Greenstyle Cani Bracco Ungherese a pelo forte (Vizsla)

Bracco Ungherese a pelo forte (Vizsla)

Ciò che volevi sapere sul Bracco Ungherese a pelo duro o forte. Dal colore del mantello, fino a carattere, prezzo di un cucciolo, alimentazione e malattie.

Bracco Ungherese a pelo forte (Vizsla)

Fra le numerose razze di cani da caccia da conoscere c’è anche il Bracco Ungherese a pelo duro o forte. Meno diffuso e meno noto rispetto al Bracco ungherese a pelo corto (sono due razze differenti, non due varianti della medesima razza), è adatto sia per l’attività venatoria che come cane da compagnia. Andiamo dunque a conoscere meglio questo cane.

Storia e origini

La storia del Bracco ungherese a pelo duro sono le medesime del Bracco ungherese a pelo corto. Il Vizsla ha origini antichissime, probabilmente i suoi antenati arrivarono insieme a quei popoli indoeuropei che migrarono verso occidente e che andarono a stabilirsi lungo le rive del Danubio.

Sin dall’inizio furono cani da caccia, anche se vennero utilizzati anche come cani per condurre greggi e mandrie. Di sicuro, visto il mantello, furono creati incrociando il Bracco ungherese a pelo corto con il Drahthaar.

Come razza la si trova tantissimo in Ungheria, ma anche negli Stati Uniti ha molto seguito.

Aspetto e colore del mantello del Bracco Ungherese a pelo duro

Vizsla pelo duro
Fonte: Canarian, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Il Bracco Ungherese a pelo duro è la razza n. 239 della FCI. Originario dell’Ungheria, fa parte del Gruppo 7 – Cani da ferma, Sezione 1 – Cani da ferma continentali tipo bracco (anche lui con prova di lavoro in pianura e acqua). Il Vzsla è un cane da caccia polivalente: lavora bene sia in pianura che nella boscaglia che in acqua.

Può essere anche un ottimo cane da compagnia: può vivere tranquillamente in appartamento essendo molto adattabile, ma deve fare comunque una buona quantità di attività fisica tutti i giorni.

L’aspetto è quello di un cane da caccia di media taglia, asciutto e senza un grammi di grasso superfluo. Rispetto al Bracco ungherese a pelo corto è maggiormente robusto.

Standard di razza del Bracco Ungherese

Questo è lo standard di razza Enci del Bracco Ungherese a pelo duro:

  • Testa: cranio leggermente bombato e moderatamente largo, occipite moderatamente sviluppato e stop moderato. Il tartufo è largo, con narici ben aperte e colore che deve accordarsi col mantello, di tono più scuro. Il muso è tronco, non deve essere appuntito, la canna nasale è dritta, le labbra mai pendule e le mascelle devono avere la chiusura a forbice. Le guance sono muscolose, mentre gli occhi sono ovali, di grandezza media e di colore bruno. Le orecchie sono leggermente indietro, attaccate a media altezza con padiglione pendente. L’estremità dell’orecchio ha una forma a V arrotondata. Rispetto al Bracco ungherese a pelo corto, l’orecchio è un pochino più corto
  • Collo: nuca molto muscolosa e leggermente arcuata
  • Corpo: garrese muscoloso, dorso muscoloso e diritto, rene muscoloso e diritto, groppa larga e molto muscolosa, torace muscoloso e coste moderatamente cerchiate. La linea inferiore sale verso il posteriore formando un arco elegante
  • Coda: attaccata a media altezza, è forte alla radice e sottile in punta
  • Arti: anteriori diritti e paralleli, muscolosi, scapola lunga e obliqua, braccio muscoloso, gomiti mai deviati e aderenti al corpo, avambraccio lungo, dritto, abbastanza muscoloso, carpo secco, metacarpo corto e leggermene obliquo, piedi ovali, dita chiuse e arcuate, unghie forti e brune, polpastrelli color ardesia. Posteriori dritti e paralleli, coscia muscolosa, ginocchio angolato, gamba lunga, nervosa e muscolosa, garretto secco, metatarso verticale, piedi come gli anteriori
  • Andatura: trotto con slancio, elegante. In pianura va al galoppo, ambio indesiderato

Colore del mantello del Bracco Ungherese a pelo duro

Il pelo viene definito a “fil di ferro”: deve essere adagiato sul corpo, fitto, forte e opaco. Il pelo di copertura è lungo 2-3 cm, il sottopelo è denso e impermeabile all’acqua, deve anche proteggerlo al meglio dalle intemperie. Il pelo tende a essere più orto e molle, anche meno fitto, nelle parti inferiori degli arti, sotto il petto e sotto l’addome. Sulla testa e le orecchie il pelo è più corto e scuro, ma non meno denso.

Le sopracciglia sono marcate e accentuano lo stop. La barba deve essere il più dura possibile e forte, ma non più lunga di 2-3 cm, ben distribuita da entrambi i lati del muso. Questo serve ad accentuare l’espressione energica del muso. Sui due lati del collo il pelo è a spazzola e forma una “V”.

Il colore del mantello deve avere diverse gradazioni frumento-dorate, noto come semmelgelb. Le orecchie possono avere un tono più scuro, ma sul resto del corpo il colore deve essere uniforme. Tonalità rosse, brunastre o giallo chiaro, così come i colori slavati, non sono desiderati.

Non vengono penalizzate una piccola macchia bianca sul petto o sulla gola, di diametro non superiore ai 5 cm, o macchie bianche sulle dita. Il colore di labbra e palpebre devono corrispondere al colore del tartufo.

Taglia: altezza e peso

Come taglia, l’altezza al garrese deve essere:

  • maschi: 58-64 cm
  • femmine: 54-60 cm

Anche in questo caso, come per il bracco ungherese a pelo corto, lo standard di razza non parla del peso, ma in generale un Vizsla pesa 22-30 kg.

Difetti

Qualsiasi deviazione dallo standard di razza viene considerata un difetto. Fra i difetti eliminatori abbiamo:

  • testa atipica
  • tartufo depigmentato
  • labbra pendule o che sbavano
  • enognatismo o prognatismo, arcata dentaria deviata
  • assenza di uno o più denti
  • denti in più e non allineati
  • palato diviso, labbro leporino
  • occhi giallo chiaro, entropion, ectropion, distichiasi
  • giogaia marcata
  • presenza di speroni
  • pelo rado, assenza di sottopelo, pelo lungo, molle, serico, irsuto, crespo o lanoso. Mancanza di pelo a spazzola sugli arti
  • colore marrone scuro o giallo pallido. Cani pluricolori, colore non uniforme. Macchia bianca sul petto che supera i 5 cm di diametro
  • piedi bianchi
  • mancanza di pigmentazione, sia della pelle che dei bordi delle palpebre e delle labbra
  • qualsiasi difetto di carattere
  • taglia che non arriva o che sorpassa di più di 2 cm l’altezza al garrese indicata dallo standard

Carattere del Bracco Ungherese a pelo forte

vizsla
Fonte: Broneder, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Il carattere del Bracco ungherese a pelo forte è quello di un cane che si affeziona tantissimo al suo padrone. Molto intelligente, è facile da educare e consapevole di ciò che vale. Non deve mai essere trattato rudemente, è molto sensibile. È un cane che cerca sempre il contatto col padrone.

Ama fare tanta attività fisica e adora le attività di ricerca, nonché quelle di riporto. Ha un ottimo fiuto ed è un perfetto cane da ferma.

Come razza è molto equilibrato, calmo, deve essere dolce e socievole. È anche estremamente adattabile, motivo per cui può tranquillamente vivere anche in appartamento.

Come per tutti i cani da caccia, forse è sconsigliata la coabitazione con gatti o altri animali preda. Tradotto: mettere un Vizsla insieme alle galline del nonno forse non è una buona idea.

A chi è adatto?

Il Vizsla può essere un cane adatto a tutti, pure ai neofiti,. Ci sentiamo solo di sconsigliarlo alle persone pigre o che non amano i cani troppo attivi, perché molto vitale e necessita di fare parecchio esercizio fisico tutti i giorni. Si dimostra un ottimo cane da compagnia.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione del Vizsla non è differente da quella di altri cani della stessa taglia, che siano di razza o meno. Sia che tu abbia deciso di optare per un’alimentazione commerciale (crocchette/scatolette), sia che tu finisca col scegliere un’alimentazione casalinga, chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

La razione giornaliera va suddivisa sempre in 2-3 pasti. Non dare mai grosse quantità di cibo o farlo bere troppo subito prima o subito dopo avergli fatto fare attività fisica per diminuire il rischio di dilatazione/torsione dello stomaco.

Malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono sviluppare indipendentemente dalla razza o dalla taglia, ecco che nel Bracco ungherese si possono vedere con maggior frequenza:

  • displasia dell’anca
  • displasia del gomito
  • poliartrite immunomediata
  • polimiosite (nota anche come polimiopatia) infiammatoria del Vizsla
  • miosite dei muscoli masticatori
  • Myasthenia gravis
  • ectropion
  • entropion
  • glaucoma
  • cataratta
  • Lupus eritematoso sistemico o Lupus discoide
  • pemfigo
  • trombocitopenia immunomediata
  • arterite steroido-responsiva
  • adenite sebacea
  • epilessia
  • tumori (con particolare riferimento all’emangiosarcoma)

Dove trovare un Bracco Ungherese

Puoi trovare un cucciolo di Bracco Ungherese in vendita presso allevamenti professionali, allevamenti amatoriali o privati che fanno cucciolate. Tuttavia ricordati che è più facile trovare il Vizsla a pelo corto che non quello a pelo duro.

Puoi anche provare a cercare cani meticci che gli assomiglino in canile o chiedere alle Rescue che si occupano del recupero di specifiche razze di cani.

Se trovi un Vizsla tramite annunci online, assicurati solo di affidarti a siti sicuri.

Per legge, nessun cane può essere venduto, ceduto o regalato se sprovvisto di microchip. Il chip deve essere inserito a nome del proprietario della fattrice entro i due mesi di vita del cucciolo. Successivamente sta a costui provvedere a effettuare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di Bracco Ungherese

Bracco ungherese a pelo duro cucciolo

Il costo di un cucciolo di Bracco Ungherese non è eccessivamente alto, se ne trovano in vendita a 600-800 euro. Ma il prezzo di un Bracco ungherese a pelo duro potrebbe essere un più elevato rispetto a quello a pelo corto per il semplice fatto che ce ne sono molti di meno in giro. Inoltre il prezzo potrebbe aumentare anche a 1.200-1.500 euro per genealogie o linee di sangue particolari.

Per essere sicuro che veramente quel Bracco Ungherese sia di pura razza e non un meticcio che gli assomiglia tanto, è necessario che abbia il Pedigree. Per la legge italiana, infatti, non possono essere venduti come cani di razza cani sprovvisti di Pedigree.

O meglio: cani senza Pedigree possono essere venduti, ma non possono essere definiti e venduti come di razza in quanto non hanno il Pedigree. Cani senza Pedigree, anche se somiglianti in tutto a cani di razza, sono considerati dei meticci dalla legge e come tali dovrebbero essere fatti pagare di meno.

Curiosità

Vediamo alcune curiosità sul Bracco Ungherese:

  • Il Bracco Ungherese non puzza, anche se, come molti cani da caccia, odora di più di cane
  • Non esiste il Bracco Ungherese grigio a pelo duro, il mantello deve essere sempre nelle tonalità del marrone. È il Weimaraner ad avere il pelo di colore grigio
  • Quando si parla di Vizsla, si intende sia il Bracco Ungherese a pelo corto, che è quello più diffuso, sia il Bracco Ungherese a pelo duro, meno diffuso)

Perché prendere un Bracco Ungherese?

Il Bracco Ungherese a pelo duro o forte è un cane da caccia assai resistente e versatile, adatto a ogni tipo di terreno. Tuttavia si dimostra anche un buon cane da compagnia, con caratteristiche che ricalcano passo dopo passo quelle del ben più diffuso bracco ungherese a pelo corto.

È un cane molto allegro, vivace, socievole e intelligente, facilmente addestrabile e che può adattarsi a vivere anche in appartamento. Ricordati solo di fargli fare attività fisica tutti i giorni, è un cane molto agile e atletico, ottimo per chi vuole fare sport col proprio amico.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure
Animali

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell’ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.