Greenstyle Benessere Rimedi naturali Aceto: 7 cose che devi sapere sul suo uso

Aceto: 7 cose che devi sapere sul suo uso

Aceto: 7 cose che devi sapere sul suo uso

L’aceto è un liquido derivante dalla fermentazione di vino bianco o rosso. Ne esistono varie tipologie che, in genere, vengono utilizzate come condimenti in cucina. Grazie alla proprietà, l’aceto può essere utilizzato in realtà anche in molti altri ambiti, dalla cosmetica alle pulizie di casa.

Sono noti, infatti, gli usi dell’aceto come rimedio naturale, utile ad esempio contro il mal di gola, i disturbi intestinali, ma anche nelle pulizie di casa.

A cosa fa bene l’aceto?

L’aceto ha notevoli proprietà antinfiammatorie ed è in grado di combattere, ad esempio, il mal di gola. Inoltre, è un diuretico naturale ed aiuta ad eliminare gli accumuli di grassi nel corpo.

L’aceto è molto utilizzato anche in ambito estetico: aiuta a chiudere i pori dilatati e levigare l’epidermide.

L’aceto contiene componenti bio-attivi che lo rendono un potente antiossidante naturale, capace dunque di combattere l’invecchiamento cellulare (e le malattie derivanti).

Ha, infine, un’importante proprietà battericida, utile a combattere i disturbi gastro intestinali.

A cosa fa male l’aceto?

L’aceto fa male ai diabetici, poiché può influenzare la quantità di glucosio e insulina presenti nel sangue. Dal momento che sembra essere in grado di abbassare la pressione, l’aceto è sconsigliato anche a chi assume farmaci antipertensivi.

Che effetto fa l’aceto sulla pelle?

L’aceto aiuta a prevenire l’invecchiamento della cute e a mantenere, di conseguenza, la pelle in salute, più tonica e giovane.

L’aceto infatti favorisce la regolazione del Ph della pelle, la rimozione delle cellule morte, lo stimolo della circolazione e la rigenerazione dei tessuti.

Perché l’aceto fa bene alle gambe?

L’aceto può essere utilizzato anche come anticellulite sulle gambe: basta inumidire un batuffolo di cotone, passarlo sulla zona da trattare (precedentemente inumidita), lasciare agire per circa mezz’ora e, infine, risciacquare.

Questa procedura non solo aiuterà a migliorare l’effetto a buccia d’arancia, ma renderà anche le gambe meno gonfie.

Che cosa si può pulire con l’aceto?

L’aceto può essere utilizzato per:

  • sgrassare il forno
  • eliminare cattivi odori (di cibo, di bruciato etc)
  • pulire ottone e rame, con l’aiuto del sale grosso
  • pulire le tubature e gli scarichi dei lavandini, con il bicarbonato
  • scrostare caffettiere e teiere
  • pulire il frigo
  • scrostare il piano di cottura
  • eliminare la muffa dalle pareti
  • disinfettare i sanitari nei bagni.

Qui, un approfondimento su dove non utilizzare mai l’aceto.

Quale aceto per dimagrire?

L’aceto migliore per dimagrire è quello di mele: si tratta di un alimento di sapore ottimo e ricco di benefici per il corpo.

L’aceto di mele potrebbe aiutare nella perdita di peso: stimola il metabolismo, aiuta a bruciare i grassi in eccesso, favorisce il drenaggio delle cellule e, di conseguenza, agisce contro cellulite e ritenzione.

Infine, agevola la digestione. Gli effetti dimagranti dell’aceto di mele si manifestano se viene incluso nella dieta in modo ordinato e costante.

Che succede se si beve l’aceto?

Se si vuole bere l’aceto di mele per dimagrire, è bene diluirlo in acqua e assumerlo 1/2 volte al giorno: è infatti talmente acido che potrebbe comportare danni ai denti, bruciori all’esofago e problemi di natura digestiva.

Seguici anche sui canali social