Greenstyle Cani King Charles Spaniel

King Charles Spaniel

King Charles Spaniel

Fra i cani da compagnia di piccola taglia, nati come cani da caccia, abbiamo anche il King Charles Spaniel. È una razza che spesso viene confusa con il Cavalier King Charles Spaniel e, con la quale è imparentata e con cui si assomiglia molto. Tuttavia sono due razze ben distinte, anche se bisogna precisare subito che qui da noi è molto più diffuso il Cavalier King Charles Spaniel che non il King Charles Spaniel.

Storia e origini

Il King Charles Spaniel trova la sua origine negli Spaniel di piccola taglia presenti nel Regno Unito dal XVII secolo. Questi Spaniel erano usati come cani da caccia e come cani da compagnia. Erano molto popolari soprattutto fra i nobili.

Molto probabilmente deriva anche dagli Spaniel giapponesi, dai Chin che vennero regalati dai missionari alla moglie di Carlo II. In effetti era un cane molto amato da re Carlo II e consorte, ma era noto come English Toy Spaniel.

Di base, dunque, questi piccoli Spaniel derivano dai Setter: sono stati selezionati per essere di taglia piccola, adatti sia come cani da caccia, sia come cani da compagnia da coccolare. Inoltre vennero incrociati anche con gli Spaniel asiatici, donando loro un muso un po’ più corto.

Aspetto e colore del mantello del King Charles Spaniel

King Charles Spaniel aspetto
Fonte: Canarian, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Il King Charles Spaniel è la razza n. 128 della FCI: originaria della Gran Bretagna, fa parte del Gruppo 9 – Cani da compagnia, Sezione 7 – Spaniel inglesi da compagnia (senza prova di lavoro). Attualmente viene utilizzato solamente come cane da compagnia.

È un cane di piccola taglia, compatto e raccolto, dall’aspetto molto raffinato.

Standard di razza del King Charles Spaniel

Questo è lo standard di razza Enci del King Charles Spaniel:

  • Testa: cranio bombato, stop ben definito e tartufo nero con narici larghe, corto e girato all’insù. Il muso è quadrato, voltato all’insù. La mascella ha la chiusura leggermente prognata (la lingua che sporge dalla bocca non è desiderato). Gli occhi sono larghi e scuri. Le orecchie sono inserite basse, pendenti, lunghe e fornite di frange
  • Collo: arcuato, portamento fiero
  • Corpo: dorso corto e orizzontale, torace ampio
  • Coda: fornita di frange, non deve essere portata sul dorso
  • Arti: anteriori con spalla obliqua, gomiti non deviati, avambraccio corto e dritto, metacarpi fermi e piedi compatti ricoperti di frange, dita arcuate, piedi rotondi. Posteriori muscolosi, ginocchia angolate, metatarsi diritti, piedi compatti ricoperti con frange, dita arcuate e piedi rotondi
  • Andature: vivace, elegante

Colore del mantello del King Charles Spaniel

Il pelo è lungo, dritto e serico. È concessa una lieve ondulazione, ma non devono mai esserci riccioli. Frange sono presenti su arti, orecchie e coda.

Come colori del mantello ammessi abbiamo:

  • nero focato: nero lucente con focature mogano brillanti. Indesiderata la macchia bianca sul petto
  • tricolore: colore di base bianco perlaceo con macchie nere e focature. Deve essere presente una striscia ampia bianca fra occhi e fronte
  • blenheim: colore di base bianco perlaceo con macchie rosso-castano. Al centro del cranio deve essere presente una larga e netta striscia bianca con macchia netta centrale rosso castano (la “pastiglia”)
  • ruby: monocolore rosso-castano. La macchia bianca sul petto è indesiderabile

Taglia: altezza e peso

Come dimensioni, il peso di un King Charles Spaniel varia dai 3,6 ai 6,3 kg.

Difetti

Qualsiasi deviazione dallo standard viene considerato un difetto. Fra i difetti eliminatori abbiamo:

  • cane aggressivo o troppo timido
  • qualsiasi anomalia fisica o comportamentale

Carattere del King Charles Spaniel

King Charles Spaniel cani
Fonte: Petful: www.petful.com, CC BY 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/2.0>, via Wikimedia Commons

Il King Charles Spaniel è un cane da compagnia allegro, felice e intelligente. Rispetto al Cavalier tende a essere un po’ più riservato e meno espansivo, ma rimanete sempre affettuoso e gentile. Inoltre tende ad essere più tranquillo.

È un cane diffidente con gli estranei, ma una volta conquistata la sua fiducia si dimostra molto affettuoso. Va d’accordo con i bambini in quanto è molto paziente e tollerante.

Non è un cane che abbaia molto. Non è una razza che può vivere in giardino: è ideale per la vita in appartamento a patto di fare sufficiente attività fisica (senza esagerare).

A chi è adatto?

Il King Charles sarebbe un cane adatto anche per i neofiti, non fosse che come razza è poco diffusa: rispetto al più gettonato Cavalier è una razza scelta solo dagli estimatori. Ottima per chi vive in appartamenti anche piccoli, per chi vuole un cane da coccolare tutto il giorno e che non ama fare troppa attività fisica. Perfetto sia per le famiglie con i bambini che per le persone anziane visto che tende ad essere meno vivace rispetto al Cavalier.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione del King Charles Spaniel non differisce da quella di altri cani della medesima taglia, indipendentemente che siano di razza o meticci. Sia che si scelga un’alimentazione commerciale (crocchette e/o scatolette), che un’alimentazione casalinga chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

Tieni in considerazione il fatto che molti cani di questa razza soffrono di problemi di allergie o intolleranze alimentari, con sviluppo di dermatiti allergiche, otiti croniche e disturbi intestinali. In questo caso bisognerà essere precisi con l’alimentazione, evitando qualsiasi tipo di sgarro al di fuori della sua razione.

È un cane di piccola taglia, il consiglio è di suddividere la razione giornaliera in due o tre pasti. Fai poi attenzione alle orecchie: essendo lunghe e pendenti finiscono spesso nella ciotola dove mangiano, sporcandosi regolarmente.

Come toelettatura, sin da cucciolo andrà abituato a farsi pulire occhi, denti e orecchie. Bisogna anche spazzolare regolarmente il mantello.

Malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono manifestare indipendentemente dalla razza o dalla taglia, nel King Charles Spaniel possono evidenziarsi maggiormente patologie come:

  • entropion
  • cataratta
  • distichiasi
  • distrofia della cornea
  • atrofia progressiva della retina
  • dotto arterioso pervio
  • insufficienza della valvola mitralica
  • lussazione della rotula
  • malattia di Legg-Calve-Perthes
  • palatoschisi e labbro leporino
  • idrocefalo

Dove trovare un King Charles Spaniel

Puoi trovare in vendita cuccioli di questa razza in allevamenti professionali, allevamenti amatoriali e privati che fanno le cucciolate. Fermo restando che, qui da noi, non ci sono molti allevamenti di questa razza.

Il cucciolo deve essere venduto, ceduto o regalato già provvisto di microchip. La legge italiana, infatti, vieta di vendere, regalare o cedere cani sia di razza che meticci che non abbiano il microchip. Il microchip deve essere applicato entro i 60 giorni di vita a nome del proprietario della fattrice, il quale poi provvederà a fare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di King Charles Spaniel

Il costo di un cucciolo di King Charles Spaniel parte dai 400-600 euro, ma il prezzo può aumentare anche al di sopra dei 1.000 euro per linee di sangue particolari. C’è anche da dire che qui da noi si vedono pochi esemplari, per cui potrebbero anche costare di più rispetto a un Cavalier King Charles Spaniel.

Ricordati sempre che il cucciolo di King Charles Spaniel deve essere accompagnato dal Pedigree per poter essere definito di razza. La legge italiana, infatti, indica che per vendere un cane come appartenente a tale razza, debba avere il Pedigree.

Cani sprovvisti di Pedigree possono essere venduti, ma non come cani di razza: possono essere venduti solo come cani che, fenotipicamente, assomigliano a quella razza, ma che non possono essere definiti di razza in quanto non hanno il Pedigree. Il che vuol dire che sono considerati come meticci e pertanto dovrebbero essere fatti pagare di meno.

Curiosità

Ecco alcune piccole curiosità su questa razza:

  • Prima di tutto bisogna ricordare che ci sono differenze fra King Charles Spaniel e Cavalier King Charles Spaniel. In generale, il King Charles ha una testa maggiormente a cupola, con occhi sporgenti e muso decisamente più schiacciato. Il Cavalier, invece, ha la testa più piatta, gli occhi meno sporgenti e il muso meno schiacciato. Anche come carattere sono differenti: il Cavalier è socievole ed espansivo con tutti, il King tende a essere più riservato. Se sei interessato anche al Cavalier King Charles Spaniel, qui trovi tutte le informazioni del caso
  • La durata di vita media di questi cani varia dai 10 ai 14 anni, non sono molto longevi, nonostante la piccola taglia
  • Il King Charles era un cane molto amato alla corte inglese, tanto che per parecchio tempo fu l’unica razza ammessa a corte
  • La leggenda vuole che Maria Stuart amasse molto questi cani: uno di essi pare che venne trovato nascosto fra le sue gonne dopo che la regina di Scozia venne decapitata

Perché prendere un King Charles Spaniel?

Il King Charles Spaniel è un ottimo cane da compagnia: dolce, affettuoso, si affeziona tanto alla sua famiglia, pur essendo un po’ diffidente con chi non conosce. Purtroppo non è una razza molto diffusa qui da noi, ma può dare molte soddisfazioni anche a livello di mostre ed esposizioni.

Seguici anche sui canali social