Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale

Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale

Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale

Fonte immagine: Pixabay

I rimedi naturali per eliminare i pidocchi dalle piante sono una preziosa risorsa non solo per i giardinieri professionisti, ma anche per chi abbia il pollice verde e coltivi amatorialmente la passione per potus, Kenzie & Co.

Gli afidi o pidocchi costituiscono una preoccupazione per chi abbia delle piante fuori e dentro casa. Oltre che tenerle sotto controllo, è necessario curarle al meglio intervenendo tempestivamente laddove si notino sgradite presenze. Perché le piante fanno i pidocchi? E come eliminare gli afidi in modo naturale? Andiamo con ordine.

Cosa sono i pidocchi o afidi

Ma prima di approfondire i numerosi rimedi, un cenno agli afidi. Conosciuti come pidocchi delle piante, sono parassiti che possono avere colore diverso e che si riproducono velocemente. Per questo è fondamentale identificarne la presenza tempestivamente ed agire il prima possibile.

Se anche si possono sempre mettere in pratica diversi accorgimenti volti a prevenirne gli attacchi.

Tra i diversi tipi di afidi che possono infestarle ci sono:

  • Afide nero dell’arancio, i cosiddetti pidocchi neri delle piante
  • Afide verde del pesco e del tabacco
  • Afide bianco, i pidocchi bianchi delle piante
  • Afide del sedano
  • Afide dei piselli
  • Afidi delle rose

Ma la lista è lunga, si potrebbe continuare all’infinito citando ancora l’afide del cotone, quello dell’oleandro e del melo, l’afide verde degli agrumi, del cavolo cappuccio, l’afide farinoso della prugna.

Pidocchi piante e uomo, bisogna preoccuparsi? Prima che vi chiediate se i pidocchi delle piante si attaccano ai capelli vi rassicuriamo subito. Gli afidi delle piante si nutrono di linfa, quindi per l’uomo sono assolutamente innocui. La tipologia che interessa quest’ultimo è quella facente capo alla famiglia dei pidocchi Anoplura.

Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale
Fonte: Pixabay

Perché le piante fanno i pidocchi?

Si nutrono della linfa delle piante, come detto, motivo per cui causano l’accartocciamento delle foglie portandole alla morte. In linea generale, a contribuire alla loro veloce proliferazione è una serie di fattori. Tra questi rientrano il clima mite e caldo, quello tipico di estate e primavera.

Le stagioni nelle quali si deve prestare maggiore attenzione a tali piccoli parassiti. Questi minuscoli e ripugnanti insetti sono numerosissimi, vanno eliminati velocemente poiché, come visto, si riproducono molto rapidamente.

Come eliminare i pidocchi dalle piante, rimedi naturali

Come togliere i pidocchi delle piante, quindi? Ci sono molti prodotti specializzati sul mercato per uccidere gli afidi. Tuttavia, i loro componenti chimici possono risultare pericolosi per la pianta, se se ne abusa. In alternativa, ci sono anche una serie di ingredienti naturali che possono aiutare nell’impresa.

Puoi aiutarti coi numerosi ingredienti esistenti in natura a disposizione, di cui possiamo sintetizzare di seguito una lista amica dell’ambiente, in grado di debellare questi parassiti. Ecco i rimedi naturali per gli afidi.

Tabacco

Il tabacco rientra nella categoria delle piante aromatiche: emana un particolare sapore e aroma dovuto alle sue essenze ed ai suoi composti aromatici. Tuttavia, contiene anche delle sostanze tossiche, come la nicotina, che si rivelano dannose, e quindi efficaci, contro i pidocchi delle piante comuni, i verdi, bianchi e neri.

In ammollo nell’acqua mettete il tabacco per favorire il rilascio di sostanze nel liquido. Dopo almeno un’ora filtrate il tutto e usate per spruzzarla su tutte le piante. Tale operazione va fatta quando le piante non sono colpite dal sole. Si tratta di un rimedio che non può essere messo in pratica per più di 2 settimane. In alternativa potete utilizzare la nicotina di 5 – 6 sigarette, vaporizzata sulle piante.

Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale
Fonte: Pixabay

Bicarbonato

Per i pidocchi delle piante i rimedi naturali col bicarbonato sono tra i più diffusi. Questo ingrediente è un antiacido naturale, tale sua caratteristica lo rende un ottimo fungicida. A renderlo ottimo in tal senso è il fatto di essere un composto alcalino estremamente utile per neutralizzare l’acidità del suolo.

Tali microorganismi, che possono vivere in ambienti acidi, non possono sopravvivere dopo la sua aggiunta. Mescolate un cucchiaino di bicarbonato di sodio, un cucchiaino di sapone naturale neutro e un litro d’acqua. Trasferite in un flacone spray, quindi spruzzate tutte le piante, comprese le loro radici, se gli afidi sono arrivati a toccarle.

Ortica

Così come quello con il tabacco, anche il macerato di ortica regala grandi soddisfazioni nella lotta ai pidocchi delle piante. Le ortiche sprigionano un aroma e delle sostanze ideali per eliminare gli afidi. Come fare? Semplice: mettete in ammollo per un giorno un grosso mazzo di ortiche in 1,5- 2 litri di acqua.

Dopo aver atteso 24 ore, filtrate il liquido e versatelo in un flacone spray, poi nebulizzate su tutte le piante. Noterete come in poco tempo gli afidi scompariranno.

Aceto

Il più comune tra i rimedi naturali per i pidocchi delle piante è l’aceto. Il suo odore e l’acido acetico sono due delle caratteristiche che lo rendono efficace contro gli afidi. C’è da sottolineare, però, come sia più un repellente che un debellatore.

La sua azione principale è infatti quella di tenere lontani tali parassiti. Basta spruzzarlo una volta al giorno per qualche giorno sulla pianta per impedire che gli eventuali afidi presenti vadano ad infestare le vicine piante. Diluite 1 litro di aceto di vino in 10 litri di acqua, o usate tale proporzione, dopo spruzzate sulle piante quando non sono al sole.

Come eliminare i pidocchi dalle piante in modo naturale
Fonte: Pixabay

Aglio

Allo stesso modo di tabacco e ortiche, possiamo realizzare un macerato di aglio. Da utilizzare spruzzandolo sulle piante quando non sono raggiunte dal sole. Come ottenerlo? Tritate quattro o cinque spicchi d’aglio per ogni litro d’acqua, fate riposare per 24 ore e fate successivamente bollire per 20 minuti. Una volta freddo il liquido, filtratelo, raccoglietelo in un flacone spray e procedete con l’applicazione.

Sapone di Marsiglia

Tra le tante proprietà del sapone di Marsiglia bisogna ricordare come sia un efficace rimedio antiparassitario naturale. I suoi punti di forza stanno nel fatto di risultare innocuo nei confronti degli animali e degli uccelli e, naturalmente, dell’uomo, di essere un prodotto economico ed a basso impatto ambientale.

Fate sciogliere dai 10 ai 20 grammi di sapone per litro d’acqua possibilmente tiepida. Trasferite in un nebulizzatore e da lì applicate sulle piante infettate, prediligendo le prime ore della mattina o le ultime delle sera. Come eliminare gli afidi con aceto e sapone di Marsiglia, invece? Nulla di più semplice: basta addizionare all’acqua anche dell’aceto e mescolare.

Olio di Neem

Il potere battericida dell’olio di Neem è rinomato fin dall’antichità, quando veniva usato anche per tenere a bada i pidocchi. Quella dalla quale si ricava, è una pianta dalle proprietà antiparassitarie ed antibatteriche straordinarie.

Ci sono prodotti in commercio che lo contengono oppure potete diluirlo puro in acqua e spruzzarlo sulle piante. È adatto non solo contro gli afidi, ma anche per debellare altica, dorifora della patata, tripidi e lepidotteri. L’olio di Neem non è tossico e si degrada naturalmente nell’ambiente. Inoltre non provoca danni agli animali né all’uomo.

Fonte: Pixabay

Coccinelle

Tali simpatici insetti rossi a pois neri possono rivelarsi degli ottimi alleati nella lotta ai pidocchi. Le coccinelle possono mangiare fino a 100 afidi al giorno. Potete quindi acquistarne delle larve presso i negozi specializzati e distribuirle sulla pianta infestata. Si tratta del rimedio più innocuo che possiate mettere in pratica in quanto si basa su un meccanismo totalmente naturale.

Piante repellenti

Infine, ma non meno importante ai nostri scopi, è valutare di piantare intorno alle specie a rischio di pidocchi una di quelle piante che, abbiamo visto, risultano repellenti agli afidi. Tale strategia fornirà una sorta di barriera, una protezione naturale. Oltre l’ortica ed il tabacco, potete scegliere di piantare il caprifoglio e il lupino.

Pidocchi piante grasse

Le vediamo più resistenti rispetto a molte altre piante d’appartamento. Ma ciò non esclude che anche le piante grasse possano essere attaccate dagli afidi. Oltre questi, tra i pidocchi delle piante grasse rientrano le cocciniglie, il ragnetto rosso, le lumache e i nematodi.

Anche per questi si può ricorrere ad una serie di rimedi naturali. Tra i più efficaci in questo caso c’è il ricorso al sapone di Marsiglia.

Seguici anche sui canali social