Greenstyle Alimentazione Alimenti Albicocche: calorie, proprietà benefiche e controindicazioni

Albicocche: calorie, proprietà benefiche e controindicazioni

Albicocche: calorie, proprietà benefiche e controindicazioni

Fonte immagine: Pixabay

Con le loro 28 calorie per una porzione da 100 grammi, e la quantità di benefici che regalano alla salute, le albicocche sono uno dei frutti preferiti da coloro che sono a dieta, ma non solo. Lo sappiamo, questo frutto può sembrare piccolo e può anche passare inosservato quando ci troviamo dal fruttivendolo, ma in realtà l’albicocca è considerata un vero e proprio concentrato di sapore e di sostanze nutritive degne di nota.

Se in questo momento hai delle albicocche in frigo, preparati a scoprire perché dovresti mangiarle tutti i giorni.

Caratteristiche del frutto

albicocche calorie
Fonte: Pixabay

Con il loro tipico colore arancione tendente al giallo e la loro forma rotondeggiante, le albicocche sono un alimento ottimo per l’estate. Il frutto deriva dall’albero Prunus armeniaca, una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae, che arriva direttamente dalla Cina e dal Giappone.

Il sapore dell’albicocca è dolce, ma può anche assumere un gusto più acidulo, a seconda delle diverse varietà.

Le proprietà nutrizionali del frutto, invece, non cambiano da una varietà all’altra. E a questo proposito, quali sostanze contiene questo piccolo frutto?

Albicocche: calorie e proprietà nutrizionali

Abbiamo visto che 100 grammi di albicocche contengono all’incirca 30 calorie. Ma esattamente quante albicocche sono 100 grammi? Tieni presente che un singolo frutto ha un peso di circa 30-40 grammi, a seconda della dimensione. Ciò significa che per raggiungere una porzione da 100 grammi bisognerà mangiare poco più di due albicocche.

Un solo frutto, inoltre, apporterà circa 15 calorie, mentre le calorie di 4 albicocche saranno circa 50-60.

Al di là dell’apporto calorico, che rende questi frutti dei grandi alleati per chi è a dieta, le albicocche apportano anche una notevole quantità di vitamine, acqua e sali minerali.

Dal punto di vista dell’apporto di acqua, un etto ne contiene circa 85 grammi, ai quali si aggiungono 1,5 grammi di fibre.

Dal punto di vista nutrizionale, notevole è anche l’apporto di minerali, come il potassio, 320 mg per 100 grammi di frutta, 16mg di calcio, 16mg di fosforo e 0,5mg di ferro.

Da non dimenticare è anche l’apporto di vitamine, in particolar modo la vitamina A, la vitamina K, la vitamina C e quelle del gruppo B.

Calorie e valori nutrizionali delle albicocche secche

Ricche di sostanze minerali e facili da digerire, le albicocche secche sono un altro alimento da inserire nella dieta, ideali per uno spuntino a metà giornata, oltre che per fare il pieno di sostanze benefiche, a cominciare da ferro.

Non è un caso, infatti, che le albicocche secche siano consigliate nelle diete vegane o vegetariane, o in chi soffre di anemia, grazie al notevole contenuto di questo minerale.

Ma quante calorie hanno 100 gr di albicocche secche? Rispetto al frutto fresco, l’apporto calorico sarà più elevato. Per 100 grammi di prodotto, si considerano infatti circa 200 calorie.

Una porzione da 30 grammi, circa 2 albicocche secche intere, può apportare poco meno di 60 calorie.

Quante albicocche si possono mangiare a dieta?

Le albicocche fresche sono un frutto utile per chi è a dieta. Grazie al contenuto di fibre, minerali e vitamine, questo alimento rappresenta infatti un ottimo spezzafame.

Una porzione di albicocche fresche si aggira quindi intorno ai 150 grammi. Diverso sarà il discorso per quanto riguarda le albicocche secche.

Visto il più elevato contenuto calorico (tieni presente che le calorie di 1 albicocca secca sono circa 16), la porzione consigliata sarà di circa 30 grammi, 3-4 albicocche secche.

Albicocche: benefici per la salute

Fonte: Pixabay

L’elevata quantità di minerali, vitamine e sostanze vegetali rendono le albicocche un frutto amico della salute. Ma esattamente quali sono i benefici dell’albicocca? Dai vantaggi per la pelle a quelli per la vista, diamo un’occhiata agli effetti benefici di un frutto fin troppo spesso sottovalutato.

Amiche per la pelle

La presenza di vitamina E e di vitamina C, oltre a quella di sostanze antiossidanti, rende le albicocche delle amiche per la nostra pelle. Questo frutto può aiutare a ridurre gli effetti dannosi dei raggi solari e a proteggere la pelle dalla comparsa dei primi segni di invecchiamento.

In più, l’applicazione dell’olio di albicocca può tenere alla larga alcuni dei più comuni problemi cutanei, migliorando la salute della pelle e rendendola più morbida.

Un frutto che fa bene alla vista

La presenza di vitamina A, luteina, beta-carotene e altre sostanze vegetali rendono le albicocche un frutto benefico per la salute degli occhi. Fra gli alimenti che fanno bene agli occhi vi sono anche spinaci, broccoli, mais, kiwi, guava e pompelmo.

Un aiuto contro l’anemia

Le albicocche, e in particolar modo quelle secche, contengono notevoli quantità di ferro e rame, utili per combattere l’anemia e i sintomi che questa condizione può causare, come stanchezza, pallore e debolezza.

Fibre per una migliore digestione

Come molti altri tipi di frutti e verdure, anche le albicocche rientrano a pieno titolo nel club dei cibi che fanno bene allo stomaco e che migliorano la digestione. Merito dell’alto contenuto di fibre, alleate per il buon funzionamento intestinale. Ciò rende le albicocche, sia quelle fresche che quelle secche, un valido rimedio naturale contro la stitichezza.

Un frutto adatto ai diabetici

Infine, devi sapere che anche chi soffre di diabete può concedersi uno spuntino a base di albicocche fresche. Sebbene il sapore possa essere piuttosto dolce, infatti, questo rotondo e piccolo frutto arancione fa parte dei cibi consigliati in caso di diabete.

Gli altri benefici che non ti aspetteresti

Fonte: Pixabay

Abbiamo dato uno sguardo ai più noti benefici delle albicocche, ma sapevi che la corteccia dell’albero Prunus armeniaca viene impiegata anche per preparare dei rimedi contro le irritazioni cutanee? Inoltre, una pasta realizzata con il nocciolo dell’albicocca viene impiegata per curare le infezioni vaginali.

L’olio di albicocca, ricavato dalla spremitura a freddo dei noccioli, trova invece impiego in ambito cosmetico, per via del suo potere emolliente e tonificante per la pelle.

Il nocciolo trova infine spazio nella medicina popolare, come trattamento alternativo contro il cancro.

Tuttavia, non esistono prove scientifiche a conferma di un simile utilizzo, ma anzi, è bene ricordare che i noccioli di albicocca amari contengono una sostanza chiamata amigdalina, un glicoside cianogenetico, che può liberare acido cianidrico, o cianuro, sostanza estremamente dannosa se assunta in quantità eccessive, che può causare gravi intossicazioni.

Controindicazioni e interazioni

A cosa fanno male le albicocche? Al momento non sono disponibili prove scientifiche evidenti in merito all’interazione delle albicocche con alcuni farmaci o integratori alimentari.

In gravidanza e durante l’allattamento, è tuttavia sconsigliato l’utilizzo di rimedi a base di nocciolo di albicocca, in quanto non se ne conoscono ancora i potenziali effetti sulla salute del bambino.

Seguici anche sui canali social