Greenstyle Sostenibilità Consumi Come evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura con alcune semplici regole

Come evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura con alcune semplici regole

Per evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura in cucina bisogna pianificare i pasti, scegliere gli alimenti senza basarsi solo sull'estetica e riutilizzare gli scarti in cucina e in giardino. Ecco 10 strategie da adottare per ridurre gli sprechi di cibo.

Come evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura con alcune semplici regole

Fonte immagine: iStock

Adottare comportamenti sostenibili per evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura è essenziale per smettere di gettare montagne di cibi nella spazzatura. A tutti può capitare di dimenticare una lattuga nell’angolo più nascosto del frigo, e di riscoprirne l’esistenza solo quando le foglie sono ormai completamente marce. Lo so bene, è successo a tutti quanti almeno una volta nella vita.

Lo spreco di cibo è però un problema che va ben oltre l’intimità della nostra cucina. Al giorno d’oggi, uno dei più grandi problemi che il mondo si trova ad affrontare è proprio quello del “food waste”, lo spreco alimentare che avviene in ogni tratto della filiera, dalla coltivazione nei campi al raccolto, fino al supermercato e poi fin dentro le nostre case.

Tutti i protagonisti di questo enorme settore fanno la loro parte per sperperare tonnellate di alimenti spesso perfettamente commestibili.

Di fronte a una situazione del genere, non possiamo che domandarci cosa possiamo fare per ridurre lo spreco alimentare. Ad esempio, come evitare lo spreco di frutta e verdura?

Dagli sconti sui prodotti prossimi alla scadenza all’utilizzo di banane e mele non bellissime per preparare torte e pancake, vediamo quali soluzioni possiamo attuare per contrastare lo spreco alimentare.

Perché si spreca il cibo?

frutta verdura
Fonte: Pixabay

Secondo il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, circa un terzo di tutto il cibo prodotto finisce nella spazzatura. Il problema però non sta solo nel fatto che mele, arance e melanzane ottime vengono gettate nell’immondizia (il che è già un grandissimo peccato). Lo spreco alimentare si ripercuote sul pianeta in molti modi, aumentando l’emissione di gas serra, riducendo le risorse idriche e impoverendo il suolo.

Ma quali sono i motivi dello spreco alimentare? Nelle nostre cucine, di solito sprechiamo alimenti stra-pagati semplicemente per distrazione o scarsa organizzazione. In altre parole, dimentichiamo di avere in casa quel determinato alimento, e ce ne accorgiamo quando è già ora di buttarlo nella spazzatura.

Al supermercato, invece, lo spreco di cibo avviene per altri motivi. Spesso i consumatori, e cioè noi clienti, acquistano solo prodotti dall’aspetto impeccabile, lasciando sul bancone frutta e verdure ottimi da mangiare, ma meno belli esteticamente.

Spesso sono gli stessi agricoltori a lasciare nei campi frutta e verdure meno belle, perché sanno già che non verrebbero acquistate dai consumatori. Ed ecco che tonnellate di cibo finiscono nella spazzatura.

Ma cosa possiamo fare per non sprecare il cibo?

Come evitare lo spreco alimentare di frutta e verdura?

compost
Fonte: Pixabay

Come abbiamo constatato, lo spreco di cibo avviene a tutti i livelli della filiera alimentare, e dunque è su tutti i livelli che bisogna agire.

Per quanto riguarda noi consumatori, possiamo già adottare delle soluzioni anti-spreco che salveranno cipolle, mele, banane e altri alimenti.

Vediamo quali sono i comportamenti più sostenibili a tavola e al supermercato:

  1. Scegliere frutta e verdura basandosi non sugli standard estetici, ma sulla reale qualità del prodotto. Insomma, “non giudicare la mela dal suo aspetto”.
  2. Prendere coscienza dell’impatto dello spreco di cibo sull’ambiente, sulla salute e anche sulle tue finanze.
  3. Conserva gli alimenti in maniera corretta, in modo che si mantengano sempre freschi fino al momento del consumo.
  4. Utilizza prima frutta e verdure prossime alla scadenza o quelle che tendono a rovinarsi più precocemente.
  5. Quando possibile, congela la frutta e la verdura che non riuscirai a consumare in tempi brevi. Così facendo, si manterranno fresche per diversi mesi.
  6. Prova a essiccare e disidratare frutta e verdure: con questo trucchi, potrai realizzare ingredienti sfiziosi per le tue ricette, e salverai tantissimi alimenti.
  7. Pianificare i pasti settimanali, in modo da non far deperire nessun alimento.
  8. Riutilizza bucce e scarti commestibili: puoi utilizzare le bucce dei tuoi frutti preferiti per insaporire zuppe, macedonie, sughi e altre ricette. Oppure, potresti utilizzarle per preparare in casa i tuoi detersivi, come quello con bucce di agrumi.
  9. Dona gli alimenti che non intendi consumare: se ancora in buone condizioni, regala i cibi che non consumerai ad amici, parenti o a vicini che ne faranno un buon uso.
  10. Usa anche gli scarti: tutto ciò che non consumerai né regalerai, finirà per ovvie ragioni nell’immondizia. Anche in questo caso, però, potresti ridurre gli sprechi, semplicemente versando frutta e verdure ormai non più commestibili nella compostiera. In questo modo, potrai realizzare il compost, un fertilizzante naturale per il tuo giardino!

Seguendo questi consigli potrai salvare tantissimi alimenti, dare una mano a chi ne ha più bisogno e migliorare la salute del nostro Pianeta.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Fosfati nei detersivi: a cosa servono e perché inquinano
Consumi

I fosfati che si trovano in alcuni detersivi sono dei componenti a base di fosforo impiegati in molti ambiti, inclusa la produzione di saponi. Il loro compito è quello di migliorare l’azione pulente dei prodotti e ridurre la formazione di calcare, ma purtroppo questi composti possono causare molti danni all’ambiente.