Il Boston Terrier è una di quelle razze canine il cui nome indica chiaramente la nazione di provenienza (USA) e la classificazione da parte della F.C.I. fra i cani terrier, Gruppo 3.

Storia e aspetto del Boston Terrier

La nascita della razza è datata 1865 con il cane Judge (esemplare nato da un accoppiamento fra un Bulldog Inglese e un Bull Terrier) il progenitore che, successivamente, venne fatto accoppiare con un altre razze con l’obiettivo di ridurne le dimensioni.

È un cane talmente famoso negli Stati Uniti che, nel 1979, venne proclamato dal governo del Massachusetts (di cui Boston è la capitale) cane ufficiale dello Stato.

Si tratta di un cane di taglia piccola molto vivace e intelligente, fisicamente dotato di una struttura compatta e solida, particolarmente robusto sugli arti.

Per il Boston Terrier esistono tre diverse varietà che si distinguono fra loro esclusivamente per il peso: leggeri sotto i 6,75 kg, medi tra i 6,25 kg e i 9 kg e i pesanti dai 9 kg sino e non oltre gli 11,25 kg.

È corto, iscritto in un quadrato, muscoloso con muso corto e occhi grandi, scuri ed espressivi.

Le orecchie sono dritte e appuntite, le zampe slanciate. Il pelo è corto e lucido. Lo standard del colore, definito solo nel 1920, prevede che il mantello pezzato sia uniformemente macchiato di bianco.

Carattere e impieghi del Boston Terrier

Questo cane è molto attento e vigile, con un carattere che lo rende vivace, è un cane facile da addestrare in quanto è intelligente con un temperamento sicuro e risoluto.

Il Boston Terrier è un perfetto cane da compagnia che si adatta tranquillamente sia alla vita in appartamento che in campagna, risulta particolarmente apprezzato per la sua eleganza e per il fatto che il suo pelo corto e liscio non necessita di particolare toelettatura e, aspetto non meno importate, non lascia peli in giro.

7 marzo 2014
Lascia un commento