di alga nori.

Come sempre, ti consigliamo di non eccedere con il consumo. Anche l’alimento più buono e sano del pianeta, se assunto in quantità eccessive, può infatti causare problemi alla salute.

Quanto costa l’alga nori?

L’alga nori è solitamente venduta sotto forma di fogli di colore verde scuro o rossastro. Il costo di una confezione da 50 grammi (circa 20 fogli) è di 5 euro, ma il prezzo può variare in base alla marca e naturalmente in base alla qualità del prodotto.

Nell’acquisto, ti consigliamo di scegliere delle alghe biologiche con provenienza certificata. Ricorda infatti che le alghe tendono ad assorbire le sostanze presenti nel loro ambiente, per cui è preferibile acquistare un prodotto biologico e privo di inquinanti e sostanze pericolose.

Conservazione

Fonte: Pixabay

L’alga va conservata in un contenitore ermetico asciutto, in un luogo fresco della cucina. Se non prevedi di consumarla entro un paio di settimane, c’è chi consiglia di conservare la nori in freezer, in modo da prolungarne la disponibilità anche per i mesi successivi.

Alghe nori: controindicazioni

Prima di sgranocchiare il tuo nuovo snack di alga nori, sarà bene conoscerne le possibili controindicazioni. Sebbene possa offrire numerosi benefici, quest’alga dovrebbe essere evitata durante la gravidanza e l’allattamento (o almeno, chiedi un parere al tuo medico prima di consumarla).

Inoltre, un consumo eccessivo può risultare dannoso, specialmente per chi soffre di patologie della tiroide.

In generale, se soffri di alcune patologie sarà bene chiedere consiglio al medico curante prima di consumare grandi quantità di alghe. Tieni a mente che alcune di queste, infatti, potrebbero interferire con l’efficacia di determinati farmaci (come quelli per trattare l’ipertiroidismo o gli anticoagulanti), per cui sarà saggio chiedere consiglio al medico prima di consumarle.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare