Greenstyle Benessere Rimedi naturali Clorella: benefici e controindicazioni di questa alga

Clorella: benefici e controindicazioni di questa alga

Clorella: benefici e controindicazioni di questa alga

Fonte immagine: Pixabay

Fra le alghe che fanno bene alla salute, rientra a pieno titolo la clorella, un’alga unicellulare d’acqua dolce incredibilmente ricca di sostanze nutritive, come vitamine, sali minerali e proteine. La Clorella è una parente “stretta” della spirulina, un’alga azzurra, o più esattamente un cianobatterio, dalle riconosciute proprietà benefiche.

Dal canto suo, la clorella, anche nota con il nome di Chlorella, è un membro della famiglia delle microalghe Clorofite, ha un diametro di soli 2-4 µm, micromètri, è particolarmente apprezzata per gli effetti benefici che riesce a esercitare per la nostra salute.

Il caratteristico colore verde della Clorella deriva dalla grande quantità di clorofilla contenuta al suo interno. Pensa che questa piccola alga contiene più clorofilla di qualsiasi altro alimento vegetale.

Il nome della Chlorella deriva proprio dal greco “Chloros”, verde e dal suffisso -ella, piccolo. Si ritiene inoltre che, oltre ad essere una delle piante più studiate al mondo sin dalla fine degli anni ’40, quest’alga d’acqua dolce sia anche una delle più antiche esistenti sulla Terra. La sua comparsa risalirebbe addirittura a 2,5 miliardi di anni fa.

Viste le sue numerose proprietà nutritive, più volte la chlorella è stata proposta come una potenziale soluzione per arginare la crisi di fame nel mondo.

Proprietà nutrizionali

Ormai gli effetti benefici delle alghe sono ampiamente noti e riconosciuti. Queste forniscono infatti numerose sostanze nutritive, come minerali, antiossidanti, vitamine e composti vegetali benefici.

In particolar modo, la clorella si rivela un’ottima fonte di vitamina K, vitamina C, vitamina D e vitamina A.

In più, un consumo appropriato di questo ingrediente può apportare numerosi minerali, in primis il ferro, non a caso la clorella è spesso consigliata nel trattamento delle anemie, ma anche lo zinco, il calcio e il magnesio.

La Chlorella apporta anche vitamina B12, fattore particolarmente rilevante per chi segue delle diete vegetali, come quella vegana o quella vegetariana.

Clorella: benefici

Clorella
Fonte: Pixabay

Ma a conti fatti, a cosa serve la clorella? E quali benefici può offrire alla salute? Spesso integratori a base di quest’alga vengono promossi come una sorta di superfood benefico e multitasking.

In effetti, la lista dei possibili benefici è piuttosto lunga, sebbene siano necessarie nuove ricerche prima di poterli confermare.

Intanto, ecco una lista dei possibili effetti benefici della clorella per la salute.

Ti depura

Questa piccola alga ha la capacità di depurare il corpo ed espellere le tossine in eccesso, grazie alla presenza della clorofilla e di altri composti vegetali.

Inoltre, la clorella aiuta anche ad eliminare i metalli pesanti dal corpo.

Quotidianamente il nostro organismo è esposto a un certo livello di metalli pesanti, che possono provenire dalla dieta o da abitudini malsane e stili di vita scorretti. A quanto sembra, però, la clorella potrebbe aiutare a eliminare i metalli pesanti, riducendo così il rischio di sviluppare malattie e problemi di salute.

Ti aiuta a combattere le influenze

La clorella rinforza anche le difese immunitarie, tenendo alla larga i malanni di stagione, fastidiose influenze e altre malattie.

In più, secondo alcune fonti, l’alga aiuterebbe anche le persone con alcuni tipi di tumori a rinforzare il corpo e tollerare meglio gli effetti indesiderati della chemioterapia e delle radiazioni.

Un aiuto per lo stomaco

Quest’alga è anche in grado di migliorare la digestione, riducendo disturbi comuni come il gonfiore addominale e quella fastidiosa sensazione di pesantezza dopo mangiato.

Un pieno di antiossidanti

Grazie alla ricca presenza di sostanze antiossidanti, la clorella sostiene il corpo nella lotta contro i radicali liberi e riduce i livelli di infiammazione, tenendo alla larga il rischio di sviluppare numerose malattie, dal quelle cardiache a quelle gastrointestinali.

Un alleato vegani e vegetariani

Oltre alla vitamina B12, la Chlorella offre numerosi nutrienti utili, comprese vitamine, proteine e minerali, per chi segue diete a basso contenuto proteico, come quella vegana e vegetariana.

L’alga clorella fa dimagrire?

Sembra che questa alleata sia anche in grado di favorire la perdita di peso. In che modo? La clorella sarebbe capace di ridurre il desiderio di gelati, patatine e altri cibi malsani, e al contempo può migliorare il delicato equilibrio del sistema digerente, supportando la microflora intestinale.

In più, a fronte della grande quantità di sostanze nutritive contenute, la chlorella apporta pochissime calorie, rivelandosi un vero e proprio super food amico della linea.

Se sei una persona sportiva, inoltre, devi sapere che questa alga può rappresentare un valido aiuto, in quanto permette di ottimizzare le tue prestazioni e la resistenza.

Fa bene anche al cuore

Una regolare assunzione di alga clorella aiuta a proteggere la salute del cuore, riducendo i livelli del colesterolo cattivo e abbassando quelli dei trigliceridi.

Come puoi notare, i possibili benefici dell’alga sono molti. Prima di assumere degli integratori di clorella, però, ti consigliamo di chiedere sempre consiglio al medico, specialmente se soffri di alcune patologie o se ti stai sottoponendo a dei trattamenti medici e farmacologici.

Clorella e spirulina: quali sono le differenze?

Abbiamo esordito dicendo che clorella e spirulina sono in qualche modo parenti. In realtà, però, va sottolineato che questi due rimedi naturali presentano alcune differenze, a cominciare dal fatto che la spirulina in realtà non è un’alga, bensì un tipo di cianobatterio.

Come la clorella, però, anche la spirulina apporta numerose sostanze benefiche e nutritive, con un minor contenuto calorico. Dal canto suo, la clorella ha però maggiori livelli di vitamine e minerali, inoltre rappresenta una fonte più adeguata di acidi grassi Omega 3.

Clorella: dosaggio e quando assumerla

Fonte: Pixabay

Quando si prende la clorella? Vista la lunga lista di benefici dell’alga, questa domanda è più che lecita. Nel nostro Paese è possibile acquistare la clorella in compresse, sotto forma di polvere, racchiusa in capsule o come estratto. Puoi acquistarla nei negozi di prodotti naturali, e utilizzarla per migliorare la tua salute a 360 gradi.

E a questo proposito, come si usa la clorella? Se hai scelto le capsule, ti basterà consumarle con dell’acqua. Nel caso della clorella in polvere, invece, potresti aggiungerla alle tue preparazioni, a un frullato o allo yogurt. Per mascherare il sapore “di alga”, potresti anche aggiungerlo a piatti più sfiziosi, come la maionese fatta in casa o dei muffin verdi, sani e buoni.

Il dosaggio, per questi integratori, generalmente è di circa 3 grammi al giorno. Evita di eccedere nel consumo e affidati sempre alle indicazioni riportate sulla confezione o ai consigli del medico.

Come vedremo, un dosaggio eccessivo potrebbe causare fastidiosi disturbi gastrointestinali. Per la clorella in polvere o liquida, utilizza gli appositi misurini per non sbagliare.

Clorella: effetti collaterali

Ora che sappiamo a cosa serve la clorella, è il caso di conoscere anche i possibili effetti collaterali di questa microalga. Se assunta nelle dosi consigliate, l’utilizzo della clorella è considerato sicuro per la salute. Tuttavia vi sono sempre delle eccezioni da tenere in considerazione. Ad esempio, potrebbero verificarsi delle allergie.

Problemi di salute legati a un dosaggio eccessivo comprendono generalmente sintomi gastrointestinali, con disturbi come:

  • Gonfiore
  • Nausea
  • Flatulenza
  • Mal di pancia
  • Feci verdi
  • Diarrea.

Inoltre, il prodotto potrebbe aumentare la fotosensibilità, comportando un maggior rischio di scottarsi al sole.

Controindicazioni

L’integratore è controindicato durante la gravidanza e l’allattamento, in quanto non sono noti i possibili effetti per la mamma e per il bambino.

Sarà importante prestare attenzione anche al rapporto fra clorella e tiroide. A causa della presenza di iodio, un integratore potrebbe infatti provocare effetti negativi, aumentando i sintomi dell’ipertiroidismo o dell’ipotiroidismo.

Interazioni farmacologiche

Infine, non sottovalutare anche il rischio di possibili interazioni farmacologiche. L’integratore di clorella dovrebbe essere evitato da coloro che assumono farmaci immunosoppressori, in quanto tende a stimolare il sistema immunitario.

Inoltre, visto l’elevato contenuto di vitamina K, la clorella deve essere evitata da chi assume farmaci anticoagulanti come il warfarin.

Se intendi assumere questo o un altro integratore, prima di iniziare chiedi consiglio al medico, informalo in merito agli altri farmaci e integratori che stai assumendo, in modo da evitare il rischio di possibili interazioni o effetti indesiderati.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare