L’olio di ricino nasce dalla spremitura a freddo dei semi dalla pianta Ricinus communis, originaria della zona tropicale, ma molto comune in India che ne è il maggiore produttore. Il risultato finale è un olio molto denso, viscoso, dal colore giallo paglierino e il cui gusto è molto forte e non gradevole. Lubrificante è anche un lassativo naturale molto potente, ma contiene la ricina che è una sostanza tossica quindi l’assunzione è consigliata in piccole dosi. Il suo impiego abbraccia sia la medicina, che la cosmesi, ma anche il classico rimedio naturale della nonna a cui ricorrere in caso di bisogno.

La sua composizione chimica comprende un mix di trigliceridi, acidi grassi composti al 90% da acido ricinoleico. La sua viscosità non viene intaccata dagli agenti atmosferici, quindi l’olio di ricino conserva inalterata la sua purezza anche sotto zero. Questa caratteristica lo rende indispensabile nell’industria meccanica, dove viene spesso impiegato come lubrificante. Ma è come rimedio naturale che trova la sua massima applicazione, non solo come lassativo ma come trattamento contro malattie e disturbi.

L’olio di ricino e la salute

Antimicotico naturale l’olio di ricino è ideale contro virus, batteri, muffe, ottimo quindi per contrastare problematiche come la tigna, la cheratosi, le infiammazioni cutanee e da lieviti, infine l’acne. L’impiego su unghie colpite da batteri garantisce un ottimo risultato finale, fortificandole e irrobustendole. Come anticipato possiede proprietà lassative, quindi è indicato per chi soffre di costipazione. Bene assumerlo in piccole dosi (un cucchiaio) a stomaco vuoto, a causa del gusto poco gradevole è utile mescolarlo con del succo di frutta o di zenzero. Viste le sue proprietà è importante non eccedere nell’assunzione, senza superare i tre giorni di dosaggio.

Alcuni studi hanno messo in relazione l’olio di ricino con l’artrite su cui avrebbe dei benefici positivi. Un massaggio sulla zona infiammata potrà garantire un esito benefico. Il metodo più indicato è l’impacco, dopo aver ripiegato un pezzo di flanella non sbiancato in 4 o 5 strati lo si immerge nell’olio. Lo si posiziona sulla parte dolorante, che si ricopre con più strati di pellicola trasparente per alimenti. Sulla parte è possibile posizionare una borsa dell’acqua calda (o una bottiglia di acqua calda) e lasciare tutto in posa per 45 minuti. Il batuffolo si può riutilizzare, conservandolo in frigorifero dentro un sacchetto trasparente.

Gli impacchi notturni sono una valida soluzione anche per le irritazioni e i pruriti. Avvolgere la parte con del cotone imbevuto d’olio di ricino e lasciarlo in posa per tutta la notte, proteggendo il tutto con della pellicola per alimenti, ciò garantirà miglioramenti importanti.

Bellezza e olio di ricino

Grazie ai suoi principi naturali l’olio di ricino è considerato un anti-age naturale, valido contro i radicali liberi della pelle e dei capelli. Infatti è un buon emolliente, idrata e ammorbidisce la cute penetrando e favorendo la produzione di collagene ed elastina. La pelle appare subito più liscia, morbida, elastica e ringiovanita. L’utilizzo è minimo e parsimonioso, basta picchiettare un batuffolo imbevuto in poco olio di ricino sia sul contorno occhi che sul resto del viso, e massaggiare delicatamente con le dita pulite.

Possiede un buon ascendente sulla cheratina, parte integrante di capelli, unghie e ciglia, per questo la sua applicazione è un vero toccasana. Grazie allo schermo protettivo che riesce a creare può nutrire la parte interessata, riequilibrando il quantitativo di grasso necessario. Meglio mescolarlo sempre con olio di mandorle o di lino, quindi distribuirlo come impacco sui capelli secchi, sfibrati, rovinati e opachi. L’azione notturna, protetta con della pellicola per alimenti, risulterà ottimale per il benessere della capigliatura prevenendo anche la caduta. Uno shampoo veloce al risveglio completerà il procedimento benefico.

9 dicembre 2013
Immagini:
I vostri commenti
lilia, martedì 1 settembre 2015 alle9:07 ha scritto: rispondi »

Interessante ed esauriente. Grazie

graziella , venerdì 20 febbraio 2015 alle18:55 ha scritto: rispondi »

fantastico. grazzzisssime .! :=))

mary, giovedì 23 ottobre 2014 alle14:50 ha scritto: rispondi »

Provato su me stessa,tutto vero.Complimenti per l'articolo!:)

amely, sabato 27 settembre 2014 alle23:52 ha scritto: rispondi »

Molto interessanti le informazioni sull'utilizzo del'olio di ricino, soprattutto xl'uso cutaneo e la cura di unghie e capelli.- Grazie !

Brunella, mercoledì 11 dicembre 2013 alle20:08 ha scritto: rispondi »

Ottimo a sapersi. Grazie. :-)

Lascia un commento