Greenstyle Alimentazione Alimenti Mela rossa: proprietà curative e valori nutrizionali

Mela rossa: proprietà curative e valori nutrizionali

Mela rossa: proprietà curative e valori nutrizionali

Fonte immagine: Pixabay

Includere la mela rossa in una dieta, anche dimagrante, offre diversi vantaggi perché questo frutto non solo aiuta a saziarsi prima, ma ha anche diverse proprietà curative. Ci sono molte ragioni per cui la si dovrebbe mangiare ogni giorno, a cominciare dai benefici che ha per la salute.

Se il vecchio detto recita “una mela al giorno toglie il medico di torno” c’è un perché. Ci si potrebbe sorprendere nel conoscere quali sono le proprietà della mela rossa e quanto faccia bene alla salute.

Mela rossa, le varietà più amate

Esistono diverse varietà di mela rossa, alcune più apprezzate e amate di altre. Ciascuna con il suo gusto inconfondibile e una consistenza che va dalla polpa farinosa a quella particolarmente croccante.

Non possiamo che cominciare citando la Red Delicious, contraddistinta dalla forma allungata e da un rosso scuro e intenso. Nell’immaginario collettivo può essere vista come un classico, in quanto ricorda più delle altre la mela di Biancaneve.

Altra mela rossa particolarmente conosciuta e apprezzata è l’annurca, i cui benefici per la salute sono stati oggetto di vari studi scientifici. È originaria della Campania e vanta una polpa molto succosa.

Molto conosciute anche le varietà Fuji e Pink Lady. La prima è originaria del Giappone e ha una forma particolarmente tondeggiante, oltre a contenere alti livelli di fruttosio. La seconda è resa unica dalle sfumature rosate da cui è caratterizzata la sua buccia.

La Royal Gala presenta una polpa molto compatta, mentre la Mela Imperatore un gusto acidulo e una polpa molto croccate. La Rubens è apprezzata per il suo profumo intenso, mentre la Morgenduft è tra le più utilizzate nell’ambito dell’industria alimentare.

Mela annurca

Mela rossa, valori nutrizionali

Le mele rosse sono frutti che dispongono di un’alta percentuale d’acqua, circa l’86% rispetto al totale di parte edibile. Rappresentano inoltre una delle tipologie a più alto contenuto di fruttosio, zucchero a basso indice glicemico.

I carboidrati ammontano a circa 14 grammi, mentre le fibre alimentari sono sui 2,4 grammi. Quasi assenti i grassi, appena 0,2 grammi su 100 di parte edibile.

Molto interessante anche la parte relativa a vitamine e sali minerali. A cominciare dalla vitamina C, che risulta presente con 4,6 mg (tra il 5 e il 6,5% del fabbisogno giornaliero raccomandato) per 100 grammi di prodotto edibile. Si affiancano anche potassio (107 mg), fosforo (11 mg) e colina (3,4 mg).

Mela rossa, calorie

Dal punto di vista calorico, la mela rossa ha un contenuto variabile a seconda della tipologia e del peso. In media queste preziose alleate della salute presentano 60-65 calorie.

Proprietà curative

Innanzitutto le mele sono ricche di fibre e quindi aiutano a ridurre i disturbi intestinali, compresi diverticolite, emorroidi e – come indicato dalle ricerche – anche alcuni tipi di cancro. Da non trascurare anche gli effetti positivi a beneficio del sistema immunitario.

La mela rossa aiuta anche a controllare i livelli di insulina. Pulisce e disintossica, contribuendo a eliminare i metalli pesanti in circolo nel corpo come piombo e mercurio. Secondo la medicina cinese, poi, rafforza il cuore, disseta, migliora l’efficienza dei polmoni e aumenta i fluidi corporei.

Gli studi indicano che mangiare una mela al giorno può ridurre le malattie della pelle. Mangiarne cinque a settimana abbassa il rischio di malattie respiratorie come l’asma. Inoltre mangiarne una prima di ogni pasto aiuta a dimagrire più facilmente poiché ha un alto potere saziante e ha solo 50-80 calorie, a seconda della grandezza.

Non sostituisce di certo lo spazzolino da denti, ma mordere e masticare una mela stimola la produzione di saliva e riduce la presenza di batteri, cosa che si traduce in un minor rischio di carie. In più pare si riveli un toccasana anche per lo smalto dentale.

Le proprietà curative della mela rossa non finiscono tuttavia qui. Si tratta infatti di un frutto ricco di vitamina A, C e flavonoidi. Questi ultimi contribuiscono a donare alle mele un’azione benefica contro l’invecchiamento. Ha anche piccole quantità di fosforo (che aiuta la memoria), ferro, calcio e potassio, quest’ultimo capace di promuovere un cuore sano.

Benefici per il cuore e la circolazione anche guardando all’azione offerta ad esempio dalle annurche, di contrasto al colesterolo cattivo. Ciò si traduce in una migliore condizione vascolare, ideale per contenere il rischio di ictus o altri eventi cardiovascolari infausti.

La ricerca ha dimostrato anche che le persone che mangiano frutti ricchi di fibre come la mela rossa hanno una minore possibilità del morbo di Parkinson. Berne il succo potrebbe tenere lontano l’Alzheimer e combattere gli effetti dell’invecchiamento. Ottima anche per eliminare le tossine dato che contribuisce a disintossicare il fegato.

Senza dimenticare anche i benefici per i reni e di stimolazione della diuresi. Mele rosse come le annurche sono indicate anche come rimedi naturali efficaci per aiutare a prevenire l’alopecia androgenetica (calvizie), principale causa del progressivo diradarsi dei capelli.

Mela rossa, mele
Fonte: Foto di pasja1000 da Pixabay

Consumo e uso in cucina

Consumarla da sola è senz’altro il metodo più semplice e diretto per sfruttare i benefici offerti dalla mela rossa. Soprattutto se viene mangiata con la buccia. A questo proposito si consiglia di acquistare prodotti biologici e coltivazioni in aree al riparo dall’inquinamento atmosferico, così da evitare di assumere con la buccia anche pesticidi e altre sostanze nocive.

Il consumo del singolo frutto non è però l’unica soluzione. Una torta di mele è senz’altro un’ottima soluzione, anche nel caso di una gustosa crostata vegan. Ottimo anche il crumble di mele rosse, così come ricette che prevedono l’abbinamento tra questi frutti e la cannella.

I centrifugati sono un’altra ottima soluzione, soprattutto in abbinamento con carote e sedano. Da non dimenticare i frullati, ad esempio quelli a base di mele, banane e bevanda alla soia.

Ricette salate

Non soltanto dolci per l’uso in cucina della mela rossa. È possibile anche tagliarla in fette sottili e aggiungerla a rucola, parmigiano e noci, per un’insalata gustosa e piena di energie.

Sempre in tema di ricette salate come non citare una variante dello strudel, realizzabile con verdure di stagione, mela rossa (utilizzando se disponibili varietà non molto croccanti) e formaggio pecorino. Si tratta ovviamente soltanto di alcuni piccoli suggerimenti, a cui si aggiunge a pieno titolo anche il risotto (preferendo varietà dal sapore più dolce e meno acidulo).

Seguici anche sui canali social