Greenstyle Ambiente Animali Animali in via d’estinzione: il significato di specie a rischio

Animali in via d’estinzione: il significato di specie a rischio

Quando si parla di animali in via d'estinzione, cosa significa con specie a rischio? Beh, il significato cambia a seconda della nomenclatura utilizzata. Ci sono infatti dei precisi parametri per cui una specie è considerata estinta, estinta in natura, in pericolo critico, in pericolo o vulnerabile

Animali in via d’estinzione: il significato di specie a rischio

Quando si parla di specie animali a rischio estinzione o in via d’estinzione, cosa si intende? In linea generale, si indica quando una specie animale (o vegetale, ma in questo caso nell’articolo ci concentreremo sul regno Animale, anche se per quanto riguarda le cause sono le medesime per i due regni), a causa del bassissimo numero di individui della sua popolazione e a causa di mutamenti del suo habitat naturale, rischia di estinguersi, ovvero di scomparire dalla faccia della Terra. Tuttavia esiste una nomenclatura ben specifica, con un significato chiaro, che indica il grado di vulnerabilità delle varie specie.

Animali in via d’estinzione: le cause

Come ci spiega il WWF a proposito degli animali in via d’estinzione, la principale causa per cui animali (e vegetali) stanno scomparendo, con perdita della biodiversità, è l’uomo. Anche perché i motivi per cui scompaiono sono:

  • perdita e distruzione dell’habitat (vedi la deforestazione, l’urbanizzazione…)
  • bracconaggio e commercio illegale
  • inquinamento
  • cambiamenti climatici

Il comun denominatore di tutti questi eventi causali è sempre l’uomo. Non solo il WWF, ma anche l’IUCN (l’International Union for Conservation of Nature) continua a metterci in guardia con la sua Lista Rossa: gli animali in via d’estinzione o estinti stanno aumentando semrpe di più. Anzi: la velocità con cui le specie si estinguono è 100 volte superiore a quella di un tempo.

Animali a rischio estinzione: il significato

Giornata mondiale dell'orso bianco

Sono gli esperti dell’IUCN a stabilire la classificazione delle specie in pericolo. In particolare, per quanto riguarda le specie minacciate, delle otto categorie create, sono cinque quelle che ci interessano:

Estinto (EX): specie estinta quanto non si può più dubitare del fatto che l’ultimo esemplare sia morto (sottocategoria Probabile estinto o PE: è quando da tempo non si avvistano soggetti di quella specie nel suo habitat originario)
Estinto in natura (EW): una specie può essere estinta in natura, ma sopravvivere con esemplari allevati in cattività o in popolazioni al di fuori dell’habitat di origine
In pericolo critico (CR): una specie si definisce in pericolo critico se soddisfa uno di questi criteri:

  • riduzione dell’80% della specie
  • distribuzione ridotta di più dell’85% o con massimo 2-5 nuclei dentro l’habitat originario, ma tutti a potenziale rischio estinzione
  • popolazione inferiore a 250 individui adulti, ma molto fluttuante o in rapida diminuzione
  • popolazione inferiore a 100 individui adulti
  • probabilità di estinzione del 50% nelle prossime tre generazioni

In pericolo (EN): una specie si definisce in pericolo se soddisfa uno di questi criteri:

  • riduzione del 55-79% della specie
  • distribuzione ridotta del 50-84% o con massimo 6-10 gruppi, ma tutti a rischio estinzione
  • popolazione inferiore a 2500 individui, ma molto fluttuante o in rapida diminuzione
  • popolazione inferiore a 1000 individui maturi
  • probabilità di estinzione del 20% nelle prossime cinque generazioni

Vulnerabile (VU): una specie si definisce vulnerabile quando è soddisfatto uno dei seguenti criteri:

  • riduzione del 25-54% della specie
  • distribuzione ridotta di più del 40%
  • popolazione inferiore agli 11.000 individui, ma molto fluttuante o in rapida diminuzione
  • popolazione inferiore a 2.500 individui maturi
  • probabilità di estinzione del 10% nei prossimi 100 anni

Di seguito vi mettiamo qualche esempio di animali a rischio estinzione, classificati in base ai criteri visti sopra. Ovviamente tale elenco può cambiare a seconda di quanto il numero di individui di quella specie cresca o diminuisca nel corso del tempo.

Specie animali a rischio estinzione in pericolo (o già estinte)

rinoceronte nero

Mammiferi

  • Rinoceronte nero
  • Rinoceronte di Sumatra
  • Rinoceronte di Giava
  • Orso bruno marsicano
  • Asino selvatico africano

Rettili

  • Tartaruga embricata
  • Coccodrillo delle Filippine
  • Iguana di Navassa
  • Alligatore cinese
  • Lucertola delle Eolie

Uccelli

  • Picchio imperiale
  • Grifone del bengala
  • Condor della California
  • Aquila delle Filippine
  • Albatro marezzato

Anfibi

  • Axolotl
  • Rospo dorato
  • Rana muscosa
  • Geotritone del Supramonte
  • Salamandra di amji

Pesci

  • Storione
  • Storione beluga
  • Scleropages formosus
  • Chasmistes liorus
  • Speoplatyrhynus pulsoni

Specie in pericolo

Mammiferi

Rettili

  • Tartaruga verde
  • Tartaruga olivacea
  • Tomistoma
  • Tartaruga a dorso piatto

Uccelli

  • Pinguino delle Galapagos
  • Cormorano delle Galapagos
  • Aquila delle steppe
  • Parrocchetto notturno
  • Sula di Abbott

Anfibi

  • Salamandra della California
  • Geotritone italico
  • Bufo Californicus
  • Proteo
  • Rospo di Houston

Pesci

  • Storione del Baikal
  • Squalo balena
  • Scaphirhynchus albus

Specie vulnerabili

Leopardo delle nevi cucciolo

Mammiferi

Rettili

  • Caretta caretta
  • Tartaruga gigante delle Galapagos
  • Coccodrillo americano
  • Tartaruga liuto
  • Coccodrillo palustre

Uccelli

  • Kiwi bruno
  • Tuffetto del Madagascar
  • Cormorano del Capo
  • Aquila imperiale
  • Fagiano di Reeves

Anfibi

  • Rana muscosa
  • Salamandra lanzai

Pesci

  • Squalo bianco
  • Squalo toro
  • Scaphirhynchus platorhynchus
  • Moapa coriacea

Fonti:

  1. WWF
  2. National Geographic

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Olimpiadi invernali 2026, mascotte due ermellini: per salvare una specie potenzialmente a rischio
Animali

Due ermellini, Milo e Tina, sono le due mascotte ufficiali dei Giochi olimpici invernali di Milano Cortina 2026. Si tratta di due animali di cui si parla troppo poco, anche perché esistono pochi studi che li descrivono o che possano in qualche modo dare una stima della popolazione di questi carnivori sulle Alpi italiane. Animali potenzialmente a rischio di estinzione per i cambiamenti climatici, visto che vivono nei luoghi innevati e la neve è sempre meno.