Greenstyle Alimentazione Alimenti Radicchio: proprietà e tabella nutrizionale

Radicchio: proprietà e tabella nutrizionale

Il radicchio è un ortaggio spesso sottovalutato, che dovresti mangiare ogni giorno soprattutto se sei a dieta. Cosa sapere, compresi i valori nutrizionali.

Radicchio: proprietà e tabella nutrizionale

Fonte immagine: Pixabay

Il radicchio rosso è un ortaggio dal sapore amarognolo, di color rosso porpora e dalle interessanti proprietà benefiche per la salute. Membro della famiglia delle Asteraceae, lo puoi trovare anche con il nome di cicoria italiana o indivia rossa e appartiene al genere “Cichorium”. È quindi uno stretto parente di altre verdure benefiche, come la cicoria e la lattuga.

L’ortaggio ha un aspetto molto caratteristico e ben riconoscibile, grazie al suo colore rosso e alle sue venature bianche, ma può assumere anche forme e colori differenti, a seconda delle diverse varietà.

Si tratta di un alimento molto diffuso nella cucina e nella cultura italiana e mediterranea.

In questo articolo scopriremo come si mangia il radicchio, quante calorie apporta e come cucinarlo per preservarne intatte le proprietà nutritive. Le curiosità su questo ortaggio alleato della salute.

Che aspetto ha il radicchio?

radicchio
Fonte: Pixabay

Esistono diverse varietà di radicchio. Questo ortaggio si presenta solitamente con foglie dal caratteristico colore rosso porpora, con venature di colore bianco o panna. Al supermercato o sul banco dell’ortofrutta puoi trovare però tipologie differenti, a seconda della diversa origine e provenienza.

Ad esempio, il radicchio di Chioggia ha una forma sferica e foglie di colore più intenso rispetto a quelle del radicchio di Treviso, il cui colore tende più verso il porpora/vino, e la forma è più allungata.

Ha foglie bianco crema con venature e macchie rosse il radicchio variegato di Castelfranco, dalla tipica forma rotonda. In Italia, la varietà più rinomata è quella di Treviso, che vanta anche la certificazione di Indicazione Geografica Protetta – I.G.P..

Puoi trovare questa tipologia in due diverse varietà, quello precoce e quello tardivo. Il primo ha un sapore più amaro rispetto al secondo.

Che gusto ha il radicchio?

Il gusto può variare leggermente in base alle diverse tipologie, ma in generale lascia in bocca un sentore stuzzicante, amarognolo e vagamente piccante. Il sapore amaro del radicchio è dovuto alla presenza dell’acido cicorico.

Radicchio: calorie e proprietà nutrizionali

Che cosa contiene il radicchio? Come molte altre verdure, anche l’indivia rossa è considerata un concentrato di sostanze utili per la salute. Le sue foglie contengono fibre, acqua, sostanze antiossidanti, vitamine e minerali.

In particolar modo, può garantirti un ottimo apporto di vitamina A, vitamina K, folati, vitamina C e quelle del gruppo B.

Per quanto riguarda i minerali, il radicchio rosso contiene ferro, calcio e altre sostanze molto importanti. L’ortaggio è infatti considerato una buona fonte di:

Dal punto di vista calorico, l’indivia rossa è una grande alleata per chi è a dieta: 100 grammi di radicchio rosso apportano infatti solamente 13 calorie.

Per poter mantenere intatte le proprietà nutrizionali è importante consumarlo crudo. Le proprietà del radicchio cotto potrebbero infatti ridursi in modo più o meno considerevole, in base alle diverse tecniche di cottura.

Quali sono i benefici del radicchio rosso?

Fonte: Pixabay

Visto l’interessante profilo nutrizionale di questo alimento, è facile intuire quanto possa rivelarsi benefico per la nostra salute. Acqua e fibre lo rendono un alimento ottimo per chi vuole supportare il benessere dell’intestino, il basso apporto calorico lo rende ideale per chi segue una dieta dimagrante.

Ma vediamo da vicino a cosa fa bene il radicchio.

Migliora la digestione

Oltre alle fibre, che hanno la capacità di migliorare la salute del nostro intestino, l’indivia rossa apporta anche altre sostanze che stimolano la produzione di succhi gastrici e favoriscono la digestione. Fra queste spiccano, ad esempio, l’acido clorogenico e la cinarina, che ne conferiscono il caratteristico sapore amaro.

Il radicchio fa bene anche al fegato

Sempre le sostanze che rendono amarognolo il radicchio, aiutano anche a stimolare la secrezione della bile, si dice quindi che ha un’azione “coleretica”. Per questo è ritenuto un alimento depurativo per il corpo.

Protegge il tuo cuore

Il radicchio è anche una fonte di antociani, pigmenti vegetali dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Queste particolari sostanze supportano la salute dei vasi sanguigni, per cui rappresentano dei piccoli alleati per il nostro cuore.

Il contorno ideale se sei a dieta

Il radicchio ha anche proprietà dimagranti. Oltre al basso apporto calorico che lo contraddistingue, questo ortaggio è infatti completamente privo di grassi e di colesterolo, rivelandosi quindi un ottimo contorno per i tuoi secondi piatti.

Ti depura

Abbiamo già accennato agli effetti benefici del radicchio per il fegato. In generale, devi sapere che questo ortaggio, grazie alla ricca quantità di acqua e potassio, è in grado di depurare l’organismo, agendo come un vero e proprio diuretico.

Insomma, il radicchio rosso può essere considerato un alimento depurativo a tutti gli effetti.

Fa bene anche al cervello

Un’insalata di radicchio può rinforzare anche la tua memoria. Tutto merito della vitamina K, associata a migliori funzionalità cognitive e a un miglioramento della memoria nelle persone anziane.

In più, sempre la vitamina K può migliorare la salute delle ossa, rinforzandole e riducendo così il rischio di osteoporosi e fratture.

Migliora la vista

Da quando siamo bambini ci sentiamo dire che mangiare carote fa bene agli occhi. È sicuramente vero, ma questi tuberi non sono i soli ad aiutarci a vedere meglio. Anche il radicchio, con le sue foglie colorate, rappresenta un valido sostegno per i tuoi occhi.

Fonte di zeaxantina e luteina, questa verdura è infatti capace di migliorare la vista e prevenire il rischio di degenerazione maculare legata all’età.

Un’arma contro i radicali liberi

I già citati antiossidanti del radicchio sono una risorsa preziosa contro i radicali liberi, delle molecole che, se presenti in quantità elevate, possono danneggiare la salute, aprendo o spianando la strada a malattia croniche, come diabete, cardiopatie o cancro.

Come si mangia il radicchio rosso?

Fonte: Pixabay

Dato che il suo sapore non piace proprio a tutti, è possibile preparare il radicchio in modo da minimizzarne il gusto amaro ed esaltarne invece il sapore leggermente piccante. Se ami i sapori amarognoli, potrai preparare una semplice insalata di radicchio, tagliando a listarelle le foglie e aggiungendo qualche noce o altra frutta secca.

Un giro d’olio extravergine di oliva, una spolverata di sale, qualche goccia di limone, il pranzo è servito.

Se sei in cerca di altre idee e ricette con il radicchio, potresti farlo saltare in padella con altre verdure, oppure puoi prepararlo alla griglia, piastrandolo da entrambi i lati e aggiungendo olio e limone.

Radicchio: controindicazioni

Chi non deve mangiare il radicchio? Non sono note particolari controindicazioni in merito all’assunzione di questa verdura, a meno che tu non soffra di un’allergia al radicchio. In tal caso, naturalmente, bisognerà evitare questo ortaggio e alimenti che lo contengono.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social