Greenstyle Alimentazione Alimenti Spesa di gennaio: frutta e verdura del mese

Spesa di gennaio: frutta e verdura del mese

Frutta e verdura di stagione per fare sempre una perfetta spesa salutare gennaio, dopo le feste di fine anno. Ecco cosa mettere nel carrello.

Spesa di gennaio: frutta e verdura del mese

Gennaio è un mese davvero particolare, che inizia ancora nel pieno delle feste natalizie. Abbiamo appena lasciato alle spalle dicembre con la Vigilia, Natale, Santo Stefano e San Silvestro e per la prima settimana del nuovo mese siamo ancora in tema di celebrazioni, anche a tavola, con il primo dell’anno e la Befana. Che per fortuna tutte le feste si porta via e così la spesa di gennaio può pensare solo alla nostra salute.

Accantonati pranzi, cenoni, aperitivi e feste, dove il cibo e i brindisi sono all’ordine del giorno, è tempo di detox. E sembra che anche la frutta e la verdura di gennaio siano d’accordo con questo nuovo stile di vita. Finiti tutti gli avanzi, è ora di disintossicare l’organismo per affrontare al meglio il lungo mese invernale.

Dopo la spesa di dicembre, che annoverava molti alimenti e ricette tipici delle feste, è ora di rientrare nei ranghi!

Frutta e verdura di gennaio: un carico di vitamine

La spesa di frutta e verdura di gennaio è utile per mantenere corpo e mente in salute, in un periodo particolare come quello del post feste e della stagione più fredda dell’anno. Scegliere prodotti di stagione è fondamentale per garantire un pieno di nutrienti che fanno sempre bene. E poi si risparmia di solito con frutta e verdura del periodo, al contrario delle primizie che hanno un costo maggiore.

Per ritornare in forma dopo gli eccessi di Natale possiamo fare un pieno di vitamine e sali minerali utili per affrontare con la giusta energia anche le giornate più rigide. Comfort food della natura da mettere sempre nel carrello.

cavolini di Bruxelles
Fonte: Foto di Ulrike Leone da Pixabay

La spesa di gennaio: verdura del mese

Il cavolo è il grande protagonista della tavola di gennaio, insieme alla bietola, conosciuta anche come bieta. Gli ortaggi a foglia verde da cucinare al vapore, lessare o cuocere in padella, ma da consumare talvolta anche crudi, sono l’ideale del periodo per contorni e piatti unici da leccarsi i baffi.

Come a dicembre, anche nel primo mese dell’anno i carciofi sono protagonisti di antipasti, primi piatti, secondi piatti e contorni, magari secondo la tradizione romana, ricca di ricette che sfruttano questa pianta della famiglia delle Asteraceae. Non dimentichiamo poi i finocchi, ideali per la tua dieta disintossicante. Da consumare anche crudi o come snack a metà mattina e pomeriggio.

Verdure, lista della spesa di gennaio

  • Aglio
  • Barbabietole
  • Broccoli
  • Carciofi
  • Cardi
  • Catalogna
  • Carote
  • Cavolfiori
  • Cavolo cappuccio
  • Cavolini di Bruxelles
  • Cavolo verza
  • Cicoria
  • Cicorino
  • Cipolle
  • Cime di rapa
  • Coste
  • Crauti
  • Erbette
  • Finocchi
  • Indivia
  • Lattuga
  • Patate
  • Porro
  • Radicchio rosso
  • Rape
  • Scorzonera
  • Scorzobianca
  • Spinaci
  • Topinambur
  • Valerianella
  • Zucca

Il topinambur, un alleato di salute in cucina

Conosci il topinambur? È un tubero che spesso è assente dalle nostre tavole, anche se sarebbe utile per le sue tantissime proprietà, per un’alimentazione sana, equilibrata e variegata. Il topinambur (Helianthus tuberosus), che si può anche trovare in vendita con i nomi di rapa tedesca o carciofo di Gerusalemme, si digerisce facilmente, ha poche calorie e pochi grassi ed è ideale anche per chi soffre di diabete, visto che il suo indice glicemico è moderato.

Non contiene colesterolo, è ricco di fibre vegetali per aiutare l’intestino a svolgere le sue funzioni e 100 grammi di prodotto fresco e crudo apportano solo 73 calorie. Si consiglia di consumare il tubero crudo, per mantenere intatto il suo carico di vitamine (vitamina C, vitamina E, vitamina A) e di sali minerali, in particolare potassio, calcio e magnesio. Le ricette a base di topinambur sono davvero tante.

I benefici del topinambur da conoscere per la nostra salute sono molteplici. Il tubero è in grado di:

  • fornire un ricco apporto di fibre (solubili e insolubili), vitamine, sali minerali, antiossidanti
  • ridurre della stitichezza
  • garantire la regolarità intestinale
  • contrastare l’azione dei radicali liberi
  • proteggere dalle infiammazioni
  • migliorare le difese immunitarie ad esempio contro influenza e raffreddore
  • garantire una dieta disintossicante
  • combattere l’anemia
  • ridurre i livelli di zuccheri nel sangue
  • combattere ansia e stress
  • accelerare il metabolismo
topinambur
Fonte: topinambur

Fare la spesa, la frutta di gennaio

Gennaio è sicuramente il mese degli agrumi e quindi il mese ideale per fare un pieno di vitamine. In particolare la vitamina C che, in concerto con i bioflavonoidi, funge da booster per il sistema immunitario. Il che significa proteggerci dalle malattie tipiche di questo periodo dell’anno. Scopri tutti gli alimenti con vitamina C da assumere con regolarità per il benessere di corpo e mente.

Oltre agli agrumi, utile anche la frutta secca per tutelare il proprio organismo da virus e altri agenti patogeni. Inoltre dà tanta energia, utile ad affrontare l’inizio dell’anno nuovo: portane sempre un po’ con te, per snack golosi e salutari.

Frutta, lista della spesa di gennaio

pompelmo
Fonte: Foto di Engin Akyurt da Pixabay

Il pompelmo, le proprietà da portare a tavola

Il pompelmo è un frutto di tipo esperidio, una bacca, che è stato classificato nel gruppo degli agrumi. Infatti assomiglia a un’arancia, anche se leggermente più grande. Il suo sapore è leggermente acido e amaro. Tra i diversi tipi di questo frutto che portiamo sulle nostre tavole, di solito il pompelmo rosa è il più conosciuto.

Il pompelmo (frutto del Citrus paradisi, specie che pare essere un incrocio tra il pomelo e l’arancio moro) è un cibo tipico dell’inverno, è povero di zuccheri e di calorie, ma ricco di vitamina C o acido ascorbico e potassio. 100 grammi di frutto senza buccia apportano 26 calorie, delle quali il 91% è formato dai carboidrati e il resto da fibre e proteine. I pompelmi rosa o rossastri sono anche un’utile fonte di licopene.

Il pompelmo è utile per:

  • migliorare il sistema immunitario
  • combattere l’infiammazione
  • proteggere la salute cardiovascolare
  • svolgere azione protettiva da alcune forme di tumore
  • garantire un’azione detossificante e antiossidante
  • proteggere dai calcoli renali
  • aiutare a non prendere peso

Le spezie utili per il detox

Infine, ecco un piccolo promemoria delle spezie detox da usare in cucina, sia per tisane disintossicanti sia per ricette piene di gusto e di sapore, ma anche di salute. Via libera allo zenzero, ideale anche per prevenire i malanni di stagione, alla curcuma, al peperoncino, allo zafferano, al cumino e al pepe nero.

Seguici anche sui canali social