Greenstyle Benessere Salute Alga rossa: proprietà e controindicazioni

Alga rossa: proprietà e controindicazioni

Alga rossa: proprietà e controindicazioni

Fonte immagine: Unsplash

L’alga rossa sta ottenendo sempre più popolarità fra gli appassionati di rimedi naturali, per le proprietà benefiche associate al suo utilizzo. Conosciute sin da tempi antichissimi, le alghe rosse vengono da sempre considerate un vero toccasana per la salute, almeno all’interno della tradizione popolare.

Oggi sono studiate anche in laboratorio e, sebbene non tutte le loro proprietà abbiano trovato precisa conferma nella scienza, la richiesta di questi vegetali è cresciuta sensibilmente. Ma cosa è l’alga rossa, quali benefici apporta e quali sono le controindicazioni?

Ma prima di cominciare, è importante dire come quello di alga rossa sia un termine generico. Sono oltre 4.000 le specie conosciute e decine quelle impiegate per la produzione di rimedi naturali. Addirittura, alcune varietà sono impiegate anche per l’alimentazione umana. Di seguito, tutte le informazioni utili.

Cosa è l’alga rossa

Alghe Rosse

Con il termine generico alga rossa solitamente si identifica la famiglia dei Rhodophyta, uno degli organismi autotrofi eucarioti più antichi sulla Terra. Oggi se ne conoscono almeno 4.000 specie, suddivise sia in unicellulari che pluricellulari. Le alghe rosse sono normalmente diffuse in ambiente marino, ma non mancano alcune specie che si sono riuscite ad adattare anche all’acqua dolce.

Le diverse varietà di alga rossa di solito vivono in acque tiepide o calde, come quelle più tipicamente tropicali, e si caratterizzano per varie forme e ramificazioni. La loro peculiarità più evidente è quella del colore – rosso o violaceo, appunto – che le differenzia dalle più comuni alghe verdi.

Questa caratteristica è dovuta alla presenza di alcuni pigmenti sia rossastri che bluastri, detti ficocianine: queste, in concerto con alcuni cianobatteri che vivono in simbiosi con la pianta, permettono di eseguire la fotosintesi clorofilliana anche a profondità molto elevate, dove i raggi del sole arrivano estremamente affievoliti.

Oltre a essere in grado di ossigenare abbastanza efficacemente le acque, le alghe rosse sono anche importanti per la formazione della barriera corallina, perché nel tempo permettono la formazione di strutture organiche solide, poi abitate da molluschi e altre specie.

Come già accennato in apertura, alcune delle varietà – fra le oltre 4.000 conosciute – sono impiegate sia per l’alimentazione umana che come rimedio naturale per il trattamento di diversi disturbi.

Varietà usate per l’alimentazione o la cura

Non è semplice parlare di tutti gli esemplari che compongono la grande famiglia delle alghe rosse, anche perché sono migliaia di specie diverse. Ve ne sono alcune che però spiccano, perché impiegate dall’uomo come varietà commestibili o per la produzione di rimedi naturali.

  • Palmaria palmata e Porphyra: si tratta di due alghe rosse abbastanza diffuse nell’Atlantico, molto apprezzate in Gran Bretagna – e in particolare in Scozia – per il loro gusto piccante. Possono essere mangiate fresche, più frequentemente in zuppa o per la preparazione di condimenti piccanti;
  • Generi Gelidium e Chondrus: molto scelte per la produzione di rimedi naturali per il benessere dell’organismo.

Proprietà e benefici dell’alga rossa

Ma quali sono le proprietà e i benefici dell’alga rossa, quali applicazioni hanno trovato nel corso dei secoli per la salute?

Caratteristiche e proprietà delle alghe rosse

Alghe

Per cominciare, è utile elencare le proprietà e i principi attivi contenuti nelle principali varietà di alghe rosse. Come primo elemento, nell’alga rossa si rilevano altissime dose di calcio e di vitamina K: il primo minerale è indispensabile per la salute delle ossa, la seconda è una vitamina necessaria all’organismo per stimolare la coagulazione del sangue e garantire un corretto funzionamento dell’apparato circolatorio.

Poi, le alghe rosse presentano solitamente elementi quali cellulosa, xilani, flavonoidi e mannani. Ma spiccano soprattutto le carragenine, delle sostanze addensanti tipiche delle alghe rosse e usate in cucina ad esempio per fare gelatine, così come l’agar agar, impiegato allo stesso scopo.

Alga rossa per il transito intestinale

Proprio poiché ricche di sostanze addensanti, le alghe rosse sono spesso scelte per il benessere dell’intestino – in particolare del colon – tanto da essere spesso uno degli ingredienti di base degli integratori per la regolarizzazione del transito.

Ad esempio possono aiutare in caso di diarrea, rendendo le feci più solide, ma anche sul fronte della stitichezza, stimolando la peristalsi e, di conseguenza, anche l’evacuazione. Ancora, la tradizione popolare sostiene possano essere molto utili per favorire la digestione a livello di stomaco, così come la corretta produzione di succhi gastrici.

Alghe rosse per pelle e cellulite

Crema cellulite

Poiché ricche di sali minerali e vitamine che favoriscono la circolazione sanguigna, spesso i derivati delle alghe rosse vengono impiegati a livello topico per il miglioramento della pelle. A seconda delle necessità, possono risultare utili per:

  • Regolazione del sebo: data una media azione battericida, le alghe rosse aiutano a regolare la produzione di sebo, limitando l’apparizione di antiestetici problemi quali l’acne o la formazione di punti neri;
  • Unghie e capelli: sembra che alcune tipologia di alga rossa siano in grado di favorire la produzione di cheratina, essenziale per la crescita più rapida di unghie e capelli, nonché per rinforzarli. Ancora, se la varietà prescelta presenta buone quantità di vitamine C ed E, capelli e unghie appariranno anche più lucenti;
  • Cellulite: l’alga rossa è spesso uno degli ingredienti cardine per le creme anticellulite. Questo perché innanzitutto stimola la circolazione sanguigna, quindi aiuta a ripristinare la micro circolazione locale e lo smaltimento dell’adipe in eccesso. Ancora, perché l’elevato contenuto in sali minerali e iodio può stimolare la rigenerazione del tessuto cutaneo in profondità.

Alga rossa come antiossidante

L’alga rossa è inoltre impiegata come antiossidante, perché alcuni dei suoi principi attivi dimostrano un effetto di contrasto all’azione dei radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. Tale azione, non ancora pienamente confermata a livello scientifico, secondo la tradizione popolare riguarderebbe diversi ambiti della salute:

  • Bellezza: il blocco ai radicali liberi aiuta a prevenire le rughe e mantenere la pelle tonica e morbida, grazie a un efficiente ricambio cellulare;
  • Apparato cardiovascolare: sempre grazie all’azione antiossidante, le alghe rosse pare possano contrastare in modo efficace l’aumento dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue, proteggendo così a fondo le arterie;
  • Rischio tumori: secondo alcuni, sebbene le ricerche siano tutt’ora in corso, questa forte azione antiossidante potrebbe ridurre il rischio di sviluppare alcune tipologie di tumore, sia rinforzando il sistema immunitario e aiutandolo a riconoscere le cellule tumorali, che bloccano sul nascere alcuni meccanismi che sarebbero alla base delle neoplasie.

Alga rossa come depurante

Pancia

Nella tradizione più remota dei rimedi naturali, l’alga rossa è indicata come un ritrovato depurante. Può favorire l’azione di pulizia del rene, aiuta l’organismo a liberarsi dalle tossine e avrebbe un effetto positivo per il funzionamento del fegato.

Anche in questo caso, però, serviranno ulteriori studi per confermare oppure smentire queste proprietà.

Controindicazioni dell’alga rossa

Rimedi naturali

Ma quali sono le controindicazioni dell’alga rossa, quando è meglio non assumerla? Innanzitutto, è sempre consigliato chiedere un parere al proprio medico curante prima di assumere qualsiasi rimedio naturale, così da vagliarne la compatibilità con le proprie condizioni di salute e con l’eventuale assunzione già in corso di farmaci.

Nel dettaglio, le alghe rosse non sembrano essere consigliate a chi soffre di ipertensione, per il loro alto contenuto in sale che potrebbe addirittura peggiorare la situazione. Così come in chi soffre di disturbi legati alla coagulazione, dato l’apporto importante di vitamina K.

E si può assumere l’alga rossa in caso di ipertiroidismo? In genere l’assunzione è sconsigliata, perché queste alghe sono ricchissime di iodio.

Le informazioni riportate su GreenStyle sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare