Greenstyle Cani Bolognese cane

Bolognese cane

Bolognese cane

Fra le razze di cani da compagnia di piccola taglia, adatti anche ai neofiti, a coloro che hanno poca esperienza con i cani e alle famiglie con bambini, consigliamo anche il cane Bolognese. Fa parte della famiglia dei “bichon”, il che spiega perché spesso per chi non è molto pratico è difficile distinguerlo da un Bichon Frisè. O anche da un Maltese.

Storia e origini

Come al solito, non si sa esattamente quali siano la storia e le origini del cane Bolognese. Di sicuro se ne trovano esemplari nell’Antica Roma, visto che sono stati raffigurati in vasi dell’epoca. Venne sempre considerato un cane nobile e prezioso ed ebbe notevole fortuna nell’XI secolo.

Molto diffuso fra i nobili e le diverse corti europee, come quelle di Caterina di Russia, della marchesa di Pompadour, la famiglia Gonzaga, Cosimo II de Medici e Umberto di Savoia, attualmente non è una razza molto diffusa. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, essendo considerato un simbolo della monarchia, il suo allevamento venne quasi abbandonato. All’estero è poco conosciuto, in quanto viene allevato soprattutto in Italia essendo una razza autoctona qui da noi.

Aspetto e colore del mantello del cane Bolognese

bolognese
Fonte: ValeG94Wiki, Public domain, via Wikimedia Commons

Il Bologonese è la razza n. 196 della FCI, facente parte del Gruppo 9 – Cani da compagnia, Sezione 1 – Bichons e affini (senza prova di lavoro). Si tratta di una razza italiana, utilizzata come cane da compagnia.

Come aspetto, il Bolognese è un cane di piccola taglia, compatto, ricoperto da un folto e lungo pelo bianco immacolato che deve stare sollevato dal corpo.

Standard di razza del Bolognese

Questo è lo standard di razza Enci del Bolognese:

  • Testa: mesocefala, con cranio leggermente ovoidale e appiattito superiormente. La lunghezza del cranio è lievemente superiore a quella del muso. Lo stop è abbastanza accentuato, il tartufo del Bolognese è nero e voluminoso, la canna nasale è rettilinea, mentre le mascelle devono avere una chiusura a forbice (la chiusura a tenaglia è tollerata). Gli occhi sono un più grandi della media, il bulbo oculare non deve essere sporgente e il colore dell’iride è ocra scuro. Le orecchie sono inserite alte, sono lunghe e pendenti, con base rigida
  • Collo: senza giogaia
  • Corpo: costruzione quadrata, dorso diritto, lombi corti e forti, groppa larga e leggermente inclinata, torace ampio con coste ben cerchiate e linea inferiore che risale verso il ventre
  • Coda: inserita alta e portata ricurva sul dorso
  • Arti: anteriori paralleli, braccio saldato al tronco, avambraccio verticale, metacarpi verticali e flessi, piede ovale con unghie dure e nere. Arti posteriori verticali e paralleli, coscia obliqua, ginocchio non troppo angolato, gamba più lunga della coscia e piedi come quelli anteriori, solo meno ovali
  • Andatura: sciolta, vigorosa e con testa portata nobilmente

Colore del mantello del cane Bolognese

Ha il pelo lungo su tutto il corpo, solo leggermente più corto sul muso, deve formare lunghi boccoli e deve essere sollevato sul corpo. Non devono mai esserci frange.

L’unico colore di mantello ammesso è il bianco puro. Tuttavia lievi sfumature avorio non portano alla squalifica

Taglia: altezza e peso

Come dimensioni, l’altezza al garrese deve essere di:

  • maschi: 27-30 cm
  • femmine: 25-28 cm

Il peso di un cane Bolognese è di 2,5-4 kg. è una razza che non diventa molto grande.

Difetti

Qualsiasi alterazione dallo standard di razza viene considerata un difetto. Fra i difetti gravi abbiamo:

  • convergenza o divergenza eccessiva degli assi cranio-facciali
  • canna nasale montonina
  • prognatismo
  • dimensioni più piccole dello standard

Sono considerati difetti da squalifica:

  • cani aggressivi o troppo timidi
  • qualsiasi evidente anomalia fisica o comportamentale
  • tartufo depigmentato
  • tartufo di colore diverso dal nero
  • prognatismo o denti visibili
  • palpebre depigmentate
  • iride gazzuolo
  • assenza della coda
  • anurismo o bachiurismo sia naturale che artificiale
  • qualsiasi colore diverso dal bianco
  • presenza di macchie o moschettature

Carattere del Bolognese

Come carattere, il Bolognese è un cane tranquillo e molto leale al suo umano. Ha bisogno dello stretto contatto con le persone e tende a prendere un membro della famiglia come punto di riferimento. Non è un cane che va lasciato troppe ore al giorno da solo. È intelligente e vivace, anche se non in maniera eccessiva come altre razze.

Impara rapidamente, quindi non è difficile educarlo. Tuttavia, se non gestito correttamente, può prendere anche facilmente vizi e cattive abitudini. Non è una razza che abbaia molto, a meno di non aver compiuto madornali errori gestionali e aver provocato sindromi da iperattaccamento o da ansia da separazione.

È un cane che ama compiacere il suo umano, ma anche molto furbetto: se vi vede ansiosi o titubanti, non esita a prendere il controllo della situazione. È una razza perfetta per la vita in appartamento, mentre non va lasciata in giardino, anche perché patisce molto il freddo nonostante il mantello.

A chi è adatto?

Il Bolognese è un cane molto adattabile: è ideale per i neofiti, per le famiglie con i bambini (a patto di farlo socializzare bene da cucciolo), può convivere con gli altri cani ed è perfetto anche per le persone anziane.

È il cane per la vita da appartamento e da divano per eccellenza, ma anche lui ha bisogno di fare passeggiate quotidiane. Lo sconsigliamo, invece, a chi trascorre molte ore fuori casa.

In questo caso meglio scegliere una razza più indipendente.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione del Bolognese non differisce da quella di altri cani di piccola taglia. Sia che tu scelga un’alimentazione commerciale (crocchette e/o scatolette), sia che tu scelga un’alimentazione casalinga, chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

È consigliabile suddividere la razione giornaliera in 2-3 pasti, con presenza della colazione per evitare iperacidità mattutina da eccessivo digiuno notturno. Come tutti i piccola taglia, poi, anche il Bolognese può essere parecchio delicato di stomaco e intestino, questo vuol dire evitare vizi e cibi non idonei all’alimentazione canina.

Come manutenzione, bisognerà spazzolare e mantenere pulito il pelo quotidianamente, rimuovendo tutto ciò che potrebbe rimanere impigliato. Andranno anche pulite regolarmente le orecchie (come tutti i cani di piccola a taglia pelo lungo tendono a produrre più cerume), gli occhi (attenzione alla lacrimazione eccessiva) e i denti (come tutti i piccola taglia producono più tartaro).

Come razza il Bolognese non puzza. Se senti un cattivo odore provenire dal tuo Bolognese, potresti avere problemi di tartaro in bocca, di otite o di infiammazione dei sacchi paranali.

Malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono sviluppare indipendentemente dalla razza e dalla taglia, nel Bolognese vediamo spesso:

  • dermatiti e otiti anche di natura allergica
  • patologie cardiache
  • cataratta
  • cheratocongiuntivite secca
  • coloboma
  • lussazione della rotula
  • necrosi della testa del femore

Dove trovare un cane Bolognese

Puoi trovare un cucciolo di Bolognese in vendita presso allevamenti professionali, allevamenti amatoriali e privati che fanno cucciolate.

Ricordati sempre che il cane, sia esso di razza o meticcio, non può essere venduto, ceduto o regalato senza microchip. Il proprietario della fattrice intesterà a se stesso i microchip dei cuccioli e provvederà poi a effettuare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di Bolognese

bolognese cucciolo

Il costo di un cucciolo di Bolognese non è proprio economico: varia dai 700-800 ai 1.00-1.200 euro. Tuttavia a seconda delle linee di sangue e della genealogia il prezzo potrebbe anche essere più alto.

Ricordati sempre che l’unico modo per essere sicuro che quel cane sia un Bolognese e non un simpatico e buffo incrocio a pelo lungo bianco che, per qualche scherzo del destino, assomiglia molto a un Bolognese, è che ti venga venduto col Pedigree. C’è anche poi un’altra considerazione da fare, la legge italiana vieta di vendere cani di razza sprovvisti di Pedigree.

O meglio: puoi vendere un cane senza Pedigree, ma non puoi venderlo dicendo che sia di razza. Al massimo Bolognesi senza Pedigree possono essere venduti come cani che fenotipicamente assomigliano al Bolognese, ma che non possono essere definiti Bolognese in quanto sprovvisti di Pedigree. E questo vuol anche dire che dovrebbero essere venduti a molto meno.

Curiosità

Qui trovi alcune piccole curiosità sul Bolognese:

  • Il Bolognese non è un Barboncino, non è un Maltese, non un Bichon Frisè, non è un Havanese e neanche un Coton de Tulear. Sono tutte razze differenti, anche se ammetto che da cuccioli non è sempre semplicissimo discriminare fra queste razze piccole e bianche. In particolare spesso il Bolognese viene confuso col Maltese. Tuttavia il pelo del Maltese deve essere più liscio, mentre quello del Bolognese è più riccio (anche se non quanto un Barboncino). A differenza del Bichon Frisè, invece, il pelo si solleva dal corpo formando in punta delle “fiammelle”
  • La durata di vita media di un Bolognese è di 12-14 anni, non molto longevo per un cane di piccola taglia
  • Non esiste il Bolognese nano o toy: lo standard parla di un’unica dimensione. Anzi: pesi al di sotto del minimo dello standard sono considerati un difetto e pertanto un supposto Bolognese toy sarebbe un cane con difetti gravi in sede di esposizione e quindi penalizzato

Perché prendere un cane Bolognese?

Il cane Bolognese è un perfetto cane da compagnia: è piccolo, dolce e molto giocherellone con la sua famiglia. In pratica come cane da compagnia ha tanti pregi e pochi difetti. Fra questi ultimi c’è il fatto che se trova un umano poco di polso, ne approfitta, diventando eccessivamente viziato e sviluppando poco simpatici problemi comportamentali.

Seguici anche sui canali social