Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Piante grasse da esterno: le 10 tipologie più resistenti e semplici da curare

Piante grasse da esterno: le 10 tipologie più resistenti e semplici da curare

Piante grasse da esterno: le 10 tipologie più resistenti e semplici da curare

Fonte immagine: Unsplash

Le piante grasse da esterno sono un ottimo modo per decorare e abbellire i nostri balconi in inverno. Posizionate sugli scaffali di librerie e perfette sui davanzali, le piante grasse sono spesso considerate solo da interno. Ma le piante succulente possono anche fare grandi aggiunte ai giardini all’aperto e regalare colore durante i mesi invernali.

Grazie alle loro forme straordinarie e ai fiori dai colori accesi, sono piante decorative e facili da gestire. Alcuni tipi di piante grasse da esterno sono resistenti al freddo, permettendo quindi la coltivazione anche a temperature molto basse.

Quali piante grasse da esterno scegliere? Scopriamo le 10 tipologie più semplici e resistenti, magari optando per le piante grasse con fiori, molto scenografiche. O per le piante grasse pendenti, ideali sui balconi.

Echeveria

La Echeveria appartiene alla famiglia delle Crassulaceae ha origine in Messico. È perenne e molto resistente, considerata particolarmente decorativa grazie alle foglie disposte in rosette carnose che possono avere colorazioni diverse. I fiori campanulati sono riuniti in spighe di colore rosso o rosato. Facile da coltivare, questa pianta predilige la luce solare in inverno, mentre in estate non tollera i raggi diretti eccessivamente caldi. Sostiene le basse temperature fino ai -15 °C.

Aloe vera

Piante grasse da esterno: Aloe Vera
Fonte: Unplash

Conosciuta soprattutto per le sue qualità benefiche, l’Aloe vera si coltiva facilmente all’esterno scegliendo una posizione esposta alla luce solare. Non necessita di molta acqua, pertanto è bene tenerla al riparo dalla pioggia, mentre le temperature ideali per favorirne lo sviluppo variano tra i 18 e i 25 gradi. Durante la stagione fredda è importante evitare di esporla a temperature inferiori ai 7 gradi per evitare danni anche gravi.

Piante grasse da esterno: Sempervivum Tectorum

Il Sempervivum tectorum, chiamato Semprevivo maggiore o Barba di Giove, appartiene alla famiglia delle Crassulaceae e ha origine in Europa centro-occidentale. È una pianta succulenta da esterno che spesso veniva utilizzata nell’ambito edilizio grazie alla capacità di isolare in modo naturale. Resiste a tutte le temperature, le basse fino a -15 °C. Si caratterizza per la presenza di grandi rosette aperte e foglie verdi di colore bruno che diventano violetto alla sommità. Produce fiori chiari, dal bianco al rosa e raggiunge un’altezza media di 20 centimetri.

Agave

Piante grasse da esterno: agave
Fonte: Unsplash

Originaria del Messico, gli esemplari interrati crescono più rapidamente e producono più fiori rispetto alle piante confinate nei vasi. Facilmente identificabile per le forme e le grandi dimensioni, è una sorprendente pianta paesaggistica. L’Agave è una pianta grassa da esterno tra le più grandi, infatti può raggiungere i 2,5 metri di altezza e un’ampiezza di 6 metri. Le foglie sono lisce, a forma di rosette. I fiori sono rari, ma possono essere magnifici ed enormi. Una particolarità di questa pianta è la longevità: può vivere, se ben curata, anche 50/60 anni. Tra le specie più coltivate c’è l’Agave Americana. Questa pianta può resistere con temperature fino ai -10 °C.

Rebutia Minuscula

Tra le piante grasse da esterno che fioriscono, la Rebutia Minuscula regala dei fiori trai i più accesi e molto grandi nonostante le piccole dimensioni della pianta stessa. Appartiene alla famiglia delle Cactaceae ed è originaria dell’Argentina, ha una forma tonda, ricca di spine e rimane di piccole dimensioni. Riesce a sostenere le temperature basse fino ai -8 °C.

Piante grasse da esterno: Mammillaria zeilmanniana

 Mammillaria zeilmanniana
Fonte: Unsplash

Originaria del Messico, la Mammillaria zeilmanniana appartiene alla famiglia delle cactacee. È una pianta che si adatta perfettamente a qualsiasi condizione climatica, al caldo torrido estivo e nei mesi invernali fino a temperature sotto lo zero. Ha una forma a globo e l’altezza massima che può raggiungere è di 8 cm per un diametro di 5 cm. Si caratterizza per la presenza di spine nel tronco di vario tipo: spine radiali bianche per la maggior parte; spine centrali scure massimo 3 e una spina perpendicolare alla pianta. Anche gli esemplari più piccoli sono in grado di produrre numerosi fiori di colore rosa o fucsia con stami gialli. È importante collocarla in una posizione ben soleggiata soprattutto per favorire la fioritura, che può avvenire anche durante tutta la stagione estiva.

Tricocerius Pasacana

Appartenente alla famiglia delle Cactaceae e originaria dell’America meridionale, questa pianta è perfetta per creare delle aiuole di piante grasse da esterno. Dalla forma tipica del cactus, con un fusto carnoso ricoperto di spine cresce fino ai 10 metri di altezza. La particolarità del Tricocerius Pasacana sono i fiori molto belli e grandi, bianchi o rosati, che regala solo per 1 o 2 giorni in estate nelle ore notturne. È una specie di pianta molto resistente che sostiene temperature basse fino ai -10°.

Aptenia cordifolia

piante grasse da esterno: Aptenia cordifolia
Fonte: Pixabay

È una pianta originaria dell’Africa meridionale e diffusa in tutto il Mediteranneo. Ha sottili fusti ramificati con numerose piccole foglie verdi brillanti e lunghe 3-4 centimetri. Regala dei fiorellini da primavera ed estate di colore rosa brillante. È considerata una pianta tappezzante perfetta per balconi e giardini. Queste piante prediligono zone soleggiate, ma riescono a sopravvivere anche in ombra. In mancanza di luce tuttavia si avrà una fioritura meno evidente. Sostiene le temperature basse fino ai -5°.

Dasylirion

Il genere delle Dasylirion include 17 specie della famiglia delle Asparagaceaeo Liliaceae. Sebbene assomigli a una palma, questa pianta è a tutti gli effetti una pianta grassa. Molto popolare nei giardini americani, ha foglie verdi simili a strisce con affilati piccoli denti che rivestono i bordi delle foglie. Il tronco, che può diventare legnoso, può raggiungere i 40 cm di larghezza e, in condizioni climatiche eccellenti, dopo almeno 15 anni di coltivazione, 15 metri di altezza. Ciò la rende una delle piante grasse da esterno più alte.

Sedum Palmeri

Sedum Palmeri
Fonte: Unsplash

Appartenente alla grande famiglia delle Crassulaceae, il Sedum Palmeri, specie Sedum, è una pianta facilissima da gestire e coltivabile in tutti gli ambienti, in vaso o in terra. Supporta anche le basse temperature, fino a -15 °C, e può vivere a lungo anche solo con l’acqua piovana, annaffiandola una volta ogni quindici giorni solo durante la stagione estiva. Il Sedum Palmeri è una delle piante grasse da esterno pendenti più diffuse. Dovrebbe essere collocata in pieno sole per poter godere della sua fioritura rigogliosa, ma tollera bene anche l’ombra parziale.

Piante grasse da esterno: come curarle

Il nemico numero uno di una pianta grassa è il freddo, ma alcune tipologie di pianta riescono a sostenere anche temperature basse. Se si vuole un bel giardino o terrazzo con delle piante grasse anche in inverno, è necessario avere delle accortezze per aiutare la pianta a superare indenne i mesi freddi.

Il terreno per le piante grasse da esterno

Il terreno per una pianta grassa deve essere drenante e poroso. Il pericolo in inverno è l’eccessiva umidità dovuta alle piogge, di conseguenza è opportuno annaffiare la pianta solo se il terreno è asciutto. Inoltre per evitare ristagni è consigliabile aggiungere al terreno uno strato di paglia, fogli secche, corteccia di pino: si tratta del metodo della pacciamatura.

La posizione

La pianta grassa da esterno deve essere posizionata il più possibile in un punto soleggiato, in modo che in inverno possa, nelle belle giornate, essere raggiunta dai raggi solari.

La copertura con telo per le piante grasse da esterno

Se si vive in zone con gelate invernali e dove di notte la temperatura è eccessivamente bassa appare consigliabile scegliere di coprire la pianta grassa da esterno con un telo protettivo. Acquistabile in negozi di giardinaggio, il telo deve essere idrorepellente e traspirante. Si posiziona con l’aiuto di quattro paletti a coprire la pianta, lasciando un’apertura nella parte superiore. Ma attenzione, il telo non deve entrare in contatto con la pianta.

 

Seguici anche sui canali social

Altri articoli su Piante Grasse