Greenstyle Alimentazione Alimenti Cachi: proprietà, calorie e le ricette più golose

Cachi: proprietà, calorie e le ricette più golose

Cachi: proprietà, calorie e le ricette più golose

Fonte immagine: Pixabay

I cachi rappresentano di certo uno dei frutti simbolo dell’autunno. Morbidi, dolci e decisamente nutrienti, sono un vero e proprio toccasana per corroborare l’organismo e prepararlo alle sfide della stagione fredda. Ma quali sono le proprietà di questo frutto, quali le calorie e quali ancora le ricette più gustose?

Questo frutto non manca di certo sulla tavola autunnale degli italiani, un’usanza che fonda le sue radici in tradizioni lontane. Forse però non tutti sanno come questo alimento non sia originario dello Stivale, bensì della più lontana Asia. Di seguito, tutte le informazioni utili.

Cosa sono i cachi

Cachi

Nel linguaggio comune, con il termine cachi si identificano i frutti dell’omonimo albero, il Diospyros kaki. Questa pianta appartiene alla famiglia delle Ebenacee ed è di origine orientale. È infatti molto diffuso in Cina e in Giappone ed è proprio alla terra nipponica che deve il suo nome: in giapponese, sia la pianta che il frutto vengono identificati con la parola “kaki”.

Le piante si caratterizzano per una media altezza, all’incirca di 8-10 metri con picchi anche di 15-18 e foglie caduche. Il fusto è dritto, abbastanza sottile rispetto ad altri alberi della stessa altezza e dotato di numerose ramificazioni. La particolarità di questa pianta è la sua estrema durata – anche diverse centinaia di anni – tuttavia la sua crescita è estremamente lenta.

Il Duospyros kaki produce durante l’autunno dei vistosi frutti, delle grandi bacche di colore arancione, perfettamente commestibili. La superficie esterna è ricoperta da una sottile e lucida buccia di colore arancione, mentre la polpa interna è morbida, gelatinosa e racchiude al centro i semi.

I cachi, frutto dall’inconfondibile sapore dolce, sono stati fra i primissimi frutti consumati dall’uomo, anche per la facilità di raccolta, l’elevata abbondanza nel periodo autunnale e l’apporto calorico importante. Vi sono però dei problemi di conservazione nel tempo poiché, una volta colti dall’albero, tendono a decomporsi velocemente.

Proprietà nutrizionali dei cachi

Albero dei cachi

Così come già accennato, i cachi sono dei frutti dal profilo nutrizionale davvero interessante, sia sul fronte delle calorie apportate che degli altri elementi utili che sono in grado di donare all’organismo. Di seguito, tutti i dettagli.

Calorie

Fra tutta la frutta oggi disponibile nel periodo autunnale, i cachi rientrano di diritto fra i più calorici. Basti infatti pensare come 100 grammi apportino ben 70-80 calorie. E, considerando come ogni singolo esemplare pesi dai 250 ai 300 grammi, si possono superare facilmente le 200 calorie.

Proprio per questa ricchezza energetica, il frutto è stato a lungo ribattezzato “il pane dei poveri”, ovvero una vera e propria garanzia nella stagione fredda per le persone dalla dieta poco varia. L’elevato contenuto calorico non rende però il frutto adatto a chi soffre di iperglicemia, diabete o deve comunque controllare costantemente gli zuccheri nel sangue.

Apporto nutrizionale completo

Nonostante il dato importante sulle calorie, consumare moderatamente i cachi permette di ricaricare l’organismo con degli elementi decisamente indispensabili al benessere. La sua composizione nutrizionale per 100 grammi infatti prevede:

  • 80 grammi di acqua;
  • 16 grammi di carboidrati;
  • 0.5 grammi di proteine;
  • 0.3 grammi di grassi;
  • 2.5 grammi di fibre.

Sul fronte dei sali minerali, il frutto è ricco di potassio, magnesio, calcio, selenio e manganese. Fondamentale per i primi malanni dell’autunno è invece il contenuto in vitamine: la più abbondante è la vitamina C, vero e proprio toccasana per rinforzare il sistema immunitario e combattere i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. Seguono quindi diverse vitamine del gruppo B, utili per muscoli e cervello, così come la A: quest’ultima è amica della vista, dei capelli e della pelle.

Cachi: le proprietà benefiche

Cesto di cachi

Dato il loro singolare profilo nutrizionale, i cachi sono in grado di garantire molteplici benefici per la salute. Per questo, nonostante l’elevato contenuto in calorie, non bisognerebbe mai rinunciarvi durante l’autunno:

  • Sistema immunitario: grazie all’abbondanza di vitamina C, questo frutto rafforza il sistema immunitario aiutandolo a reagire più rapidamente all’azione di agenti esterni, come virus e batteri tipici della stagione fredda;
  • Apparato digerente: il grande contenuto in fibre facilita la digestione, sia a livello di stomaco – favorendone lo svuotamento e regolando la produzione di succhi gastrici – sia a livello di intestino. In questo caso, può avere un effetto lassativo e ritornare utile, così, per la stipsi;
  • Pelle e capelli: l’abbondanza di vitamina A aiuta a combattere l’azione dei radicali liberi sull’invecchiamento cellulare, in particolare donando una pelle più sana e idratata, riducendo l’eccessiva produzione di sebo. Ancora, la stessa vitamina rinforza i capelli, rendendoli più lucidi e favorisce la crescita e la resistenza delle unghie.
  • Muscoli: il mix tra carboidrati e minerali garantisce la necessaria energia ai muscoli. Il potassio, in particolare, riduce la stanchezza muscolare e limita il senso di fatica.

Come si mangiano i cachi

Mangiare cachi

La domanda potrebbe apparire banale: come si mangiano i cachi? Eppure, non si tratta di una questione scontata, poiché il modo con cui questi frutti vengono consumati ha un impatto importante sull’assorbimento dei suoi principi nutritivi.

I cachi andrebbero infatti consumati freschi, affinché vitamine e sali minerali rimangano intatti. Non a caso, la vitamina C – la più abbondante nel frutto – è termolabile e quindi si degrada se esposta a temperature troppo elevate. Per consumare il caco fresco è sufficiente aiutarsi con un cucchiaio o, ancora, assaporarlo in frullati, gelatine o macedonia.

Il frutto può essere naturalmente anche cotto, perdendo però alcune delle sue proprietà più importanti. Su questo fronte, la modalità più diffusa è quella della marmellata di cachi.

Ricette a base di cachi

Cachi, ramo

Sono moltissime le idee di ricette che possono essere realizzate in cucina con l’aiuto dei cachi, una pietanza che si rivela molto versatile. Naturalmente, vi sarà una predominanza di preparazioni dolci, proprio per l’alto contenuto di zuccheri del frutto.

Risotto

Un classico piatto caldo a base di cachi è il risotto: questo frutto si abbina infatti perfettamente alla consistenza del cereale e, con le sue note dolci, ne esalta il sapore.

La preparazione è molto semplice: si realizza un classico risotto bianco, circa 150 grammi per 4 persone, e giunta l’ebollizione si aggiunge il frutto in polpa e si procede con la normale cottura.

Per arricchire maggiormente la ricetta, è possibile aggiungere una spolverata di peperoncino o, per rendere il riso più compatto, si può far mantecare con circa 100 grammi di formaggio morbido oppure del mascarpone.

Marmellata

La marmellata di cachi fatta in casa è una delle più semplici da preparare, data la morbidezza e la consistenza gelatinosa del frutto. Si presta per essere usata così, spalmata sul pane tostato, o anche per farcire dolci, come la tradizionale torta di cachi, per cui possiamo usare la polpa del frutto cruda o la confettura.

Per fare una gustosa marmellata casalinga, serve procurarsi:

  • 1 chilo di cachi;
  • 250/300 grammi di zucchero;
  • scorza di limone qb.

Si procede lavando i cachi, eliminando la loro buccia e togliendo il picciolo. Ridotta la polpa in poltiglia, la si versa in una pentola dai bordi alti con una spruzzata di scaglie di scorza di limone. Si accende il fornello a fuoco alto e, raggiunta l’ebollizione, si versa lentamente lo zucchero mescolando a fondo per evitare gruppi. Dopo circa 30 minuti di cottura, la confettura sarà pronta: il tempo può variare a seconda della consistenza desiderata.

Prima di versare nei vasetti, si consiglia di procedere con la sterilizzazione degli stessi, dopodiché capovolgerli una volta posizionato il tappo, verificando l’assenza di bolle d’aria.

Altre idee in cucina

Ma quali altre idee si possono realizzare in cucina con questo frutto?

  • Crostate di marmellata di cachi: la classica crostata, ma con marmellata di cachi anziché le più classiche all’albicocca, alla pesca oppure ai frutti di bosco;
  • Mousse al cioccolato: è sufficiente frullare la polpa di caco fresca e aggiungere delle scaglie di cioccolato fondente, la soluzione perfetta per una colazione energica;
  • Granita al caco: una buona granita si può gustare anche in autunno, magari a fine pasto per aiutare la digestione. Per farla, si aggiunge al ghiaccio tritato della polpa di caco, un cucchiaio di sciroppo alla ciliegia o al melograno, mescolando il tutto vigorosamente;
  • Succhi ed estratti: infine, i cachi si prestano perfettamente per realizzare succhi, centrifughe ed estratti nutrienti, data la loro elevata composizione di acqua.

Seguici anche sui canali social