Greenstyle Cani Carlino

Carlino

Carlino

Il Carlino, una razza di cane che o la sia ama, o la si ama. Beh, magari a non tutti può piacere quell’aspetto che ricorda un po’ uno scodinzolante panettone, però va detto che questi esemplari sono a dir poco adorabili. Soprattutto se ami i molossoidi, ma hai poco spazio in casa o non hai mai avuto a che fare prima con un molossoide, forse ti conviene cominciare proprio con questo cucciolone.

Storia e origini

Carlini

Come spesso accade, anche nel caso del Carlino non si sa da dove sia nata esattamente questa razza. Appare probabile, però, che le origini siano le stesse dei mastini. La maggior parte delle ipotesi propende per l’importazione in Europa dalla Cina o dal Giappone: qui, in effetti, ci sono molte rappresentazioni su dipinti e vasi di questa razza.

In Europa tuttavia il Carlino divenne famoso soprattutto dopo aver conquistato la corte inglese e francese, motivo per cui la sua origine viene ascritta come patronato al Regno Unito.

Aspetto e colore del mantello del Carlino

Carlino cane

Il Carlino è la razza n. 253 della FCI. Fa parte del Gruppo 9 – Cani da compagnia, Sezione 11 – Molossoidi di piccola taglia (senza prova di lavoro). Originario della Cina, il patronato viene riconosciuto per la Gran Bretagna. Viene utilizzato solamente come cane da compagnia.

È un cane dall’aspetto quadrato e raccolto, compatto e dalla muscolatura potente.

Standard di razza del Carlino

Questo è lo standard di razza Enci del Carlino:

  • Testa: larga, rotonda, ma mai a forma di mela. Il cranio ha rughe definite, ma non devono essere eccessive. Il tartufo è nero, con narici aperte e larghe. Il muso è corto e quadrato, mai all’insù. La mascella è leggermente prognata. Gli occhi sono grandi, rotondi e scuri. Le orecchie sono piccole e morbide. Possono essere “a rosa” con orecchio pendente piegato all’indietro a mostrare l’interno e “a bottone” con padiglioni piegati in avanti e punta che tocca il cranio
  • Collo: leggermente arcuato
  • Corpo: corto e compatto, con linea superiore orizzontale e torace ampio, con coste ben cerchiate
  • Coda: inserita alta, arrotolata sull’anca, meglio se senza doppio giro
  • Arti: anteriori con spalle oblique, avambraccio forte, diritto e piedi con dita ben separate, con unghie nere. Arti posteriori forti, diritti e paralleli, ginocchio ben angolato e piedi con dita ben separate, con unghie nere
  • Andatura: gli arti anteriori hanno forte allungo e lieve rollio posteriore

Colore del mantello del Carlino

Il mantello del Carlino è a pelo liscio, fine, corto e lucido. Deve essere morbido, mai ruvido o lanoso. Come colori del mantello sono ammessi:

  • argento
  • albicocca
  • fulvo
  • nero

Questi colori devono essere ben definiti, con netto contrasto con la striatura dorsale che va dall’occipite alla coda e con la maschera.

Taglia: altezza e peso

Come dimensioni, il peso di un Carlino varia dai 6,3 agli 8,1 kg. Deve essere muscoloso, non sovrappeso.

Difetti

Qualsiasi deviazione dallo standard viene considerato un difetto. Sono considerati difetti eliminatori:

  • cani aggressivi o troppo timidi
  • qualsiasi evidente anomalia fisica o comportamentale

Carattere dei Carlini

Carlino mangia

Il Carlino è un cane dal carattere felice, allegro e vivace. È dignitoso (beh, forse tranne quando si vende per avere un po’ di cibo o le coccole) ed è anche intelligente. Sono cani molto affettuosi e socievoli anche con chi non conoscono: il Carlino si comporta amichevolmente con tutti. Ideale come cane da compagnia, si adatta benissimo alle famiglie con i bambini e anche alle persone anziane.

Ha bisogno costante del contatto con la sua famiglia, ottimo per viaggiare insieme al gruppo famigliare, porta molta allegria in casa. Ama anche poltrire ore e ore, salvo poi riattivarsi quando vede all’orizzonte della pappa o delle coccole. Tende anche ad andare d’accordo con gli altri cani e con i gatti.

A chi è adatto?

Il Carlino è un cane adatto a quasi tutti. Va benissimo per chi è alle prime esperienze con i cani perché è molto dolce e amabile, perfetto per chi vive in appartamento e a chi ha bambini. Forse gli unici per i quali non è adatto è chi vuole fare attività fisica insieme al cane: non ama fare troppo movimento, anche se è capace di scatenarsi sulla breve distanza. Tuttavia preferisce sonnecchiare accanto al suo umano, quindi Carlino+divano+Netflix sono un trittico ottimale.

Ma attenzione, soffre molto di colpi di calore, se vivi in mansarde molto calde, non è una razza adatta a questa tipologia di ambiente.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione di un Carlino non differisce molto da quella di altri cani della medesima taglia o di razze diverse. Sia che tu scelga un’alimentazione commerciale (crocchette/scatolette) o un’alimentazione casalinga, chiedi sempre al tuo veterinario. Occhio solo che molti Carlini soffrono o di allergie alimentari o di problematiche gastrointestinali: in questo caso la dieta deve essere rispettata alla lettera.

Come manutenzione, per il pelo basta spazzolarlo regolarmente per rimuovere quello morto. Particolare attenzione deve essere prestata alla pulizia delle orecchie, degli occhi e delle rughe.

Malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono sviluppare indipendentemente da taglia o razza, nel Carlino si vede spesso:

  • distichiasi
  • entropion
  • ectropion
  • cheratoconginutivite secca
  • sindrome del cane brachicefalo
  • ipotiroidismo
  • colpo di calore
  • emivertebre
  • lussazione della rotula
  • encefalite del Carlino

Dove trovare un Carlino

Puoi trovare un cucciolo di Carlino in vendita presso allevamenti professionali, allevamenti amatoriali o privati che fanno cucciolate.

Puoi anche provare a cercare dei Carlini presso il canile o le Rescue che si occupano del recupero di specifiche razze. L’alternativa è quella di provare a seguire annunci online, ma affidati solo a siti sicuri per evitare truffe.

Per legge, ricorda che un cane può essere ceduto, regalato o venduto solo se provvisto di microchip. Spetta al proprietario della madre del cucciolo applicare, entro il secondo mese di vita, il microchip al cane, salvo poi effettuare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di Carlino

Carlino cucciolo

Il costo di un cucciolo di Carlino varia dagli 800 ai 2.000 euro. Il prezzo potrebbe variare anche di parecchio a seconda della linea di sangue, della genealogia e dell’allevamento. Se trovi un cucciolo di Carlino a 300 euro o meno, chiediti il perché: forse non ha il Pedigree e, dunque, non può essere definito o venduto come Carlino?

Ti ricordiamo, infatti, che per legge un cane può essere venduto come di razza solo se ha il Pedigree. Cani senza Pedigree possono essere venduti, ma non come cani di razza. Questo perché sono considerati dei meticci e, in quanto tali, andrebbero fatti pagare di meno.

Curiosità

Ecco alcune piccole curiosità sul Carlino:

  • Non esiste il Carlino nano, così come non esiste il Carlino toy: da standard di razza esiste un’unica taglia di Carlino. Esiste, invece, il Carlino nero: è uno dei colori riconosciuti
  • Il Carlino russa? Un po’, anche perché è un cane brachicefalo dal muso schiacciato. Tuttavia se russa troppo o se ha le narici eccessivamente stenotiche, potrebbe soffrire della sindrome del cane brachicefalo, meglio farlo controllare dal veterinario
  • Il Carlino puzza? No, non più di altri cani. Tuttavia in caso di dermatiti (soprattutto da Malassezia) o in caso di otiti, potrebbe avere un odore più forte
  • Il nome inglese del Carlino è “pug”
  • La durata di vita media di un Carlino è di 12-15 anni

Perché prendere un Carlino?

Il Carlino è un cane simpatico, divertente, affettuoso e socievole. È anche molto espressivo, con lui non ti annoierai mai. Forse dal punto di vista della salute richiede un po’ di attenzioni in più rispetto ad altre razze. Come aspetto, potrebbe forse non piacere a tutti: è una di quelle razze che o ti piace alla follia o non ti piace. Ma di sicuro il suo carattere è amabile.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare