Greenstyle Benessere Rimedi naturali Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore

Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore

Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore

Fonte immagine: Pixabay

La candida è un fungo naturalmente presente nelle mucose genitali, la cui proliferazione, in assenza di un sistema immunitario ben funzionante, porta ad una infezione – la candidosi – i cui sintomi comprendono bruciore e prurito. Fortunatamente, i rimedi naturali per combatterli sono diversi ed efficaci, cosicché si può trovare sollievo dai disturbi che la micosi comporta.

Come si fa a far passare la candida? E come lavarsi nel momento in cui ne siamo affetti? Ecco gli alleati migliori per calmare i sintomi dell’infezione.

Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore
Fonte: Pixabay

Cos’è la candida

La candida albicans è un lievito che fa parte della normale flora vaginale, del tratto gastrointestinale e del cavo orale. A livelli normali aiuta il corpo nella digestione e nell’assorbimento dei nutrienti. Il problema sorge quando se ne verifica una crescita eccessiva.

Ciò produce la candidosi, un’infezione fungina causa di papule bianche, prurito, dolore e secrezioni nelle zone affette. Colpisce generalmente l’area genitale di uomini e donne, ma anche il cavo orale, dove può momentaneamente eliminare la sensazione del gusto oppure produrre piccoli sanguinamenti.

Cause

Ma cosa c’è alla base della proliferazione incontrollata della candida? Quali sono le possibili cause? Tra queste rientrano:

  • Diabete
  • Uso frequente di antibiotici
  • Squilibri ormonali
  • Uso prolungato di contraccettivi orali
  • Forte stress
  • Sistema immunitario indebolito
  • Uso frequente di corticosteroidi

Candida, come curarla

Come anticipato, esistono diversi ed efficaci i rimedi naturali per curarla. I sintomi di un’infezione da candida nelle donne includono dolore, prurito o bruciore dentro o intorno alla vagina, bruciore vaginale durante la minzione, rapporti sessuali dolorosi, eruzioni cutanee, arrossamento e la caratteristica secrezione vaginale densa e bianca che ricorda, nell’aspetto, la ricotta. Negli uomini, i sintomi includono arrossamento, irritazione e prurito sulla punta del pene.

Nonostante l’universo dei metodi tradizionali offra una vasta gamma di soluzioni per la candida, è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico curante prima di lanciarsi nell’automedicazione. Non tutte le erbe, infatti, possono essere assunte in concomitanza con gli antimicotici più diffusi. Di seguito, qualche consiglio utile.

Fonte: Pixabay

Rimedi naturali per la candida

La candida passa da sola? La sua cura inizia da una corretta alimentazione. L’infezione fungina, infatti, può avere effetti diretti sull’indebolimento della flora batterica intestinale, quindi è sempre consigliata l’assunzione di probiotici e di alimenti ricchi di fermenti lattici vivi.

Cosa bere con la candida? Lo yogurt sicuramente, ma anche tisane, caffè d’orzo, centrifugati freschi. Allo stesso modo, via libera a grandi quantità di frutta e verdura, come cereali e legumi, ma anche l’aglio, dato il suo forte potere disinfettante. Di contro, è sconsigliato assumere troppi zuccheri oppure alimenti ricchi di lieviti, perché non fanno altro che accelerare la proliferazione del fungo.

Una volta definita la dieta per l’infezione, vi è una serie di cibi e di erbe che possono aiutare per velocizzare la guarigione, così come prevenire eventuali recidive. Di seguito, un elenco dei migliori rimedi naturali per combattere la candida.

Bicarbonato

Il bicarbonato è tra gli alleati più efficaci. Dissolto in acqua forma una soluzione alcalina che crea un ambiente sfavorevole alla moltiplicazione del fungo. Aiuta a mantenere e bilanciare i livelli di pH e a mantenere la pelle asciutta contrastando la crescita di tali microrganismi.

Come curare la candida con il bicarbonato? Aggiungendo 1/4 di tazza di bicarbonato di sodio all’acqua del bagno nella vasca, lasciandolo sciogliere ed immergendosi per circa 15-20 minuti. Oppure creando una pasta con poca acqua, da applicare e lasciare agire per un paio di minuti prima di sciacquare. Il trattamento va ripetuto per 1-2 settimane.

Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore
Fonte: Unplash

Aceto

Un popolare rimedio naturale per l’infezione del lievito consiste nel fare un bagno di aceto di mele. Il liquido vanta una serie di usi medicinali, molti di questi sono confermati anche da ricerche mediche. Unendo all’acqua del bagno nella vasca un bicchiere scarso di aceto di mele, la componente acida di quest’ultimo va ad eliminare tutti i microrganismi dannosi, candida compresa.

Bere aceto di mele diluito con acqua tiepida ogni mattina aiuta invece a bilanciare il pH digestivo. Ma attenzione in caso di problemi gastrici, come reflusso.

Aglio

L’aglio è un toccasana per la candidosi, soprattutto quella del cavo orale. Dato il suo potere antifungino e antibatterico, la somministrazione costante previene anche il rischio di recidiva, sempre presente data la facilità con cui la candida viene trasmessa. In particolare, una ricerca del 2019 ha evidenziato come una soluzione a base di aglio sulle ulcere della bocca sia stata capace di inibire la crescita della stessa.

mestruazioni
Fonte: Pixabay

Yogurt

Lo yogurt naturale, non quello zuccherato o aromatizzato per intenderci, contiene dei batteri benefici, i famosi probiotici. E, come tale, rientra tra i rimedi naturali per la candida intestinale. I probiotici, è risaputo, sono ottimi alleati nel ripristinare l’equilibrio di batteri e lieviti nel corpo.

Certi tipi di probiotici, nello specifico, aiuterebbero a combattere alcuni dei lieviti che causano l’infezione vaginale del lievito. Per approfittare di tale proprietà si può mangiare lo yogurt o applicarlo sulle zone affette, tra i rimedi per la candida nella donna.

Olio di cocco

L’olio di cocco ha proprietà antimicotiche: ricerche in merito hanno dimostrato come sia in grado di combattere il lievito Candida albicans. Si può applicare internamente o esternamente per alleviare i sintomi.

Olio dell’albero del tè

Un cenno merita, ancora, l’olio dell’albero del tè. Il tea tree vanta proprietà antimicotiche. Agisce uccidendo le pareti cellulari e le membrane del lievito. Attenzione, non va applicato puro sulla pelle, ma diluito con un olio vettore.

Pompelmo

Dai semi di questo famoso agrume si ricava un potente antibiotico naturale, che può essere assunto per via interna oppure localmente in crema per ridurre l’infezione fungina.

Camomilla

Il potere lenitivo e sedativo della camomilla è di grande aiuto per combattere qualsiasi tipo di candidosi. L’ingestione è indicata sia per ridurre il senso di oppressione in gola che per disinfettare le vie urinarie, mentre per uso topico, tramite impacchi tiepidi, produce un sollievo immediato e duraturo ai fastidi più intimi affermandosi come un toccasana contro il prurito insopportabile della candida.

Malva

È nota per le sue proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e diuretiche, che la rendono utilissima come rimedio naturale per infezioni dell’apparato urinario o genitale. La candida rientra tra queste. Ciò grazie alle mucillagine di cui è ricca, che forma una barriera tra le mucose e il fungo evitandone la proliferazione.

Però attenzione, perché la pianta può avere degli effetti lassativi, meglio non esagerare, anche data la flora intestinale compromessa a causa del fungo.

Candida: rimedi naturali per prurito e bruciore
Fonte: Pixabay

Aloe vera

Tra i rimedi naturali per la candida nell’uomo c’è l’Aloe vera: il gel di aloe vera, rinfrescante e lievemente antistaminico, è perfetto per tenere sotto controllo le manifestazioni esterne della candida genitale, in particolare nel sesso maschile data l’accessibilità dell’area. Oltre a ridurre il prurito, regala un immediato sollievo con una freschezza simile a quella della menta.

Calendula

La calendula è ricca di quercetina, flavonoide utile contro prurito e dolore della pelle. La crema di calendula è particolarmente indicata per rossori e papule esterne dovute ad una candidosi.

Come lavarsi quando si ha la candida?

Si consiglia di non lavare la zona vaginale più di una volta al giorno. E di usare acqua naturale o un sapone delicato e inodore. Per detergere correttamente la zona è consigliabile creare un ambiente ostile al lievito, cosa che si ottiene sfruttando, come abbiamo visto, il bicarbonato di sodio.

Ne potete diluire un cucchiaio nell’acqua del bidet o, in alternativa, aggiungetelo all’acqua del bagno, dentro la vasca. In ogni caso asciugate l’area infetta dopo averla lavata ma, se troppo sensibile, non ricorrete ad un asciugamano, bensì all’aria.

Prevenzione della candida

Un fattore da tenere particolarmente in considerazione in caso di infezione fungina, oltre ai rimedi naturali già illustrati, è quello dell’igiene. A livello genitale, durante l’infezione, è consigliato utilizzare dell’intimo di solo cotone, possibilmente non aderente ed esclusivamente bianco.

Il colore non solo permette di verificare facilmente l’eventuale secrezione di liquidi o pus, ma garantisce il lavaggio della biancheria ad altissime temperature. Infine, è meglio evitare di intrattenere rapporti sessuali fino a completa remissione dei sintomi, perché si rischia di sottoporre se stessi, o il partner, a continue ricadute.

Seguici anche sui canali social