Greenstyle Benessere Salute Arginina: a cosa serve e come assumerla

Arginina: a cosa serve e come assumerla

Arginina: a cosa serve e come assumerla

Fonte immagine: Pixabay

L’arginina, nota anche con il nome di L-arginina, alleata del cuore e utile rimedio contro le infiammazioni, è un amminoacido semi-essenziale, anche detto “condizionatamente essenziale”, che viene coinvolto in numerose funzioni del nostro organismo.

Questo aminoacido svolge un ruolo molto importante durante alcune fasi ben precise della vita, ad esempio durante la primissima infanzia.

È infatti indispensabile nell’alimentazione del bambino, mentre a partire dai 13 anni non è più considerato “essenziale”, in quanto può essere sintetizzato dal corpo a partire da altre sostanze ed è peraltro facilmente assorbibile, semplicemente seguendo una dieta varia e bilanciata.

Ma a cosa serve esattamente l’arginina? Chi dovrebbe assumere degli integratori e per quale motivo? Vediamo cosa bisogna sapere in merito agli effetti dell’arginina sulla salute, come e quando assumerla.

A cosa serve l’arginina?

Fonte: Pixabay

Tale aminoacido svolge un ruolo importante nei processi biochimici di sintesi delle proteine e del glucosio, interviene nella sintesi della creatina, stimola il rilascio dell’ormone della crescita ed esercita un’azione antiossidante e immunostimolante.

In più, l’arginina può anche migliorare la salute del cuore e quella del cervello.

Ma vediamo più nel dettaglio quali sono i benefici per il nostro benessere.

Fa bene al cuore

Nel corpo, l’aminoacido arginina si trasforma in ossido nitrico (NO), un neurotrasmettitore che permette di “rilassare” e dilatare i vasi sanguigni e di migliorare di conseguenza la circolazione, favorendo così il buon funzionamento del sistema cardiovascolare.

È stato osservato che nelle persone con maggior rischio di eventi cardiovascolari vi sono spesso bassi livelli di arginina, ragion per cui talvolta i medici prescrivono degli integratori contenenti questo aminoacido, in modo da scongiurare il rischio di eventi come ictus e infarto.

In più, l’arginina esercita effetti vasodilatatori, aiuta a ridurre i livelli di colesterolo LDL e quelli dei trigliceridi.

Ne guadagna anche il cervello

Si ritiene che questo aminoacido eserciti la sua attività anche a livello cerebrale, migliorando le capacità mnemoniche e riducendo il rischio di demenza.

Non a caso, l’arginina è considerata un elemento fondamentale per il buon funzionamento della nostra memoria.

Migliora le difese immunitarie

Adeguati livelli di arginina nell’organismo permettono di potenziare le difese del nostro corpo, fortificando il sistema immunitario e aiutandolo a difendersi da eventuali agenti patogeni.

Effetti contro la disfunzione erettile

È utile assumere l’arginina per favorire l’erezione? La risposta sembra essere positiva. Questo aminoacido viene infatti impiegato per ottimizzare i trattamenti contro l’impotenza maschile e nella cura della disfunzione erettile dovuta a una causa fisica.

Benefici anche per chi fa sport

Si ritiene che un integratore di arginina possa anche migliorare le prestazioni atletiche degli sportivi e la loro capacità di resistenza. Un simile risultato sarebbe dovuto agli effetti vasodilatatori dell’arginina, che aumentando il flusso di sangue apportano più ossigeno a muscoli e articolazioni.

In più, questo aminoacido sarebbe collegato anche a una maggiore capacità del corpo di bruciare grassi e favorire l’eliminazione del tessuto adiposo, permettendo quindi di perdere peso in modo più efficace.

Benefici anche per i capelli

Cosa c’entra l’arginina con i capelli? In sinergia con l’azione di altri aminoacidi, l’arginina sembra essere un valido alleato per favorire il processo di crescita dei capelli, rendendoli più forti e robusti, e contrastandone efficacemente la caduta.

Un rimedio contro le infiammazioni

Spesso somministrata insieme ad altri aminoacidi e sostanze dall’effetto anti-età, l’arginina possiede anche delle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, e si rivela quindi un valido alleato contro le infiammazioni e contro i danni causati dai radicali liberi.

In che alimenti si trova l’arginina?

Abbiamo visto che, in buona parte dei casi, per assumere le giuste quantità di questo aminoacido è sufficiente seguire una sana alimentazione.

Una persona adulta assume in media dai 3,5 ai 5 grammi di arginina al giorno semplicemente mangiando in modo salutare.

Questo aminoacido è infatti presente in un’abbondante quantità di alimenti, fra cui:

  • Frutta secca e semi oleosi
  • Legumi
  • Carne
  • Pesce
  • Pollame
  • Latticini
  • Cereali integrali
  • Riso
  • Uova.

Come puoi notare, gli alimenti proteici rappresentano dunque un ottimo modo per assumere le giuste quantità giornaliere di L-arginina.

Se però non ne stai assumendo in quantità adeguate, il medico potrebbe consigliare un’integrazione.

Arginina: quando assumerla?

Fonte: Pixabay

Quando si prende l’arginina? In realtà, vista la lunga lista di alimenti con arginina che abbiamo appena elencato, è raro che una persona possa sviluppare una carenza tale da richiederne un’integrazione.

Tuttavia, casi di carenza di arginina sono stati riscontrati in persone che seguono diete molto rigide, come quella vegana, o in persone sottoposte a forte stress psicofisico o in coloro che soffrono di determinate patologie.

In tal caso, una carenza di arginina potrebbe comportare l’insorgenza di sintomi come:

  • Alterazioni del sonno
  • Spossatezza
  • Difficoltà di concentrazione.

Allo stato attuale, gli integratori sono consigliati nei pazienti con patologie cardiovascolari, angina, pressione alta, demenza senile, infertilità maschile, per ottimizzare le prestazioni atletiche e migliorare le difese immunitarie.

In associazione con altre molecole, gli integratori sono consigliati anche per combattere condizioni come emicrania, infezioni e nel trattamento del cancro al seno.

Dosaggio

Il dosaggio varia in base alla tipologia di integratore, e deve essere sempre indicato sull’etichetta della confezione.

In tutti i casi, il corretto dosaggio giornaliero dovrebbe essere stabilito dal medico, mentre l’assunzione dovrebbe avvenire preferibilmente durante il pasto.

Se assunto a stomaco vuoto, questo integratore potrebbe avere degli effetti lassativi.

Arginina: controindicazioni ed effetti indesiderati

Se assunti seguendo le indicazioni del medico e per un breve periodo di tempo, gli integratori di L-arginina sono considerati sicuri per la salute.

Un dosaggio superiore rispetto a quello consigliato potrebbe però causare effetti indesiderati, come:

  • Dolori addominali
  • Gonfiore
  • Abbassamento della pressione
  • Crampi
  • Reazioni allergiche, con sintomi come eruzione cutanea, orticaria e prurito
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea.

Chi non deve assumere arginina?

Gli integratori non dovrebbero essere assunti durante la gravidanza né durante l’allattamento. A questa controindicazione fanno eccezione casi specifici, come quello delle pazienti con pre-eclampsia, una complicanza che può insorgere durante la gravidanza, caratterizzata da ipertensione e presenza di proteine nelle urine.

Gli integratori dovrebbero inoltre essere evitati da chi ha da poco avuto un infarto, in presenza di ipersensibilità personale o anche in caso di insufficienza epatica o renale.

Interazioni farmacologiche

L’integrazione va evitata da coloro che assumono determinati tipi di farmaci, come quelli per l’ipertensione, i farmaci antiaggreganti, nitrati, farmaci come il viagra per il trattamento della disfunzione erettile e altri medicinali.

Anche in questo caso, sarà bene chiedere un parere al medico prima di assumere questo integratore. Parla con il dottore anche se stai assumendo altri integratori o rimedi naturali, e intendi assumere l’arginina.

Infine, se è in previsione un intervento chirurgico, sarà necessario interrompere l’assunzione del prodotto almeno 2 settimane prima del giorno dell’operazione.

Le informazioni riportate su GreenStyle sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social