Il riso integrale è migliore del riso bianco in una dieta perché facilita il dimagrimento e soprattutto è più sano: sono infatti numerose le proprietà curative che ha, che lo rendono una delle migliori scelte in assoluto per un’alimentazione corretta.

Innanzitutto il riso integrale è ricco di selenio, che riduce il rischio di sviluppare malattie purtroppo comuni come il cancro, quelle legate al cuore e artrite; una tazza fornisce l’80 per cento del nostro fabbisogno quotidiano di manganese, che aiuta a sintetizzare i grassi del corpo e migliora anche sistema nervoso e riproduttivo; è considerato un grano intero, dato che non è raffinato, tipo di alimento che aiuta a contrastare malattie cardiache e colesterolo alto.

Le sue proprietà non finiscono qui: è ricco di antiossidanti e di fibre, che non solo migliorano l’intestino ma possono aiutare anche a prevenire il cancro al colon; aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue, quindi è una scelta ottima per chi soffre di diabete. Il riso integrale è perfetto per i bambini poiché ha proprietà nutritive ottime e quindi aiuta la loro crescita.

Il riso integrale è poi d’aiuto nei trattamenti contro la candida, poiché è a basso contenuto glicemico e di zuccheri, elementi proibiti nella cura contro questa infezione. Essendo un cereale integrale, mangiarlo almeno sei volte alla settimana è particolarmente vantaggioso per le donne in post-menopausa con colesterolo alto, pressione alta o eventuali segni di malattie cardiovascolari. Aiuta a prevenire i calcoli biliari poiché è ricco di fibre insolubili, e facilita il dimagrimento grazie al suo alto potere saziante.

Per via di tutte le proprietà che ha, il riso integrale è uno degli alimenti più importanti al mondo e non c’è da stupirsi se in Oriente, che pare aver trovato il segreto della longevità, è così apprezzato da non mancare mai sulla tavola. Per gustarlo al meglio e con tutte le sue proprietà nutritive, ci sono alcuni suggerimenti per la preparazione e per la cottura. Prima il riso integrale andrebbe sciacquato accuratamente sotto l’acqua corrente, e poi aggiunto nell’acqua (o nel brodo) bollente; una volta che il tutto bollirà nuovamente, abbassare il fuoco, coprire e cuocere per circa 45 minuti.

9 giugno 2014
Fonte:
Via:
I vostri commenti
Chin chi la, giovedì 8 ottobre 2015 alle12:18 ha scritto: rispondi »

Anni fa lo mangiavo spessissimo, lo facevo tipo insalata di farro (farro freddo). Il riso integrale ha veramente sostanze molto nutritive, per quanto ne mangiassi tanto... non sono mai ingrassata, ansi!!.... mi sentivo fisicamente forte leggera e in gran forma, non che ho anche potuto constatare quanto fosse persino ricchissimo di fibre, e questo mi ha sgonfiato la pancia da paura e agevolato anche per lo sport che facevo. Adesso ho deciso di ricominciare... solo per il benessere fisico, ma anche per la linea, e per avere un intestino bello vispo. Io mi trovai benissimo con il riso integrale. Se mi devo lamentare di qualcosa di questo preziosissimo alimento, è che smisi perché ci mettere tanto a cuocere.... e con il lavoro che all'epoca facevo non potevo più farmelo.

Luca, venerdì 25 settembre 2015 alle23:29 ha scritto: rispondi »

Meglio la Quinoa, che è alcalinizzante

Ibanez, mercoledì 25 marzo 2015 alle16:13 ha scritto: rispondi »

Il riso integrale è buonissimo e ha tante proprietà benefiche rispetto alle insane farine e cereali raffinati, unico difetto: è acidificante!

Lascia un commento