Greenstyle Alimentazione Alimenti Kiwi: calorie, proprietà e benefici

Kiwi: calorie, proprietà e benefici

Kiwi: calorie, proprietà e benefici

Fonte immagine: Pixabay

Può essere rosso, verde o giallo, ha pochissime calorie e un gusto dissetante: stiamo parlando del kiwi, un frutto che, oltre a essere delizioso, si presta per la preparazione di ricette light e dal risultato sorprendente. Ma sai già quante calorie ha un kiwi? E quali sono i valori e le sue proprietà nutrizionali?

Scopriamo tutto quello che c’è da conoscere in merito a questo frutto dal profumo e dal sapore inconfondibili.

Cos’è il kiwi?

calorie kiwi
Fonte: Pixabay

Che domande, si tratta di un frutto, giusto? Certo, ma sapevi che il kiwi (o kivi) è in realtà una grande bacca che cresce su una pianta, una sorta di vite legnosa, appartenente al genere Actinidia (della famiglia delle Actinidiaceae)?

Il kiwi è un frutto tipicamente invernale, le sue origini sono molto lontane. La pianta è infatti originaria della Cina, dove veniva coltivata già 700 anni fa. All’epoca il kiwi veniva consumato a tavola, ma veniva anche impiegato a scopo ornamentale.

In seguito, all’inizio dell’Ottocento, la pianta divenne nota anche al di fuori dei confini cinesi. Il Kiwi si diffuse prima in Inghilterra e poi in Nuova Zelanda. Il nome di questo frutto pare si ispiri proprio al famoso uccello simbolo della Nuova Zelanda, il Kiwi.

Ma tornando al frutto, come avrai notato, nel corso dei secoli il Kiwi si è diffuso ampiamente in tutta Europa, in particolar modo in Italia, dove è molto apprezzato, specialmente nella sua varietà verde. La sua forma è ovale, leggermente più grande di quella di un uovo di gallina.

Kiwi rosso, verde e giallo: le varietà più famose

Fonte: Pixabay

Se pensiamo al kiwi, ci viene in mente il frutto verde (o più esattamente, color cammello), con la buccia ricoperta di una leggera peluria (a proposito di buccia, sapevi che quella del kiwi è perfettamente commestibile?).

Ma in realtà esistono diverse varietà di kiwi. Le più famose, oltre alla tipologia dalla buccia verde, sono la varietà rossa e quella gialla, rispettivamente note con il nome di kiwi rosso, o kiwi a polpa rossa e kiwi gold, una tipologia che, a differenza di quella verde, non presenta i classici “peli” sulla superficie.

La varietà verde risulta più aspra, ma il kiwi dalla polpa rossa ha un sapore più dolce ed è per questo il preferito di pasticceri e chef, che lo usano per la preparazione di numerose ricette.

Calorie kiwi: i valori nutrizionali del frutto

Fonte: Pixabay

Una delle principali caratteristiche del kiwi è la sua ricchissima presenza di vitamina C. Alcune persone pensano – erroneamente – che il kiwi faccia parte della famiglia degli agrumi, probabilmente per via dell’elevata quantità di questa vitamina.

In realtà il kiwi non è un agrume, ma un frutto interessante dal punto di vista nutrizionale.

Al suo interno spicca anche la ricca presenza di vitamina E e minerali, a fronte di una bassissima quantità di calorie.

Le calorie di un kiwi verde sbucciato sono infatti circa 50/60 per 100 grammi. Se ti stai domandando quanto pesa 1 kiwi, tieni a mente che un frutto di medie dimensioni ha generalmente un peso di circa 85 grammi.

Le calorie di un kiwi giallo sono sempre all’incirca 60 per 100 grammi di frutto sbucciato.

Per quanto riguarda il profilo nutrizionale, il kiwi contiene circa l’84% di acqua, fibre e minerali come:

Il frutto rappresenta inoltre un’ottima fonte di polifenoli e carotenoidi. Vista la notevole presenza di acqua, vitamine, minerali e sostanze benefiche, mangiare due kiwi al giorno potrebbe rivelarsi una strategia vincente per soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina C e vitamina E.

A cosa fanno bene i kiwi?

Fonte: Pixabay

A questo punto, diamo uno sguardo ai benefici dei kiwi per la salute. Considerato un frutto ideale per chi fa sport, grazie all’elevata presenza di potassio che riduce il rischio di dolorosi crampi, il kiwi può svolgere numerose altre funzioni benefiche per il nostro organismo. Diamo un’occhiata alle più sorprendenti.

Ti rendono più forte

O perlomeno, rendono più forti le tue difese immunitarie. Tutto merito della vitamina C, ma anche degli antiossidanti racchiusi in questo frutto, che riducendo lo stress ossidativo ti proteggono da malattie e infiammazioni.

Sono amici del tuo stomaco

Il kiwi può migliorare la tua salute intestinale e la digestione, grazie all’elevata quantità di fibre contenute in questo frutto (sia nella buccia – non dimentichiamolo – che nella polpa). Inoltre, mangiare 2 kiwi al giorno può anche aiutare a regolarizzare i livelli di zuccheri nel sangue.

Kiwi e diabete

In virtù della sua capacità di regolarizzare i livelli di zuccheri, il kiwi rientra a pieno titolo nella lista dei cibi adatti ai diabetici, anche grazie al suo indice glicemico basso.

Una fonte extra di fibre

Fonte di vitamine, minerali e acqua, i kiwi possono rappresentare anche un’ottima risorsa per chi vuole fare il pieno di fibre in modo naturale.

Proprietà antiossidanti

Le numerose sostanze custodite al suo interno, rendono questo particolare frutto benefico per la sua capacità di combattere la formazione di radicali liberi.

Un pieno di vitamine

I kiwi sono considerati dei validi alleati per tenere alla larga le malattie respiratorie come l’asma (sempre grazie alla presenza di vitamina C) e sono anche indicati come alleati per la salute del cuore, in quanto aiutano a tenere sotto controllo la pressione sanguigna e a ridurre, di conseguenza, il rischio di ictus e di malattie cardiache.

Controindicazioni ed effetti collaterali

In generale, il kiwi è considerato un alimento sicuro per la salute, adatto anche per le persone che soffrono di diabete. Ciononostante, è bene sapere che questo frutto può alterare l’efficacia di alcuni tipi di farmaci, come quelli impiegati per il trattamento dell’ipertensione, o antiaggreganti e anticoagulanti.

Il consumo quotidiano, specie se eccessivo, di kiwi dovrebbe essere evitato da coloro che soffrono di malattie renali, poiché questo frutto è fonte di ossalati, sostanze che, se assunte in quantità eccessiva, possono favorire lo sviluppo di calcoli.

Poi, non va dimenticato che alcune persone possono soffrire di allergia al kiwi, potrebbero quindi sviluppare sintomi come:

  • Irritazione cutanea
  • Prurito
  • Difficoltà respiratorie
  • Nausea
  • Vertigini
  • Vomito.

Che sapore ha il kiwi?

Qual è il sapore del kiwi? Come abbiamo anticipato, alcune varietà sono più dolci rispetto ad altre. In generale, il kiwi ha un sapore acidulo, ma è anche molto fresco e dissetante.

Per quanto riguarda le modalità di conservazione, il frutto può essere conservato a temperatura ambiente per poco meno di una settimana, mentre in frigorifero potrà essere conservato per un periodo di tempo più prolungato.

Come usare i kiwi in cucina?

calorie kiwi
Fonte: Pixabay

Il kiwi si può mangiare a fettine oppure potresti aprirlo a metà e scavarlo con un cucchiaino. Se ti piace metterti alla prova fra pentole e fornelli, potresti usare i kiwi più maturi per preparare delle torte, una crostata, delle marmellate di kiwi, smoothie o anche delle deliziose e sfiziose cheesecake.

Se vuoi, fai i kiwi disidratati, per avere uno snack salutare sempre a portata di mano.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare