Rimedi naturali per la caduta dei capelli

Il fenomeno della caduta dei capelli risente di molte condizioni legate al benessere psicofisico dell’uomo e della donna. I rimedi naturali possono quindi direttamente o indirettamente rappresentare una soluzione valida per stabilizzandone i ritmi di perdita su livelli più fisiologici.

La caduta dei capelli può avere cause diverse tra loro come l’ereditarietà (nel caso dell’alopecia), lo stress, l’interazione con alcuni farmaci oppure una dieta in cui la vitamina B6 dovesse risultare carente. Esistono poi fattori che possono rendere il fenomeno più intenso e sono legati all’età (intorno ai 30 e poi ai 50 anni), alla stagionalità (maggiore caduta in primavera e autunno) e nelle donne dopo la menopausa e nel periodo successivo a una gravidanza.

Alla base del capello si trova il cuoio capelluto, ricoperto da milioni di follicoli piliferi. Sotto di essi si trova il bulbo, al cui interno il capello nasce e si sviluppa e sono posizionate anche le papille germinative (ricettore delle sostanze nutritive dal sangue), le ghiandole sebacee (che forniscono al capello un equilibrato apporto di grasso) e le cellule pigmentose (responsabili per la colorazione).

Un capello attraversa tre fasi di vita: anagen, catagen e telogen. La prima rappresenta il suo sviluppo e maturazione all’interno del follicolo mentre la seconda la sua fuoriuscita e vita esterna fino all’indebolimento. La terza fase vede il vecchio capello ormai indebolito restare attaccato al follicolo fino a che il nuovo non sarà pronto a uscire.

Quando questo equilibrio per uno dei motivi sopracitati si altera è possibile intervenire con alcuni rimedi naturali per ristabilire il normale ritmo vitale del cuoio capelluto e frenare un’eccessiva caduta dei capelli. Si consiglia a ogni modo di accertarsi, prima di far ricorso alle soluzioni proposte, su eventuali possibili risposte allergiche o in caso di assunzione di farmaci in merito a interazioni con gli stessi.

Rimedi naturali

Va innanzitutto detto che i rimedi naturali più efficaci sono quelli preventivi, che agiscono nel tempo per il mantenimento della buona salute del capello. Esistono tuttavia alcune soluzioni anche per cercare di ridurre il ritmo di caduta, la cui efficacia varia però a secondo dello stato effettivo di cute e capelli.

Tè verde

Uno tra i rimedi più consigliati e forse il più noto è la serenoa (Serenoa repens). La sua azione è inibitoria nei confronti della trasformazione del testosterone in didrotestosterone, che ha un’azione ritenuta tossica per il capello. Utilizzata in estratto secco standardizzato (85-95%), acquistabile in erboristeria, questa pianta (una palma d’origine indiana) garantisce il suo benefico effetto grazie alla sua naturale ricchezza di fitosteroli.

Un’altra pratica che può dare buoni risultati è quella, soprattutto se abbinata ad altri rimedi da applicare direttamente sul cuoio capelluto, di bere ogni giorno un bicchiere di succo di lattuga e spinaci. Se gradito può dare effetti maggiori non filtrare il liquido, ma assumerlo unitamente ai residui delle foglie o direttamente mangiando le stesse (in entrambi i casi con una proporzione ciascuna del 50%). Utile anche una regolare assunzione di tè verde per via della sua funzione antiossidante, garantita dai polifenoli.

Massaggiare il cuoio capelluto rappresenta poi una delle pratiche più benefiche per contrastare l’eccessiva caduta dei capelli. Durante l’abituale shampoo è quindi sempre opportuno prendersi del tempo per un massaggio, preferibilmente con acqua fredda: si riattiverà la circolazione agevolando l’apporto di nutrimento al capello.

Numerosi sono i preparati e le lozioni consigliati per un massaggio benefico, spesso differenziati a seconda di quale sia lo stato attuale del capello stesso e del cuoio capelluto. In erboristeria si potranno certamente trovare shampoo per capelli secchi e sfibrati a base di aloe vera, già vista in molteplici occasioni come ad esempio per la cura delle piccole ustioni o dell’acne.

Shampoo e massaggio per capelli sani

Azione svolta anche con prodotti a base di burro di karité o anche olio di jojoba, vitamine, oli essenziali d’arancio e bergamotto, proteine del grano o ginseng (ad azione rivitalizzante). In situazioni di capelli grassi si possono utilizzare shampoo con estratti di proteine vegetali, olio di cocco o mandole dolci o anche al rosmarino.

Alimentazione e buone pratiche

Una corretta alimentazione aiuta a mantenere in equilibrio il proprio organismo, agevolando allo stesso tempo i regolari cicli vitali dei capelli. Come consigliato in altre occasioni è opportuno limitare (ancor meglio evitare) il consumo di bevande alcoliche, il fumo e seguire una dieta il più possibile bilanciata e con un contenuto apporto di grassi.

Importante è anche lavare i capelli a intervalli non troppo lunghi e soprattutto regolari. Nel farlo occorre utilizzare lo shampoo più adatto alla propria tipologia (capello grasso, secco, sfibrato ecc.) e intervenire subito in caso si presentassero la forfora o un eccesso di secrezione sebacea.

Considerata anche la possibilità di eccessiva caduta causata dallo stress, alcuni rimedi come la meditazione e lo yoga potranno aiutare a riequilibrare il vostro stato emotivo aiutando al contempo la salute dei vostri capelli.

21 novembre 2012
I vostri commenti
martaesse, martedì 1 aprile 2014 alle14:31 ha scritto: rispondi »

ciao a tutti...grazie per i " cari " e preziosi consigli che ci avete fornito, sintetizzando in poche righe informazioni e consigli piu' che utili; purtroppo da qualche mese i miei capelli stanno attraversando un periodo " difficile", del resto sono parte integrante di me stessa:) Ho provato un' infinita' di prodotti, speso cifre folli, intossicato i miei poveri capelli senza risolvere nulla, anzi...Forse una luce in fondo al tunnel comincio a intravederla, ho scoperto l' esistenza del Sapote? Pare che recenti studi effettuati sull' estratto di questo frutto tropicale, abbiano portato alla luce il grande potere ristrutturante e nutriente di questo olio; Io ho deciso di tentare anche questa via! Spero che non sia suggestione, ma dopo aver utilizzato le fiale anti caduta e l' impacco a base di questo olio di sapote , devo dire che il mio capello ha risposto in modo piu' che positivo; Spero di cuore di risolvere il problema quanto prima! I prodotti che ho acquistato sono de I provenzali, gli unici che ho trovato interamente a base di olio di sapote e a un costo ragionevole, non bassissimo, ma comunque lontano da cifre folli che si sentono in giro.... conoscevate gia' le proprieta' del sapote? grazie a tutti, marta s.

letizia, lunedì 22 luglio 2013 alle8:58 ha scritto: rispondi »

Spero di ricevere molte informazioni utili

Lascia un commento