Greenstyle Alimentazione Alimenti The matcha: a cosa serve e come si prepara

The matcha: a cosa serve e come si prepara

The matcha: a cosa serve e come si prepara

Fonte immagine: Pixabay

Il the matcha è una varietà di tè verde in polvere, che viene ancora oggi adoperata nelle cerimonie nipponiche tradizionali. Ma dal lontano Oriente la sua fama è giunta fino a noi occidentali. Sì, visto che questo alimento è ricco di proprietà benefiche per la salute, che dovremmo assolutamente conoscere e sfruttare.

Ci sono differenze sostanziali con i tè tradizionali, sebbene l’origine sia la stessa, ossia la pianta di Camellia sinensis, ma la lavorazione è diversa. Il tè matcha infatti prevede che, all’incirca due settimane prima del raccolto, le piante vengano coperte da un ombreggiante, che le tiene quasi completamente al buio, per fare in modo che aumenti la produzione di clorofilla.

In un secondo momento, dopo che avviene la raccolta, le foglie vengono cotte al vapore, depurate da eventuali steli e impurità, poi macinate e rese polvere finissima. È questa polvere, dal colore verde brillante, che viene impiegata in Giappone per il rito del Cha no yu. In Occidente è invece usata per la preparazione di una bevanda dal sapore rotondo e ricca di antiossidanti.

Ma a cosa serve il tè matcha e perché integrarlo nella nostra quotidianità, facendolo diventare una bevanda della salute?

The Matcha proprietà

The matcha benefici
Fonte: Pixabay

Il fatto che il tè matcha si consumi in polvere, fa sì che si beva l’intera foglia e non si lasci solo in infusione come i normali tè sfusi. In questo modo le catechine all’interno del tè verde, come i suoi polifenoli, arrivano in quantità maggiore nel nostro organismo. Di seguito tutti i benefici riconosciuti a questa bevanda.

Un antinfiammatorio naturale

Come detto, gli antiossidanti presenti nel tè verde matcha, quali L-teanina, clorofilla, flavanoli e polifenoli, rendono questa bevanda un toccasana per la salute. Il matcha è per questo considerato un ottimo antinfiammatorio naturale, con pochissimi effetti collaterali.

Un booster per il sistema immunitario

La vitamina C presente nel tè verde matcha, in parte conservata da temperatura inferiore a quella dei tè e dalla modalità di preparazione, è un toccasana per il sistema immunitario. L’uso regolare di questa bevanda può essere una buona difesa contro i malanni di stagione.

Migliora la funzione cognitiva

La L-teanina, un aminoacido contenuto nel tè matcha, ha effetti positivi sulle funzioni cerebrali e la salute cognitiva, può migliorare la memoria e anche l’attenzione, persino in età avanzata.

Un aiuto per il sistema cardiovascolare

Le catechine del tè matcha sembrano essere un valido alleato nella lotta contro le malattie cardiovascolari, abbassando sia la pressione sanguigna, sia il colesterolo cattivo LDL. Ci sono ricerche scientifiche che indicherebbero anche una correlazione tra consumo regolare della bevanda e riduzione del rischio di ictus.

Pelle sana e giovane

Il tè matcha è legato anche, grazie al contenuto di antiossidanti e vitamina C, ad una pelle giovane e più luminosa. La vitamina C è infatti uno stimolo alla produzione di collagene da parte del corpo. Ma oltre ad essere adoperata per via interna, la polvere è anche un ottimo ingrediente per maschere antiage e rassodanti.

Un aiuto per la dieta

Ed eccoci giunti ad una domanda che molti si pongono: “Come usare il the matcha per dimagrire?” Ci sono due scuole di pensiero opposte sui benefici del tè matcha nella dieta, la prima che ne esalta le proprietà bruciagrassi e la seconda che associa alla caffeina un blando effetto termogenico.

Di certo consumare tè verde al posto di bevande gassate o alcolici può aiutare a ridurre il peso. In più, la caffeina presente nella bevanda, può favorire il senso di sazietà a tavola e aiutare quindi a mangiare di meno.

Un alleato contro il cancro

In modo analogo agli effetti dimagranti del tè matcha, ci sono ricerche non del tutto approfondite sugli effetti che questa bevanda avrebbe su alcuni tipi di carcinoma. Da alcuni studi fatti sui ratti, sembrerebbe che l’estratto di questo tè verde sia in grado di prevenire il cancro alle ovaie e quello al seno. Ma la scienza ancora non ha tutte le risposte alle domande sull’effettivo effetto antitumorale del rimedio.

Per la salute del cavo orale

Il the matcha, come ogni tè verde, è fonte di epigallocatechina gallato, una catechina dal noto potere antinfiammatorio che agisce su denti e gengive. Ma aiuta persino a ridurre i batteri e la placca dentale.

The matcha controindicazioni

A fronte di molti benefici per la salute, il tè verde matcha conta anche qualche controindicazione, per via del suo elevato contenuto di caffeina. Ne ha meno del tè nero e del caffè, ma questa sostanza eccitante è comunque presente. Il che significa che un consumo eccessivo può favorire tachicardia, irritabilità e insonnia.

Le donne incinte dovrebbero evitarne il consumo, ma anche i soggetti che sono in terapia farmacologica per il cuore dovrebbero prestare attenzione. Se il medico concorda, via libera ad una tazza di tè al mattino.

Un consumo smodato può causare mal di testa e disturbi gastrointestinali.

The matcha preparazione

The matcha preparato
Fonte: Pixabay

E dopo aver saggiato le qualità benefiche del the verde matcha, vediamo anche come si prepara, usando gli strumenti giusti. Se abbiamo acquistato un buon tè in polvere, dovremo anche dotarci di un chasen. Si tratta di una piccola frusta di bambù, utile per mescolare le polveri senza che si formino grumi.

Per una tazza di tè ci serviranno:

  • 2gr di polvere di tè verde matcha
  • 60ml di acqua calda a 80° C

Come prima cosa versiamo la polvere di tè nella tazza, precedentemente scaldata per conservare la fragranza e aggiungiamo un paio di cucchiai di acqua calda, iniziando a smuovere il fondo con la frusta. Il movimento dovrà essere a zig zag dall’altro verso il basso. Poi aggiungiamo il resto dell’acqua e continuiamo a mescolare.

Il tè matcha è pronto quando la polvere è completamente sciolta e si è formata una schiuma morbida in superficie.

Che gusto ha il tè matcha

A seconda delle varietà di tè matcha disponibili in commercio, il sapore può variare ed essere più o meno legnoso o più o meno morbido. In linea di massima il gusto è erbaceo, visto che si consuma l’intera foglia, con un leggero sentore acidulo finale, tipico dei tè verdi.

Quando è meglio bere il tè matcha

Il contenuto di caffeina in questa bevanda ci porta a suggerire un consumo a colazione, al massimo a pranzo o entro le 15 della giornata. Ci sono due motivi per cui lo diciamo. Il primo è che le sostanze eccitanti come tè e caffè spesso portano insonnia, motivo per cui andrebbero consumate nelle ore in cui siamo più attivi.

Ma c’è anche un secondo motivo per cui diciamo che il tè verde è preferibile non berlo durante pomeriggio e sera.

La colpa è del leggero effetto diuretico che hanno i tè, che mal si adatta con un sonno privo di ritirate in bagno.

The matcha costo

Un altro punto su cui spendere qualche minuto è il costo del the verde matcha, decisamente più elevato rispetto agli altri tè. In commercio possiamo trovare polveri di ogni tipo, con dei prezzi molto differenti. Un buon tè verde matcha non può costare meno di 10 euro per 100gr.

In realtà, molto più facilmente spenderemo quella cifra anche per una grammatura inferiore se il tè in questione è di origine biologica o è fatto apposta per le cerimonie. Il packaging influisce molto sul prezzo finale.

Ma se vogliamo essere certi di preservare le qualità organolettiche del nostro tè, preferiamo spendere qualche euro in più e acquistare un prodotto in barattolo piuttosto che in busta, meglio se certificato di grado 1. Il grado 2 o grado Premium, come anche il tè matcha culinario, sono invece più economici ma più adatti a ricette di cucina.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare