Greenstyle Benessere Salute Pediluvio: 5 ricette del benessere da fare in casa

Pediluvio: 5 ricette del benessere da fare in casa

Il pediluvio è un trattamento rinfrescante e rigenerante noto sin dai tempi antichi. Ma di ricette per farlo in casa ce ne sono tante, scegli la migliore.

Pediluvio: 5 ricette del benessere da fare in casa

Fonte immagine: Pixabay

Dopo una giornata di corsa tra lavoro e commissioni da sbrigare, un pediluvio è forse il più bel regalo che potresti concederti prima di andare a letto. Beh, forse non il più bello in assoluto, ma di certo uno dei più rilassanti.

Il pediluvio è uno dei trattamenti più diffusi e famosi al mondo, forse anche perché si tratta di uno dei più economici ma anche dei più rigeneranti. Questo trattamento di bellezza per i piedi non consiste solo nel mettere le estremità ammollo in acqua calda.

C’è molto di più in fondo alla vaschetta del tuo pediluvio. Per dirla in maniera più “scientifica”, si parla infatti di un trattamento di idroterapia che prevede l’immersione di piedi e caviglie in un contenitore contenente acqua (che può essere tiepida o fresca, a seconda delle tue esigenze personali) e che può alleviare molteplici fastidi, come infiammazioni, dolori, secchezza cutanea, stanchezza e stress.

Ciò che aggiungi all’acqua fa la differenza. A seconda delle tue necessità, infatti, puoi addizionare diverse sostanze per rendere più efficace il pediluvio.

Prima di cominciare, ti ricordiamo che non tutti i disturbi che colpiscono i piedi possono essere trattati con un pediluvio e a livello domestico. Se soffri di condizioni mediche come funghi o ferite, ti consigliamo quindi di chiedere un parere al tuo medico prima di immergere i piedi nella bacinella.

Detto questo, vediamo a cosa serve, come fare un pediluvio rilassante, con effetto antinfiammatorio e diamo uno sguardo agli ingredienti  da utilizzare, molti dei quali si trovano già nella cucina.

Quali sono i benefici del pediluvio?

Proprio come la pelle del viso o quella delle gambe, anche la pelle dei piedi ha bisogno di essere coccolata di tanto in tanto. Eppure, fin troppo spesso finiamo per dimenticarci di loro, dei nostri preziosissimi piedi.

Che siano gonfi dopo un’intensa giornata di lavoro o che tu abbia la pelle secca e screpolata, immergere le estremità in acqua può garantire un piccolo beneficio, favorendo sia il rilassamento fisico che quello mentale.

Fra i rimedi più gettonati, rientra senza dubbio il classico pediluvio con bicarbonato, considerato uno dei trattamenti più economici ma anche efficaci per attenuare alcuni dei più fastidiosi disturbi dei piedi.

Cosa mettere nell’acqua per fare un pediluvio?

Fonte: Pixabay

Per preparare un bel pediluvio, puoi utilizzare ingredienti benefici per la pelle  come il già citato bicarbonato, oli essenziali, ma anche il sale Epsom e l’aceto. Vediamo allora come fare un pediluvio in casa che sia rilassante e davvero efficace.

Pediluvio con bicarbonato

Se hai dei calli, un pediluvio con bicarbonato può diventare il tuo più fidato amico. Il bicarbonato è considerato anche uno dei migliori ingredienti per rinfrescare i piedi, ammorbidire la pelle in caso di secchezza cutanea e rendere più semplice il lavoro della pietra pomice, per eliminare i cattivi odori.

Il bicarbonato, infatti, esercita un’azione fortemente assorbente ed ha anche un effetto leggermente disinfettante e antisettico, per cui sarà la soluzione ideale e più economica per inibire la formazione di cattivi odori.

In più, questo rimedio naturale possiede delle proprietà antimicotiche, che lo rendono fondamentale per prevenire la formazione di funghi soprattutto sulle unghie e nei piedi.

Oli essenziali per piedi felici

Nell’acqua del nostro pediluvio potremmo versare poche gocce di oli essenziali, come ad esempio il Tea Tree Oil, noto per la sua azione antibatterica.

In alternativa o in aggiunta potresti versare anche qualche goccia di olio essenziale di menta piperita per ottenere un effetto rinfrescante, di rosmarino per migliorare e riattivare la circolazione sanguigna)o un olio essenziale di wintergreen, estratto dalla pianta Gaultheria, anche nota come tè del Canada, per ottenere un effetto antinfiammatorio e alleviare dolori ai piedi, tendiniti e fastidi vari.

Sale di Epsom contro le infiammazioni

Il sale di Epsom è un composto naturale, magnesio solfato eptaidrato, capace di offrire numerosi benefici alla salute, inclusa quella dei piedi. Un pediluvio con sale di Epsom è utile per:

  • Ammorbidire la pelle
  • Inibire la crescita dei batteri
  • Trattare il piede d’atleta (tinea pedis)
  • Rimuovere le schegge
  • Attenuare il dolore causato da distorsioni e lividi e il dolore muscolare
  • Ridurre l’infiammazione: si rivela infatti un ottimo ingrediente per un pediluvio antinfiammatorio.

Aceto contro i cattivi odori

L’aceto non fa magie solo sull’insalata. Questo ingrediente, infatti, possiede proprietà antibatteriche naturali, per cui è in grado di ridurre la proliferazione dei batteri responsabili dei cattivi odori, in pratica, la classica “puzza di piedi“.

Olio di oliva per una coccola idratante

Infine, se ti stai domandando come fare un pediluvio antinfiammatorio, devi sapere che anche l’olio extravergine di oliva, con le sue proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e anti-invecchiamento, può risultare molto utile.

Aggiungine qualche goccia nell’acqua tiepida, per idratare i piedi e coccolarli con delicatezza.

Come fare il pediluvio ottimale?

Pediluvio
Fonte: Pixabay

Ora che sappiamo cosa mettere nell’acqua per fare un pediluvio, è giunto il momento di riempire la vaschetta e regalarci il meritato relax.

Proprio come se stessi meditando, ti consigliamo di scegliere un momento della giornata in cui nessuno può disturbarti.

  • Riempi il contenitore con acqua tiepida sufficiente per coprire piedi e caviglie.
  • Versa un cucchiaio da cucina di bicarbonato o di sale di Epsom o qualsiasi altro ingrediente tu abbia scelto
  • Mescola in modo da far sciogliere il tutto
  • Immergi i piedi e rilassati.

Il tempo del pediluvio dovrebbe andare dai 20 ai 30 minuti. Se non hai modo di ritagliarti mezz’ora durante la giornata, andranno bene anche 10-15 minuti di “immersione”.

Una volta terminato il tempo di ammollo, sarà importante asciugare per bene i piedi, meglio se dopo un risciacquo con dell’acqua fredda, facendo attenzione soprattutto allo spazio fra le dita. È proprio in questa zona, infatti, che si sviluppano più batteri a causa dell’umidità.

Il consiglio in più

Una volta asciugati per bene i piedi, potrai completare il trattamento massaggiandoli con del gel di aloe vera. E a proposito di massaggio, anche durante il pediluvio potresti regalarti un momento di relax, massaggiando gambe e caviglie gonfie durante il trattamento, procedendo dal basso verso l’alto.

Precauzioni

Prima di lasciarti al tuo pediluvio, un’ultima raccomandazione. Se soffri di infezioni ai piedi, batteriche o fungine, parla con il medico prima di mettere i piedi ammollo, soprattutto se intendi aggiungere qualche cucchiaio di bicarbonato, sale o oli essenziali.

Lo stesso consiglio vale se hai ferite o piaghe aperte, arrossamenti, irritazioni o dermatiti, o se da diversi giorni soffri di dolore ai piedi che non passa.

Le informazioni riportate su GreenStyle sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social