Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Aneto: come coltivarlo e 7 idee sfiziose per usarlo in cucina

Aneto: come coltivarlo e 7 idee sfiziose per usarlo in cucina

Aneto: come coltivarlo e 7 idee sfiziose per usarlo in cucina

Fonte immagine: Pixabay

L’aneto è una pianta affascinante, ricca di proprietà benefiche e dal sapore stuzzicante e unico. Il nome scientifico della pianta è Anethum graveolens, e si tratta di un membro della famiglia delle Umbelliferae o Apiaceae. L’aneto è originario dell’Asia e più esattamente proviene dal Medio Oriente e dall’India.

Nonostante non sia largamente diffuso in Italia, l’aneto trova sempre più spazio in numerose pietanze, per via del suo sapore intenso e particolare. Il che, lo rende un ottimo alleato per la preparazione di piatti come zuppe, pesce e per la preparazione di contorni sfiziosi.

Inoltre, questa pianta è largamente impiegata come rimedio naturale. Ma come coltivare l’aneto in orto o in balcone? Prima di cimentarsi nella coltivazione dell’aneto, devi sapere che questa pianta teme molto le variazioni climatiche, per cui sarà importante consultare il tuo fornitore di fiducia, in modo da essere certi che la tua zona di residenza sia adatta per questo genere di coltivazione.

In questo articolo vedremo quali sono le caratteristiche dell’aneto, come coltivare la pianta, quali sono i suoi benefici e come impiegarla per rendere più sfiziose le tue ricette preferite.

Le caratteristiche della pianta

Questa pianta erbacea aromatica si presenta con un fusto ramificato e molte foglie pennate con piccoli segmenti filiformi. Da esse nascono i piccoli fiori dell’aneto, delle delicate infiorescenze di colore giallo brillante disposte a forma di ombrello.

Con il suo aspetto, la pianta ricorda molto il finocchio selvatico, ma il suo gusto è differente e lo stesso possiamo affermare per le sue proprietà benefiche. Potresti vedere piante di aneto crescere in modo spontaneo in alcune zone del Mediterraneo.

Coltivazione dell’aneto

In Italia non è facile riuscire a trovare questa pianta nei supermercati, per cui potresti aver voglia di coltivarla in balcone. Prima di farlo, sarà però il caso di conoscerne le caratteristiche e le necessità principali. La pianta dell’aneto, ad esempio, ama le stagioni calde e teme invece l’inverno, motivo per cui non è citabile tra le perenni resistenti al freddo. Predilige i luoghi luminosi e soleggiati, riparati dal vento e dalle basse temperature, che non dovrebbero scendere al di sotto dei 15°.

La coltivazione avviene generalmente nella tarda primavera poiché, in questo modo, anche durante la notte la pianta non verrà esposta a escursioni termiche significative.

Coltivazione in orto o in vaso?

La pianta di aneto può essere coltivata sia in orto che in vaso, purché se ne rispettino le necessità e peculiarità. Se intendi coltivare l’aneto in vaso, presta attenzione alle caratteristiche del recipiente, che dovrà essere abbastanza capiente, dal momento che la pianta può raggiungere anche un metro di altezza.

Il terreno adatto è di medio impasto, a metà fra quello molto compatto e quello poco compatto. Dovrà essere inoltre un terreno altamente drenante, in modo da evitare che si formino dei ristagni d’acqua e arricchito con composti nutrienti.

Sul fondo del vaso potrai aggiungere un letto di ghiaia e delle palline d’argilla, in modo da rendere il terreno ancor più drenante e favorire così il deflusso dell’acqua. Dopodiché, potrai riempire il vaso con il terriccio. La semina può avere luogo da aprile fino alla fine dell’estate.

Aneto: quando innaffiare la pianta?

Ma quando annaffiare la pianta di aneto? E quanta acqua dare? La risposta dipende dalla zona in cui si trova e dalle temperature e condizioni climatiche del luogo.

In generale, durante la primavera sarà sufficiente annaffiare l’aneto due volte a settimana, anche meno durante il periodo delle piogge. In estate, bisognerà aumentare la frequenza, prediligendo le prime ore del mattino o dopo il tramonto, in modo che il sole cocente non faccia evaporare subito l’acqua.

La raccolta avviene dopo circa due mesi dalla semina, e può essere prolungata per tutto l’arco della stagione vegetativa.

Proprietà e benefici

Aneto proprietà e benefici
Fonte: Pixabay

Ma a cosa fa bene l’aneto? Come spesso accade quando parliamo di piante aromatiche e spezie, anche la pianta dell’aneto è nota per le sue proverbiali proprietà benefiche.

Non a caso, il termine “aneto” deriva proprio dalla parola greca “anethon”, che a sua volta deriva dal termine egizio che può essere tradotto come “allontana i malori”, a conferma delle proprietà benefiche della pianta conosciute da secoli.

L’aneto fresco contiene una serie di nutrienti come le vitamine A, C, D, riboflavina, manganese, l’acido folico, il ferro, rame, potassio, magnesio e fibre. Il che, lo rende un validissimo alleato per alleviare alcuni disturbi e rafforzare la nostra salute. La pianta vanta inoltre delle proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antibatteriche.

Vediamo più da vicino quali sono i benefici dell’aneto e le proprietà degne di nota:

  • Migliora le funzioni dell’apparato gastrointestinale: come liquirizia e alloro, l’aneto è  un ottimo alleato per combattere problemi come cattiva digestione, crampi, flatulenza e gonfiori addominali ed è disponibile anche sotto forma di olio essenziale
  • Riduce il rischio di soffrire di malattie croniche, grazie alla presenza di sostanze antiossidanti (flavonoidi, terpenoidi e tannini)
  • Migliora la salute cardiovascolare come il timo e favorisce il benessere mentale, come il rosmarino
  • Protegge la salute delle ossa, grazie alla presenza di calcio, magnesio, fosforo, ferro e vitamina D
  • Previene le infezioni, grazie alle sue proprietà antibatteriche, riconosciute anche in prezzemolo e aglio. È anche molto utile per il trattamento della tosse e del raffreddore
  • Migliora l’alito: se masticati in piccole quantità, i semi di aneto possono regalarti un alito piacevole. Già in epoca romana questo rimedio era usato per rinfrescare la bocca, un po’ come una gomma da masticare.
  • Aiuta a combattere l’insonnia: grazie alla presenza di flavonoidi e vitamine del complesso B nelle foglie di aneto, questa pianta rappresenta un ottimo rimedio naturale, come la borragine, contro l’insonnia e per ritrovare la calma.

Cosa si può fare con l’aneto? 7 modi di usarlo in cucina

Aneto in cucina
Fonte: Pixabay

Se sugli scaffali del supermercato ti è capitato di trovare l’aneto, sarà davvero il caso di dare una chance a questa spezia. Il suo sapore intenso e stuzzicante potrebbe sorprenderti!

Prima di elencare le pietanze che potrai rinnovare grazie a questa pianta, vediamo però quale sapore dovresti aspettarti!

A cosa assomiglia il sapore dell’aneto?

Le foglie dell’aneto hanno un sapore dolce, mentre i semi hanno invece un leggero aroma di agrumi che li rende per certi versi simili al sapore del cumino misto a quello dell’anice stellato. Quel che è certo è che si tratta di un gusto intenso, che non passerà inosservato.

Ma come usare l’aneto in cucina? Vediamo quali sono le ricette che potresti insaporire con questo ingrediente.

7 modi per usare l’aneto in cucina

  • Usalo al posto del sale: potresti usare l’aneto, con il suo profumo intenso e il sapore simile a quello dell’anice, per ridurre il consumo di sale. Le spezie rappresentano infatti un ottimo modo per arricchire i tuoi piatti riducendo il sodio senza rinunciare al gusto
  • Dai un tocco di sapore in più alle zuppe: a fine cottura, aggiungi una piccola quantità di aneto per dare un sapore più sfizioso
  • Condisci l’insalata di patate: aggiungi qualche fogliolina di aneto alla tua insalata di patate, magari aggiungendo anche zest di bergamotto o pomelo, per darle un sapore unico e intenso
  • Arricchisci la salsa allo yogurt: per dare un pizzico di sapore e aroma in più alla tua salsa allo yogurt, aggiungi qualche foglia di aneto
  • Provalo con il pesce: salmone e aneto formano una combinazione da leccarsi i baffi. Questo è senza dubbio uno degli abbinamenti più apprezzati in cucina, ma potrai usare la spezia o la pianta fresca anche per sperimentare nuove ricette di carne o di pesce, soprattutto con crostacei e aringhe
  • Aromatizza i formaggi freschi e cremosi, da spalmare su una fetta di pane integrale tostata
  • Prepara gli spaghetti di zucchine al profumo di aneto: per farlo, ti basterà lavare le zucchine e tagliarle a striscioline sottili. Versale in una ciotola e condisci con il succo di mezzo limone o una spruzzata di chinotto, aneto, sale e aglio. Aggiungi un filo d’olio, lascia insaporire per una quindicina di minuti e aggiungi 15 grammi di noci Pecan a pezzettini. Buon appetito!

Un piccolo accorgimento: per mantenerne la fragranza e il sapore unico, aggiungi l’aneto solo a fine cottura e a crudo.

Dove posso trovare l’aneto e quanto costa?

Se hai la fortuna di poter coltivare l’aneto in balcone o in giardino, accanto al tuo basilico, potresti avere a disposizione la tua scorta di benessere e gusto ogni giorno. In alternativa, potresti trovare la spezia nei supermercati più forniti, in erboristeria o nei negozi on line.

Il costo è simile a quello delle altre aromatiche.

Seguici anche sui canali social