Greenstyle Alimentazione Alimenti Carambola: 11 cose da sapere sul frutto a stella

Carambola: 11 cose da sapere sul frutto a stella

Carambola: 11 cose da sapere sul frutto a stella

Fonte immagine: pixabay

La carambola è un frutto esotico ancora poco conosciuto in Italia. Originario del sud est asiatico, è famoso nel mondo soprattutto per la sua forma particolare da cui prende il nome di frutto a stella.

Ma vediamo alcune curiosità su questo frutto, ad esempio come si mangia, se è pericoloso, come si coltiva.

Che frutto è la carambola?

La carambola, anche conosciuto come frutto a stella o star fruit, è il frutto di Averrhoa carambola, un albero originario del sud-est asiatico tropicale.

L’albero della carambola ha un tronco corto con molti rami, che raggiunge fino a 9 m di altezza. Le sue foglie decidue sono lunghe 15–25 cm, con 5 a 11 foglioline ovate di colore verde medio. I fiori sono di colore lilla, con striature viola, larghi circa 5 mm.

I frutti, molto appariscenti, hanno un pericarpo sottile e ceroso, una buccia giallo-arancio e una polpa gialla e croccante con succo. Il frutto è lungo da 5 a 15 cm ed è di forma ovale. Di solito ha cinque o sei creste longitudinali prominenti. La polpa è traslucida e di colore da giallo chiaro a giallo.

Ogni frutto può avere da 10 a 12 semi piatti di colore marrone chiaro di circa 5–15 mm di larghezza e racchiusi in un arillo gelatinoso. Una volta rimossi dal frutto, perdono vitalità nel giro di pochi giorni.

Dove cresce la carambola?

Il frutto è nativo della zona tropicale del sud est asiatico. È comunemente consumato in alcune parti del Brasile, del sud-est asiatico, dell’Asia meridionale, del Pacifico meridionale, della Micronesia, dell’Asia orientale, degli Stati Uniti e dei Caraibi.

L’albero fu introdotto nel subcontinente indiano e nello Sri Lanka dai commercianti austronesiani, insieme ad antiche coltivazioni quali noci di cocco, langsat, noni e santol. L’Albero di Averrhoa carambola è coltivato in tutte le aree tropicali del mondo, India, sud-est asiatico, Cina meridionale, Taiwan e nello stato della Florida negli Stati Uniti. Ma anche in America Centrale, Sud America e Hawaii, nei Caraibi e in parti dell’Africa.

Perché si chiama frutto a stella

Il frutto ha creste distintive che scendono lungo i lati, generalmente sono cinque o sei. Se tagliato in sezione, assomiglia a una stella, per questa ragione è chiamato frutto a stella.

La carambola è conosciuta con molti nomi nelle sue regioni di coltivazione, tra cui “khế” in Vietnam, “balimbing” nelle Filippine, “belimbing” in Indonesia e Malesia, “ma fen” in Cina, “kamaranga” in India e “carambolo” o “carambola” nei paesi di lingua spagnola.

Quante varietà esistono?

carambola
Fonte: pixabay

Ci sono due tipi di carambole: il tipo acido piccolo e il tipo dolce più grande. Le varietà acide hanno un contenuto di acido ossalico maggiore rispetto al tipo dolce.

Oltre a questi due tipi principali, negli ultimi anni sono state sviluppate numerose cultivar.

Le cultivar più comuni coltivate commercialmente includono i tipi dolci “Arkin” (Florida), “Yang Tao” (Taiwan), “Ma fueng” (Thailandia), “Maha” (Malesia) e “Demak” (Indonesia) e l’acido tipi “Golden Star”, “Newcomb”, “Star King” e “Thayer” (tutti dalla Florida). Alcune delle varietà acide come “Golden Star” possono diventare dolci se lasciate maturare.

Come si coltiva la carambola?

La carambola può essere coltivata su una vasta varietà di terreni, inclusa argilla pesante, sabbia, calcare o qualsiasi altro tipo di terreno, ma soprattutto si adatta bene a terreni ricchi e argillosi con un buon drenaggio. Cresce bene in un clima umido e caldo. Infatti in India, la carambola viene coltivata principalmente nelle zone collinari.

L’albero viene coltivato principalmente da semi, che germinano in circa 1-2 settimane, a seconda del clima. Dopo la germinazione, le piantine di carambole possono essere trapiantate in un terreno sabbioso e argilloso. Le giovani piante necessitano di un’irrigazione frequente fino a quando non si stabiliscono e diventano mature. Solitamente una pianta impiega circa 4 anni per dare i frutti.

Che gusto ha la carambola?

Le carambole di tipo dolce sono dolci ma non esageratamente, poiché raramente hanno un contenuto di zucchero superiore al 4%. La polpa è croccante, soda ed estremamente succosa. Non contiene fibre e ha una consistenza simile a quella dell’uva.

Il gusto della carambola ha un sottotono aspro, acido e un odore di acido ossalico. È stato paragonato a un mix di mela, pera, uva e agrumi. I frutti a stella acerbi sono più sodi e acidi e hanno il sapore delle mele verdi.

La carambola è pericolosa?

frutti carambola
Fonte: pixabay

I frutti contengono caramboxina e acido ossalico. Entrambe le sostanze sono dannose per le persone che soffrono di insufficienza renale, calcoli renali o per le persone in trattamento di dialisi renale. La caramboxina è una neurotossina molto potente, strutturalmente simile alla fenilalanina, che agisce sul sistema neurale. Il consumo da parte di persone con insufficienza renale può produrre:

  • singhiozzo
  • vomito
  • nausea
  • confusione mentale
  • la morte

Anche nelle persone sane, un eccesso di questi frutti può provare rischi di salute. Si è quindi stimato che la quantità in cui possono sopraggiungere effetti negativi per una persona sana è di 15 frutti interi in una volta, mentre per pazienti con sufficienza renale 3 o 4 frutti.

Inoltre, questo frutto esotico è, come il pompelmo, considerato un potente inibitore di sette isoforme del citocromo P450. Questi enzimi sono significativi nell’eliminazione del primo passaggio di molti farmaci e, quindi, il consumo di carambole o del suo succo in combinazione con alcuni farmaci può portare a un sovradosaggio.

Il profilo nutrizionale della carambola

La carambola ha proprietà digestive, antiossidanti e antimicrobiche. Il frutto crudo contiene il 91% di acqua, il 7% di carboidrati, l’1% di proteine e pochi grassi. Una quantità di riferimento di 100 grammi di questa frutta cruda fornisce:128 kilojoule (31 kilocalorie) e un ricco contenuto di vitamina C (41% del valore giornaliero). Inoltre ha un basso contenuto di zucchero e sodio.

In 100 g di prodotto (crudo):

  • Energia 128 KJ /31 kcal
  • Carboidrati 6,73 g
    di cui zuccheri 3,98 g
    di cui fibra alimentare 2,8 g
  • Lipidi 0,33 g
  • Proteine 1,04 mg
  • Vitamina A 66 mcg
  • Tiamina (Vitamina B1) 0,014 mg (1%)
  • Riboflavina (Vitamina B2) 0,016 mg (1%)
  • Niacina (Vitamina B3) 0,367 mg (2%)
  • Acido pantotenico (Vitamina B5) 0,391 mg (8%)
  • Vitamina B6 0,017 mg (1%)
  • Folate (Vitamina B9) 12 mg (3%)
  • Colina 7,6 mcg (2%)
  • Vitamina C 34,4 mg (41%)
  • Vitamina E 0,15 mg (1%)
  • Calcio 3 mg (0%)
  • Ferro 0,08 mg (1%)
  • Magnesio 10 mg (3%)
  • Manganese 0,037 mg (2%)
  • Fosforo 12 mg (2%)
  • Potassio 133 mg (3%)
  • Sodio 2 mg (0%)
  • Zinco 0,12 mg (1%)

Come si mangia lo star fruit

L’intero frutto è commestibile, quindi può essere mangiato con la buccia. Le carambole si consumano al meglio poco dopo la maturazione, quando sono gialle con una leggera sfumatura di verde o subito dopo che tutte le tracce di verde sono scomparse.

I frutti raccolti mentre sono ancora leggermente verdi diventeranno gialli se conservati a temperatura ambiente, ma non aumenteranno il contenuto di zucchero. La carambola troppo matura sarà gialla con macchie marroni e può diventare più blanda nel gusto e più molliccia nella consistenza.

Carambola: le ricette

carambola
Fonte: Canva

Le carambole mature sono spesso utilizzate anche in cucina. Nel sud-est asiatico, di solito vengono stufate con chiodi di garofano e zucchero, a volte con mele. In Cina si cucinano con il pesce. Possono essere cucinate come verdura, in salamoia o trasformate in marmellate come spesso avviene in Australia. Mentre in Giamaica, vengono essiccate.

Le carambole acerbe e di tipo acido possono essere mescolate con altre spezie tritate per preparare condimenti in Australia. In Thailandia, invece i frutti acerbi sono spesso cucinati insieme ai gamberi.

Il succo delle carambole viene utilizzato anche nelle bevande ghiacciate, in particolare il succo delle varietà acide. In India, il succo viene imbottigliato per essere bevuto. Mentre nelle Filippine è solitamente usato come condimento.

Dove si compra

Il frutto di carambola non è ancora largamente conosciuto nel nostro paese. Tuttavia è possibile acquistarlo nei mercati che trattano frutta esotica e soprattutto è facilmente reperibile online in e-commerce che commerciano questi prodotti.

Seguici anche sui canali social

Altri articoli su Frutti esotici