Greenstyle Alimentazione Alimenti Orzo: proprietà e valori nutrizionali

Orzo: proprietà e valori nutrizionali

Orzo: proprietà e valori nutrizionali

Fonte immagine: Pixabay

Pensi all’orzo e ti vengono subito in mente delle fumanti tazze di “caffè” dal profumo avvolgente. Ma in realtà questo cereale viene impiegato non solo per la preparazione di una buona bevanda per la colazione (adatta sia per bambini che per noi adulti), ma anche per la preparazione di zuppe, farine e molto altro.

Quando parliamo di “orzo” ci riferiamo per l’esattezza alla pianta Hordeum vulgare, un cereale appartenente alla famiglia delle graminacee, uno dei più antichi alimenti a noi noti, coltivato sin dal lontano VII millennio a.C.

Quello di cui stiamo parlando è dunque un cereale presente nell’alimentazione umana da moltissimi secoli, la cui pianta può essere coltivata in modo semplice, sia in primavera che in autunno, offrendo dei proficui raccolti.

Orzo perlato, integrale e mondato

In commercio potresti trovare tre diverse tipologie di orzo, vale a dire quello perlato, l’orzo integrale e quello mondato (o decorticato). A contraddistinguere le tre varietà è il diverso metodo di lavorazione e raffinazione.

Come potrai intuire, l’orzo integrale è quello che non subisce alcun processo di lavorazione. L’orzo mondato (o decorticato) è invece quello che subisce una lavorazione volta a eliminare la parte esterna del chicco. L’orzo perlato è, infine, quello che viene sottoposto a un processo di raffinazione maggiormente elevato, in grado di eliminare completamente la parte esterna del chicco.

Ciò significa che quest’ultima tipologia presenterà minori livelli di sostanze nutrienti e fibre rispetto a quelle contenute nell’orzo integrale, a fronte di un uguale apporto calorico.

Cosa si fa con l’orzo?

Fonte: Pixabay

Oltre ai classici chicchi di orzo, sugli scaffali del supermercato puoi trovare anche numerosi prodotti realizzati con questo cereale, come ad esempio il ben noto caffè d’orzo solubile e il malto d’orzo. Nel primo caso, si tratta di una bevanda dalle proprietà digestive e antinfiammatorie. L’aspetto positivo del caffè realizzato con questo cereale è che può essere assunto a qualsiasi ora del giorno, perché del tutto privo di caffeina e possono berlo anche i bambini o chi soffre di ansia o insonnia.

Insomma, potresti decidere di bere un orzo la sera per completare il pasto, senza però rovinare la qualità del tuo sonno.

Il malto d’orzo è invece un dolcificante naturale che viene spesso impiegato come alternativa allo zucchero. Per il suo aspetto è molto simile al miele, ma ha un indice glicemico più basso e rappresenta un’ottima alternativa ai dolcificanti ed edulcoranti in commercio.

Orzo: valori nutrizionali

Dal punto di vista nutrizionale, questo cereale apporta un elevato numero di elementi nutritivi benefici per la nostra salute, come ad esempio il calcio, il ferro, le vitamine e molto altro.

100 grammi di orzo decorticato apportano circa 350 calorie, oltre ad acqua, lipidi, carboidrati (70%), proteine (10%) e un basso contenuto di grassi. Interessante è anche il contenuto di sali minerali essenziali per il benessere, come ad esempio:

Tra le caratteristiche nutrizionali ricordiamo anche la presenza di vitamina B, vitamina E, A e K.

Chi non deve mangiare l’orzo?

Esistono delle controindicazioni in merito all’assunzione di questo alimento? Attualmente non sono note delle interazioni fra l’orzo e trattamenti farmacologici, per cui possiamo affermare che si tratta di un alimento sicuro per la salute.

Tuttavia, bisogna ricordare che l’orzo contiene glutine, per cui dovrebbe essere evitato da chi soffre di celiachia.

Orzo: proprietà benefiche

Orzo
Fonte: Pixabay

Abbiamo appurato che l’orzo regala numerose sostanze nutritive benefiche per la salute, grazie alle quali questo cereale può essere considerato a tutti gli effetti un alleato per il nostro organismo. Ma per la precisione a cosa fa bene l’orzo? La presenza di fibre ci fa presumere che si tratti di un cereale utile per migliorare le funzioni digestive, ma quali sono gli altri effetti benefici che meritano attenzione?

Vediamoli da vicino.

Favorisce la digestione

Come anticipato, l’elevato apporto di fibre rende questo alimento ottimo per il miglioramento delle funzioni digestive e in grado di favorire la peristalsi intestinale. A beneficiarne possono essere soprattutto coloro che soffrono di stitichezza e che non assumono abbastanza frutta e verdura durante la giornata.

Aiuta a dimagrire

Sempre grazie alla presenza di fibre, questo cereale favorisce un senso di sazietà, tenendo alla larga i morsi della fame, per cui ti aiuterà anche a mangiare meno e a tenere sotto controllo il peso corporeo. Per questo motivo, l’orzo può aiutare chi è a dieta a non sgarrare e a perdere peso in modo più efficace.

Combatte il colesterolo cattivo

L’orzo è in grado di ridurre i livelli del colesterolo LDL, e lo fa grazie alla presenza di sostanze in grado di inibire la produzione di colesterolo cattivo da parte del fegato. Grazie a un simile effetto, è possibile proteggere il cuore e ridurre il rischio di sviluppare delle malattie cardiovascolari.

Aiuta a ridurre la glicemia

La presenza di betaglucano consente di equilibrare i livelli di glicemia nel sangue, rallentando l’assorbimento dei carboidrati. Inoltre, la presenza di magnesio e di fibre aiutano ad abbassare i livelli di zuccheri migliorando la secrezione di insulina, proteggendo quindi dal rischio di sviluppare il diabete.

Stimola la produzione di latte materno

L’orzo è considerato un cereale galattogeno, ciò significa che ha la capacità di stimolare la produzione di latte materno.

Previene il cancro al colon

Secondo numerose ricerche, assumere cereali integrali è collegato a una riduzione del rischio di cancro, in particolar modo di cancro al colon. Inoltre, questo particolare alimento contiene sostanze antiossidanti, acidi fenolici e saponine, in grado di proteggere dal rischio di sviluppare tumori.

Quanto orzo mangiare al giorno?

Fonte: Pixabay

In sostituzione di riso e pasta, questo benefico cereale può essere inserito nella dieta anche diverse volte a settimana. Oltre che economico, è infatti semplice da cucinare, rivelandosi di conseguenza un’ottima alternativa rispetto ai cereali raffinati. Una porzione da 80 grammi sarà l’ideale per apportare benefici alla tua salute e alla tua linea.

Idee in cucina

Potresti usare l’orzo per preparare divese ricette, come delle zuppe, oppure potresti sostituirlo alla pasta o al cous cous, nella preparazione di un’insalata nutriente e diversa dal solito. Forse ti sorprenderà sapere che l’orzo può essere impiegato anche nella preparazione di dolci (prova la torta all’orzo e non tornerai indietro), oltre che di pietanze come stufati e nella preparazione di prodotti da forno.

Insomma, questo cereale può essere davvero versatile, e sarà l’ingrediente perfetto per le preparazioni più disparate e sfiziose, sempre all’insegna del gusto e del benessere.

Seguici anche sui canali social

Altri articoli su Cereali