Greenstyle Ambiente Animali Rinoceronte: caratteristiche e habitat

Rinoceronte: caratteristiche e habitat

Rinoceronte: caratteristiche e habitat

Con il termine di rinoceronte si indicano le cinque specie ancora esistenti di questi mammiferi facenti parte della famiglia degli ungulati, ordine perissodattili. Numerose le specie estinte, ad oggi ne sopravvivono solamente cinque: due africane e tre asiatiche. Animale noto per la sua mole, per la sua irascibilità e per il fatto di non vederci benissimo, è caratterizzato dalla presenza di corni di cheratina sul muso.

Classificazione scientifica dei rinoceronti

Questa è la classificazione scientifica dei rinoceronti:

  • Dominio: Eukaryota
  • Regno: Animalia
  • Phylum: Chordata
  • Classe: Mammalia
  • Ordine: Perissodactyla
  • Superfamiglia: Rhinocerotoidea
  • Famiglia: Rhinocerotidae

I generi ancora esistenti sono:

  • Ceratotherium
  • Dicerorhinus
  • Diceros
  • Rhinoceros

Caratteristiche generali dei rinoceronti

Le cinque specie di rinoceronti hanno delle differenze fra di loro, ma tutti presentano delle caratteristiche comuni. Il corpo è robusto e massiccio, con zampe colonnari e una testa grossa dotata di 1-2 corna robuste, formate di cheratina. Hanno una vista debolissima e sono erbivori.

Le due specie africane sono il rinoceronte nero e il rinoceronte bianco. Il primo ha una struttura più snella, le orecchie tondeggianti, il labbro a uncino ed ha un colore più scuro, anche se non è proprio nero. Inoltre è più piccolo, arrivando a pensare 2 tonnellate.

Il secondo è più grosso, arriva a 2.2-3.6 tonnellate, ha il labbro quadrato ed ha un colore più chiaro. I tre rinoceronti asiatici sono quello indiano, quello di Giava e quello di Sumatra.

Rinoceronte di Giava

Aspetto, colore e peso

Il rinoceronte di Giava o Rhinoceros sondaicus, noto anche come rinoceronte della Sonda, fa parte dei rinoceronti asiatici. La pelle è ricoperta da spesse pieghe che sembrano quasi formare una sorta di armatura, come succede con il rinoceronte indiano.

Il colore è grigio o grigio-bruno. Lungo 2.2-3.1 metri e alto 1.4-1.7 metri, pesa meno di quello indiano: pesa 900-2.300 kg. Ha un solo corno che è lungo meno di 25 cm. Inoltre solo i maschi adulti hanno il corno, le femmine non li hanno.

Il corno viene usato per abbattere alberi e smuovere il fango nelle pozze. Il labbro superiore è lungo e appuntito. Ha incisivi lunghi e affilati che usa anche per combattere. Olfatto e udito sono molto sviluppati, la vista è pessima. La sua durata di vita media in natura è di 30-45 anni.

Dove vive il rinoceronte di Giava?

In natura rimangono meno di 100 rinoceronti di Giava, sono a forte rischio estinzione. In pratica li si trova solamente più nel parco nazionale di Ujung Kulon.

Comportamento, riproduzione e alimentazione

Il rinoceronte di Giava è un animale solitario. Lo vediamo in gruppo solamente durante il periodo della riproduzione o quando le madri hanno i piccoli. Ama sguazzare nel fango per ridurre la temperatura corporea e prevenire malattie e parassitosi.

Tuttavia in questo è pigro: non scava da solo le pozze, ma usa quelle che trova in giro.

Il maschio marca il territorio con urina e pile di feci. Anche il fatto che gratti il terreno e pieghi gli alberelli è un metodo di comunicazione. Non vocalizza molto e non ha predatori, tranne l’uomo. Molto schivo, tende ad allontanarsi nella foresta se percepisce la presenza di umani.

Ma se ci si avvicina troppo, diventa aggressivo e attacca, usando gli incisivi.

Il rinoceronte di Giava è erbivoro. Mangia germogli, foglie, ramoscelli e frutta caduta. Tende ad abbattere gli alberelli per raggiungere il cibo preferito che afferra con il labbro superiore prensile.

È un brucatore puro, ma è possibile che in passato pascolasse anche. Mangia circa 50 kg di cibo al giorno. Integra la sua dieta con sale bevendo l’acqua salata.

Rinoceronte indiano

rinoceronte indiano

Aspetto, colore e peso

Il rinoceronte indiano o Rhinoceros unicornis è il secondo rinoceronte più grande, superato solo da quello bianco. Pesa 2.200-2.600 kg (i maschi, le femmine arrivano a 1.600 kg). Alto 173-204 centimetri, è lungo 396 cm. Ha un unico corno presente sia nei maschi che nelle femmine, ma assente nei cuccioli. Il corno è lungo 25 cm ed è curvo all’indietro, verso il naso. È di colore scuro, nero.

La pelle è di color bruno-argento e forma delle grandi pieghe su tutto il corpo, simili a una corazza. Soprattutto i maschi hanno pieghe molto spesse sul collo. Su arti anteriori e dorso sono presenti escrescenze simili a verruche. Ha pochi peli, tranne che a livello di ciglia, orecchie e coda.

La durata di vita media in cattività è di 40 anni.

Dove vive il rinoceronte indiano?

Il rinoceronte indiano attualmente vive solamente nell’India nord-orientale e in Nepal.

Comportamento, riproduzione e alimentazione

I rinoceronti indiani vivono nelle praterie e nelle foreste, anche se spesso sono costretti ad arrivare nei campi coltivati. Sono solitari e territoriali, tranne le femmine con i cuccioli. A volte, però, i giovani maschi e le femmine formano gruppi numerosi.

Molto attivi di notte e di primo mattino, passano le giornate guazzando nel fango, nei fiumi e laghi. Sono abili nuotatori e vocalizzano parecchio, grugniti, gemiti, muggiti, belati, ruggiti e sbuffi. Comunicano anche tramite la marcatura urinaria, le ghiandole secretorie sotto i piedi e le feci. Non usa il corno per combattere, bensì gli incisivi.

Non ha nemici naturali tranne le tigri e l’uomo. Si accoppia in cattività a partire dai 4 anni, mentre in natura bisogna aspettare i 6 anni. La durata della gravidanza è di 15.7 mesi. I rinoceronti indiani sono pascolatori. Mangiano soprattutto erba, integrando anche con foglie, ramoscelli, frutta e pianta acquatiche. Si alimenta la mattina e la sera, usando il labbro prensile per afferrare il cibo.

Rinoceronte di Sumatra

Aspetto, colore e peso

Il rinoceronte di Sumatra o Dicerorhinus sumatrensis è alto 120-145 cm, lungo 250 cm e pesa 500-800 kg. In pratica è il rinoceronte più piccolo di tutti. Ha due corni, l’anteriore più lungo, arriva a 15-25 cm, di colore scuro, con corni più lunghi nei maschi e il corpo è coperto da una peluria marrone-rossastra.

Dietro le zampe anteriori e davanti a quelle posteriori ha due pieghe molto spesse. Una piega più piccola circonda il collo.

Il pelo tende a essere più fitto nei giovani ed è di color marrone-rossiccio. Intorno alle orecchie ha due ciuffi di peli più lunghi, così come sulla punta della coda. La vista è pessima, ma nonostante questo ha una velocità e un’agilità insospettabili.

La durata di vita media in natura è di 30-45 anni.

Dove vive il rinoceronte di Sumatra?

Vive nelle foreste pluviali sia in pianura che in montagna. Al momento lo si trova solamente a Sumatra, nel Borneo e in Malaysia.

Comportamento, riproduzione e alimentazione

Animale solitario tranne che durante il periodo riproduttivo e la cura dei cuccioli, è anche molto territoriale. Anche lui comunica grattando il suolo con le zampe, usando pile di feci, urine e piegando gli alberelli. Anche lui ama sguazzare nel fango.

Non ha predatori tranne l’uomo e le tigri, ma queste ultime al massimo predano i cuccioli.

È la specie che vocalizza di più, con tre suoni ben distinti:

  • eeps: guaito di breve durata
  • whale: simile al canto della megattera
  • whistle-blows: fischio di 2 secondi seguito da un rumoroso scoppio d’aria

Si alimenta soprattutto al tramonto e durante le prime ore del mattino. È un brucatore e mangia giovani alberelli, foglie, ramoscelli, germogli e frutta. Mangia fino a 50 kg di cibo al giorno. Anche lui ha bisogno di integrare la propria dieta col sale.

La maturità sessuale arriva intorno ai 6-7 anni per le femmine, 10 anni i maschi. La durata della gravidanza è di 15-16 mesi. Nasce un cucciolo per volta che alla nascita pesa 40-60 kg e passa 2-3 anni con la madre.

Rinoceronte bianco

rinoceronte bianco

Aspetto, colore e peso

Il rinoceronte bianco o Ceratotherium simum o rinoceronte camuso è una delle due specie africane, nonché la più grande specie fra i rinoceronti. Il suo nome deriva da una parola sbagliata: “white” è derivato dalla parola afrikaans “wyd” che vuol dire largo, non bianco.

Ma per assonanza con l’inglese, quel wyd è diventato white e da lì rinoceronte bianco, anche se non è affatto bianco.

Il colore è grigio, molto simile a quello del rinoceronte nero. Lungo 320-370 cm, è alto 190-200 cm e pesa 2.900 kg, ma ci sono maschi che sono arrivati a 4mila kg. Dopo l’elefante e l’ippopotamo, è il mammifero terrestre più grande. Il corno anteriore è lungo anche 170 cm e le labbra sono quadrate.

Dove vive il rinoceronte bianco?

Ne esistono due sottospecie: il rinoceronte bianco meridionale e quello settentrionale. Quest’ultima sottospecie è praticamente estinta visto che al mondo ci sono solo due esemplari femmine ancora in vita visto che Sudan, il maschio, è morto nel 2018. Vive nelle grandi savane dell’Africa.

Comportamento, riproduzione e alimentazione

Rispetto ai rinoceronti neri è più tranquillo. Maggiormente gregario, forma spesso branco di anche oltre 10 soggetti. Non ha predatori naturali tranne l’uomo.

La durata della gravidanza è di 16-17 mesi e dà alla luce un solo piccolo per volta, raramente due. La durata di vita media è di 50-60 anni. È un erbivoro.

Rinoceronte nero

rinoceronte nero

Aspetto, colore e peso

Il rinoceronte nero o Diceros bicornis non è veramente nero, ma è di colore grigio-brunastro, talvolta biancastro. La pelle è ruvida e spessa. Alto 140-180 cm e lungo 3.3-3.6 metri, pesa 800-1.400 kg, con maschi arrivati anche a 1.800 kg.

Ha due corni di cheratina con corno frontale lungo anche 132 cm. Ha orecchie molto mobili e una coda con ciuffo in punta. Il labbro è a forma appuntita.

Dove vive il rinoceronte nero?

Attualmente è possibile trovare rinoceronti neri solamente lungo la parte occidentale e orientale dell’Africa meridionale.

Comportamento, riproduzione e alimentazione

Animale solitario, vive insieme ad altri membri della sua specie solamente durante la stagione riproduttiva e quando ci sono le madri con i cuccioli. Non sono troppo territoriali. Durante la giornata riposano o si rotolano nel fango.

Come animale è abbastanza aggressivo: se è confuso o a ha paura, nel dubbio attacca. Visto che ci vede malissimo, attacca usando l’olfatto. Come l’ippopotamo, è considerato uno degli animali più pericolosi dell’Africa.

Comunica tramite le urine e le feci sotto forma di cumuli, sfregando testa o corno sugli alberi e vocalizzando. La durata media della gravidanza è di 15-16 mesi e nasce un cucciolo di rinoceronte per volta, del peso di 35-50 kg. Lo svezzamento avviene a 2,5 anni e la madre rimane col piccolo per 2-3 anni. La maturità sessuale arriva a 5-7 anni per le femmine e 7-8 anni per i maschi. La durata di vita media in natura è di 35-50 anni.

Il rinoceronte nero è un erbivoro brucatore, si nutre di foglie, ramoscelli, cespugli, frutta e germogli. Può sopravvivere senza acqua fino a 5 giorni. Si nutre la mattina e la sera.

Curiosità sui rinoceronti

Ecco alcune piccole curiosità sui rinoceronti:

  • Il rinoceronte lanoso o Coelodonta antiquitatis è una specie estinta vissuta nel Pliocene superiore-Pelistocene superiore
  • In inglese rinoceronte si dice rhinoceros
  • Il corno del rinoceronte non è formato da tessuto osseo, ma da cheratina
  • Il verso del rinoceronte non ha un nome vero e proprio. Si sa però che emette una serie di vocalizzi
  • Esiste un Pokémon rinoceronte: è Rhyhorn, Pokémon di tipo Terra/Roccia di prima generazione che si evolve in Rhydon (mix di rinoceronte/dinosauro che cammina su due zampe) e poi in Rhyperior (come il precedente, ma più corazzato)

Rinoceronte, un animale a rischio estinzione

Il rinoceronte è un animale a rischio estinzione. Nel 1970 erano 160mila, adesso sono circa 10mila, quasi tutti rinoceronti bianchi. I neri sono quasi estinti. La causa è sempre la stessa: la caccia da parte dell’uomo soprattutto per via delle loro corna, ma anche la perdita dell’habitat per l’antropomorfizzazione dell’ambiente.

E meglio non va ai rinoceronti asiatici: di quelli indiani ce ne sono circa 2mila, quelli di Sumatra vanno dai 300 ai 350 e quelli di Giava sono solo una cinquantina.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare