Greenstyle Benessere Rimedi naturali Moringa: proprietà e controindicazioni del rimedio naturale

Moringa: proprietà e controindicazioni del rimedio naturale

Moringa: proprietà e controindicazioni del rimedio naturale

Fonte immagine: Pixabay

La moringa è una pianta medicinale che, negli ultimi anni, sta conquistando sempre più il cuore degli amanti dei rimedi naturali. La pianta appartiene al genere delle moringacee, nota anche con i nomi di albero del rafano, pianta dei miracoli o rafano indiano.

Questo prezioso dono della natura cresce nelle zone dell’India settentrionale, in Africa e in Asia, e in generale si trova su tutta l’area tropicale.

È da tempo impiegato nel mondo della medicina ayurvedica, come rimedio naturale contro i malanni più disparati e come coadiuvante per il buon funzionamento del nostro organismo.

Prima di scoprire quali sono i benefici della moringa e come assumerla, vediamo quali sono le caratteristiche di questa portentosa pianta.

Curiosità sulla pianta

Fonte: Pixabay

La Moringa è un alberello di modeste dimensioni. Può raggiungere l’altezza di 7 metri e non ha un aspetto particolarmente vistoso. La pianta può crescere velocemente in molte varietà di terreni, ciò vuol dire che ben si adatta anche alle condizioni più sfavorevoli.

Dopo la stagione delle piogge, l’albero di Moringa si ricopre di fiori bianchi e profumati. Proprio questi fiori, così come le foglie, che crescono circa ogni 6-8 settimane, i frutti e i semi della pianta sono non solo commestibili come verdura, ma anche fonte di numerose sostanze benefiche.

Fra le varietà più note, vi è senz’altro la Moringa Oleifera, che puoi trovare in commercio in Italia sotto forma di polvere, capsule o tisane. Questa varietà è considerata un prezioso dono di Madre Terra. La pianta dei miracoli è infatti fonte di sostanze antiossidanti (pare sia la pianta con più antiossidanti e una delle più nutrienti ad oggi nota sul pianeta), apporta minerali, proteine e altri composti benefici per il corpo.

Moringa: la pianta anti spreco

Uno degli aspetti più curiosi di questa pianta sta nel fatto che di essa nulla va sprecato. Nei Paesi in cui la Moringa cresce in modo spontaneo, tutte le sue parti vengono utilizzate.

Foglie, fiori e baccelli vengono consumati come verdura, in quanto possiedono un elevatissimo potere nutritivo.

Le foglie hanno un gusto delicato che ricorda quello degli spinaci (ma spesso viene paragonato anche al gusto del matcha), e vengono spesso aggiunte alle preparazioni per completarne il profilo nutrizionale.

La polvere di moringa viene proposta anche come rimedio contro la malnutrizione nei Paesi a basso reddito.

La polvere che si ottiene dalle foglie di Moringa viene inoltre impiegata come ingrediente per la creazione di integratori naturali o per preparare frullati e smoothie green e utili per migliorare la salute. I baccelli della pianta vengono consumati sia freschi che cotti, mentre l’olio estratto dai suoi semi (detto olio di Ben o olio di Behen) è altamente idratante.

Non diventa mai rancido ed è considerato un efficace rimedio antiossidante e riequilibrante per la cura della pelle.

Gli “scarti” rimanenti dalla lavorazione di tutte le parti della moringa vengono utilizzati come fertilizzante o per purificare le acque. Infine, la stessa pianta è fondamentale per ridurre l’erosione del terreno.

Proprietà nutrizionali

Moringa
Fonte: Pixabay

Abbiamo già accennato ad alcune caratteristiche della cosiddetta pianta dei miracoli. Sappiamo che le foglie e altre parti della pianta sono considerate fonte di proteine (ne contengono più di quelle che si trovano in latte e uova) e di sostanze antiossidanti.

Ma esattamente quali sono i valori nutrizionali della moringa? La pianta è considerata una delle più nutrienti al mondo. Essa infatti apporta:

La pianta possiede proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antiossidanti, contiene 7 volte più vitamina C di un’arancia e 15 volte più potassio di una banana.

Moringa: benefici

Dopo aver visto quali sono le proprietà nutritive di questa pianta, scopriamo i benefici e le controindicazioni della moringa e partiamo proprio dai possibili benefici che può offrire alla salute. Considerata un vero e proprio tesoro di Madre Natura, la moringa esercita, come abbiamo appena visto, delle proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche.

La pianta ha effetti protettivi contro i batteri , è in grado di abbassare i livelli di zuccheri nel sangue e si rivela quindi un buon alleato contro il diabete.

Si ritiene che la pianta abbia anche effetti antitumorali e che aiuti a combattere le infezioni causate da virus oltre a infezioni fungine della pelle come il piede d’atleta.

Tirando le somme, ecco quali sono alcuni dei più rinomati impieghi di questo regalo di Madre Terra.

  1. Migliora le funzioni dell’intestino: la moringa ha effetti benefici per la digestione e aiuta a proteggere lo stomaco.
  2. Migliora le difese del sistema immunitario
  3. Allevia il dolore e la rigidità causati dall’artrite reumatoide
  4. Aiuta a regolarizzare i livelli della pressione sanguigna
  5. Ha effetti antidiabetici, poiché regolarizza il livello di zuccheri nel sangue
  6. Ha effetti antianemici, poiché migliora l’assorbimento del ferro
  7. Esercita effetti anticancro, aiutando a rallentare la crescita delle cellule tumorali e a ottimizzare l’efficacia della chemioterapia
  8. Coccola la tua pelle grazie agli effetti idratanti dell’olio estratto dalla moringa
  9. Aiuta a perdere peso: alcune persone assumono la moringa per il dimagrimento. Grazie al contenuto di fibre, questo rimedio favorisce infatti un senso di sazietà, aumenta il metabolismo e migliora la digestione, aiutando quindi a perdere i chili di troppo.

Proprio per quest’ultimo motivo, la moringa è spesso impiegata sotto forma di integratore alimentare da assumere dopo i pasti, per favorire la digestione e la perdita di peso.

Come si assume la moringa?

Fonte: Pixabay

Sappiamo già che di questa pianta non si butta via niente. Le foglie, come abbiamo anticipato, possono essere consumate fresche o essiccate, sotto forma di polvere da aggiungere alle preparazioni o da assumere in formato di capsule o compresse.

Puoi assumere questo rimedio anche sotto forma di tisana. La bevanda, secondo alcuni, ricorda molto il tè matcha. Ma come prendere la moringa per dimagrire o per migliorare la salute?

Puoi assumere da 1 a 3 capsule ogni giorno prima o dopo i pasti (segui le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto). Il dosaggio della polvere di moringa è invece di circa 5 grammi al giorno, 1-2 cucchiaini, da consumare con abbondante acqua o da aggiungere al frullato o ai succhi di frutta, alle zuppe o allo yogurt.

Puoi aggiungere la polvere di moringa alle tue insalate, alle uova, verdure, pasta e risotti, o puoi mescolarla a gelati o prodotti da forno.

E per quanto riguarda l’infuso, quando bere la tisana di moringa? Dal momento che non contiene caffeina, puoi berlo in ogni momento della giornata, anche di sera.

Dove si compra?

Purtroppo non è praticamente possibile riuscire a trovare le foglie fresche di Moringa in Italia e, più in generale, in Occidente. Tuttavia, potrai trovare più facilmente integratori di moringa in erboristeria o nei negozi on line. Nella scelta del prodotto, opta sempre per integratori 100% vegetali di origine biologica e certificata.

Moringa: controindicazioni

Fonte: Pixabay

Quali sono le controindicazioni della moringa? Sebbene sia generalmente considerata sicura per la salute, rimedi a base di moringa dovrebbero essere evitati da coloro che presentano ipersensibilità verso i principi attivi della pianta.

È meglio evitare di consumarne le radici poiché, se assunte in grandi quantità, possono avere effetti lassativi e causare nausea e mal di stomaco.

Poiché alle radici della pianta sono attribuiti effetti abortivi, è bene evitarne il consumo in gravidanza.

Chiedi consiglio al tuo medico prima di assumere integratori di moringa, specialmente se stai assumendo già dei farmaci o altri integratori naturali.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare