Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Come curare le piante di zucchine

Come curare le piante di zucchine

Come curare le piante di zucchine

Fonte immagine: Pixabay

Le piante di zucchine, rinomati membri della famiglia delle cucurbitacee, sono apprezzate in tutte le cucine del mondo. Possono avere un forma rotonda o allungata, possono essere verdi o gialle, possiamo cuocerle al forno o con la pasta. Le zucchine, in tutte le varietà disponibili, sono capaci di sorprenderci.

In più, questa pianta è incredibilmente semplice da coltivare, non necessita di grandi cure e può regalare dei raccolti davvero soddisfacenti. Insomma, quelle di zucchine sono le piante ideali per chi è alle prime armi e vuole avvicinarsi alla coltivazione in vaso o in orto.

Ma esattamente quanto tempo ci vuole per far crescere le zucchine? E come e dove piantare questi particolari vegetali? Scopriamo tutto ciò che bisogna sapere per coltivare le zucchine in vaso e sul terreno.

Quanti tipi di zucchine ci sono?

piante di zucchine
Fonte: Pixabay

Prima di fiondarci nel campo della coltivazione, diamo un’occhiata all’innumerevole quantità di zucchine che la natura ha da offrire. Al Nord del nostro Paese è possibile trovare le classiche zucchine nere di Milano, ma non mancano anche le zucchine bianche.

Al centro dello Stivale, puoi trovare Lo Zucchino Tondo di Piacenza e le zucchine trombetta di Albenga. Ma le varietà di zucchine non finiscono di certo qui. Immancabile è, ad esempio, la zucchina romanesca, seguita da quella siciliana, dalle zucchine gialle pâtisson e dalle Zucchine Crookneck, dal classico collo d’oca e dalla caratteristica buccia di colore giallo intenso.

Come puoi notare, la lista dei diversi tipi di zucchine è molto lunga. Ad accomunare le tante varietà sono le proprietà benefiche e le sostanze nutritive che ognuna di essa contiene.

Zucchine: proprietà e benefici

La zucchina è una pianta molto apprezzata da chi è a dieta. Il suo frutto contiene infatti pochissime calorie (circa 11 per 100 grammi) e rappresenta una valida fonte alimentare di vitamine (in particolar modo vitamina A, vitamina E e vitamina C) e di sali minerali, soprattutto:

Le diverse varietà di zucchine apportano naturalmente buone quantità di fibre, fondamentali per il benessere del nostro intestino. Alcune varietà, come le zucchine a pasta gialla, possono inoltre apportare carotenoidi.

Come coltivare le piante di zucchine in 10 passaggi, dalla semina al raccolto

piante di zucchine
Fonte: Pixabay

Dopo aver scoperto quali e quanti benefici può apportare alla tua salute una cena a base di zucchine, probabilmente avrai voglia di cimentarti nella coltivazione di questo portentoso vegetale.

Come e dove piantare le zucchine? Quanta acqua dare alla pianta? E quando iniziare il raccolto?

Ecco l’ABC della coltivazione delle zucchine, dalla semina fino al momento della raccolta.

Piantine o semi?

Per creare un orto di zucchine puoi scegliere di partire dai semi oppure dalle piantine, che potresti acquistare presso un vivaio ben fornito. Nel primo caso, dovresti predisporre un apposito semenzaio, una sorta di serra coperta, dove sin da Marzo potrai spargere i piccoli semini, premurandoti che sia ben riparato in presenza di climi particolarmente rigidi.

Solo quando le piantine saranno formate, potrai procedere al trapianto. Quando piantare le piantine di zucchine? Se prediligi la coltivazione in pieno campo, potrai cominciare la coltivazione da aprile fino a maggio.

Ma prima di trapiantare le piantine di zucchina, zappa la terra e concimala adeguatamente. Ricorda di posizionare le piante, maneggiando delicatamente le radici, a una certa distanza l’una dall’altra, poiché le zucchine necessitano di parecchio spazio per poter crescere indisturbate.

La distanza ideale tra le piante di zucchine dovrebbe essere di circa 75 cm.

Posso coltivare le piante di zucchine in vaso?

La risposta è positiva. Potresti decidere di coltivare le piante di zucchine in terrazzo, purché presti attenzione alla qualità del terreno e alle necessità della pianta in termini di spazio, esposizione e irrigazione.

Il vaso dovrà essere di grandi dimensioni, il terriccio dovrà essere ben concimato e drenante.

Se in balcone hai poco spazio, potresti dedicarti anche alla coltivazione delle zucchine in verticale, fissando la pianta ad un apposito sostegno o un supporto abbastanza robusto da favorire lo sviluppo delle zucchine rampicanti.

Preparazione del terreno per le zucchine

Fonte: Pixabay

Il terreno adatto per le zucchine dovrebbe essere ben drenato e ricco di sostanze nutritive. La pianta richiede un terreno con pH compreso tra 6 e 7, che sia ben concimato e fertile. Già qualche mese prima della semina o del trapianto, nel caso delle piante di zucchine già formate, potrai scavare delle buche e riempirle con del letame, poi ricopri il terreno.

Dopo il momento del trapianto o semina, quando le piante saranno già piuttosto grandi e stabili, potrai concimare ulteriormente il terreno utilizzando un apposito prodotto che fornisca azoto, fosforo e potassio.

Cosa si pianta vicino alle zucchine?

Dal momento che le piante di zucchina prosperano quando i fiori vengono impollinati dagli insetti, sarà saggio richiamare questi ultimi coltivando piante apposite, come la calendula o le piante aromatiche ad esempio. Vicino alle zucchine, potresti consociare anche piante di lattuga, cipolle e piante di fagioli rampicanti.

Pacciamatura

La pacciamatura è un altro step importante per la coltivazione delle zucchine. In cosa consiste esattamente? Per proteggere le zucchine più piccole, ad esempio entro il primo mese di vita, bisognerà coprire il terreno circostante con foglie secche e paglia. Ciò permetterà di tenere alla larga le piante infestanti e di proteggere il frutto.

Posizione e clima ideale

Le piante di zucchine sono caratterizzate da foglie grandi e piuttosto appiccicose. Per natura, queste piante temono il sole diretto estivo, per cui è opportuno fornire loro un riparo dal vento o dal sole eccessivo durante la stagione estiva, attraverso appositi teli.

Per quanto riguarda il clima ideale per la coltivazione delle zucchine, queste piante prediligono un clima temperato e mite, che si aggiri intorno ai 25-30 gradi e che non scenda al di sotto dei 12 gradi in inverno.

Come e quando innaffiare le zucchine?

piante di zucchine
Fonte: Pixabay

La zucchina è un tipo di pianta che necessita di molta acqua. L’ideale sarebbe irrigare due volte al giorno, al mattino presto e la sera dopo il tramonto, avendo cura di versare l’acqua solamente sulla terra, senza bagnare le foglie.

La cura della pianta prevede anche di eliminare eventuali parti danneggiate, facendo attenzione a non rompere i rami.

Malattie e parassiti: i nemici delle piante di zucchine

È importante tenere in considerazione anche i possibili nemici naturali delle piante di zucchine. Fra questi rientra l’oidio, mal bianco, malattia fungina che comporta la presenza di un rivestimento di muffa bianca sulle foglie della pianta. Causa un ingiallimento e un appassimento.

Se le piante dovessero infettarsi, rimuovi immediatamente quelle colpite.

I parassiti dannosi per la pianta di zucchine sono, invece, perlopiù gli afidi, contro i quali potresti adoperare il sapone di Marsiglia. Tieni alla larga queste possibili minacce se desideri ottenere un raccolto prolifico e soddisfacente.

Quanto produce una pianta di zucchine?

A fronte della grande semplicità di coltivazione, la pianta di zucchine può offrire risultati molto soddisfacenti. Nell’arco di 40 giorni, la pianta potrebbe ricompensare il tuo lavoro con svariati chili di zucchine.

Se ti stai domandando come aumentare la produzione di zucchine, potresti piantare alcune piantine a stagione inoltrata, dalla fine di giugno a inizio luglio, in modo da prolungare il raccolto.

È l’ora del raccolto

Dopo tanto lavoro, è giunto il momento di raccogliere i frutti della nostra fatica. Il periodo ottimale per raccogliere le zucchine è quando il fiore inizia a schiudersi. Se sei un amante dei fiori di zucchina, saprai bene che questa parte può essere impiegata in numerose ricette.

Nella raccolta, prediligi i fiori maschili alla cui base dei petali si trova una sorta di corolla a forma di trombetta, rispetto a quelli femminili, in modo che questi ultimi possano produrre il frutto.

Seguici anche sui canali social