Greenstyle Alimentazione Ricette Zenzero candito: benefici e ricetta senza zucchero

Zenzero candito: benefici e ricetta senza zucchero

Lo zenzero candito è un dolcetto sfizioso e dal gusto dolce e pungente. Puoi farlo in casa con soli tre ingredienti, cioè dello zenzero fresco e biologico, acqua e zucchero. O anche un dolcificante a tua scelta, come l'eritritolo, per una versione più light.

Zenzero candito: benefici e ricetta senza zucchero

Fonte immagine: Pixabay

Lo zenzero candito è un dessert dal sapore dolce e piccante, un dolcetto sfizioso e gustoso da assaporare di tanto in tanto, da preparare a casa con le proprie mani. Se ti è mai capitato di assaggiare lo zenzero dolce del supermercato, probabilmente avrai apprezzato il sapore zuccherino e leggermente speziato di questa piccola pepita dorata.

Se deciderai di fare lo zenzero candito in casa, però, posso assicurarti che il suo sapore, pungente ma dolce al punto giusto, ti conquisterà ancor di più.

Tra l’altro, grazie a questo sfizioso snack potresti realizzare dei regali di natale con le tue mani, risparmiando molto denaro e facendo un regalo davvero gradito. Se vuoi saperne di più su questo dolcetto, seguici per scoprire come preparare lo zenzero candito in casa, con e senza zucchero.

Prima di metterci ai fornelli, però, che ne dici di scoprire quali sono i benefici e le controindicazioni dello zenzero candito?

I benefici dello zenzero, la spezia dalle tante virtù

Fonte: Pixabay

Prima di tutto, vediamo a cosa fa bene lo zenzero. Questa spezia, che risponde al nome latino di Zingiber officinale, è acclamata da secoli in tutto il mondo per i suoi tanti effetti benefici. Le donne in gravidanza, ad esempio, possono trovare un fidato amico nella radice di zenzero, utile per ridurre le nausee gravidiche e, in generale, la nausea dovuta a diverse cause.

Anche chi mira a perdere peso può masticare qualche pezzetto di zenzero fresco, o aggiungerlo alle proprie preparazioni, per dare una svegliata al metabolismo e ridurre la sensazione perenne di fame. In più, questa spezia è considerata anche un rimedio naturale contro il raffreddore, il mal di gola, la tosse e altri sintomi simil-influenzali.

La radice aiuta anche ad alleviare il fastidioso problema dell’alito cattivo. E sai già cosa fa lo zenzero alla pressione? Questa spezia può aiutare a ridurre la pressione del sangue, migliorare la circolazione e abbassare i livelli del colesterolo LDL. Lo zenzero è quindi considerato un vero alleato per la salute del cuore.

D’altra parte, lo sappiamo, per molte persone lo zenzero non è esattamente una “bontà”. Il sapore vagamente piccante e intenso di questa spezia può non piacere a tutti. Ma la versione candita rappresenta forse un’alternativa altrettanto salutare? Questo dessert ha delle proprietà benefiche che potremmo sfruttare a nostro vantaggio?

Quali sono le proprietà dello zenzero candito?

Quando si parla di zenzero candito, i benefici sono chiaramente minori rispetto a quelli del classico zenzero fresco. Possiamo affermare che consumare zenzero candito per dimagrire non è esattamente la mossa più conveniente, sebbene non sia completamente da bandire un pezzetto di zenzero candito di tanto in tanto, anche se si è a dieta.

La spezia candita conserva ancora le sue proprietà anti-nausea e antitussive, per cui potrà comunque aiutarti a ridurre la sensazione di vomito e placare la tosse e gli altri sintomi del raffreddore.

Ciononostante, se intendi assumere lo zenzero per migliorare la tua salute, è sempre consigliabile optare per una versione fresca e naturale.

Lasciamo lo zenzero candito ai momenti in cui vogliamo un dessert sfizioso e diverso dal solito.

La ricetta dello zenzero candito con e senza zucchero

Fonte: Pixabay

Abbiamo esordito dicendo che lo zenzero candito fatto in casa è di gran lunga più buono rispetto a quello che acquistiamo al supermercato. Ma come si fa lo zenzero candito? La preparazione è davvero semplicissima.

Di seguito vedremo come fare questo dessert in casa, sia con che senza zucchero.

Zenzero candito: ricetta tradizionale

In questa ricetta vedremo come preparare questo dolcetto con il metodo tradizionale, utilizzando lo zucchero, dell’acqua e del limone. Più avanti, potrai trovare anche la versione sugar free e più light.

Ingredienti

  • Zenzero fresco biologico e senza buccia: circa 450 grammi
  • Zucchero: 160 grammi
  • Acqua: q.b.
  • Succo di limone fresco: che permette di mantenere lo zenzero di un bel giallo brillante.

Procedimento

Dopo aver pulito lo zenzero, taglialo a pezzi della stessa dimensione. Avere fettine uniformi è importante in questo processo, in modo da cuocere lo zenzero al punto giusto. Versa lo zenzero in una pentola, copri con l’acqua e il succo di mezzo limone, lascia cuocere per 30 minuti, finché la radice non risulta morbida.

Porta il tutto a ebollizione rimuovendo di volta in volta la schiuma che si formerà sulla superficie, quindi procedi la cottura finché lo zenzero non sarà ammorbidito.

Dopo, scola il tutto, avendo cura di conservare il liquido di cottura, che sarà ottimo per preparare delle tisane allo zenzero. Tornando alla “canditura”, versa lo zenzero bollito in un’altra pentola, copri con l’acqua e il succo di limone, aggiungi lo zucchero.

Lascia cuocere il tutto finché l’acqua non sarà evaporata, quindi scola e lascia raffreddare in una gratella. A questo punto, se lo desideri, puoi aggiungere una spolverata di zucchero extra, per addolcire ulteriormente.

La ricetta dello zenzero candito senza zucchero

Zenzero candito
Fonte: Pixabay

Se la quantità di zuccheri previsti nella ricetta tradizionale ti sembra eccessiva, o se hai voglia di provare una versione più salutare di questo snack, potresti provare lo zenzero candito con stevia o/e eritritolo.

Le quantità previste sono le stesse, 160 grammi di zenzero, acqua e succo di limone. Questa volta, però, utilizzeremo del dolcificante al posto dello zucchero. Il risultato potrebbe essere meno dolce e zuccherino rispetto a quello della ricetta precedente, ma potrai dare un bel taglio alle calorie.

Ingredienti

  • Zenzero fresco: 160 grammi
  • Acqua: q.b.
  • Dolcificante a tua scelta, come l’eritritolo (circa 200 grammi) o stevia ( 64 grammi), o un mix dei due dolcificanti.

Procedimento

Come nella ricetta precedente, bisognerà lavare, sbucciare e tagliare a pezzetti di grandezza uniforme lo zenzero. Versalo in pentola insieme all’acqua e al succo di limone, coprendo completamente i pezzetti. Quindi, lascia cuocere per 30 minuti.

Dopodiché, scola lo zenzero e versalo nuovamente nella pentola; aggiungi l’acqua, il limone e, a cottura avviata, versa il dolcificante. Lascia cuocere per 30-45 minuti, finché l’acqua non sarà completamente evaporata. Dopodiché lascia raffreddare su una gratella e, se lo desideri, aggiungi una spolverata di eritritolo in superficie.

Come mangiare lo zenzero candito?

Puoi gustare questo snack così com’è, a fine pasto o puoi portarlo con te per uno spuntino veloce ed energetico. In alternativa, puoi aggiungere qualche pezzettino di zenzero candito alle tue preparazioni. Puoi utilizzarlo per insaporire un panettone fatto in casa o una torta, o puoi sbriciolarne qualche pezzettino nell’impasto dei muffin o nel tuo porridge a colazione.

Un’idea carina per Natale potrebbe essere quella di immergere metà fettina di zenzero candito nel cioccolato fuso al latte o fondente, a te la scelta. Lascia raffreddare, ecco realizzato un ottimo snack da regalare o offrire ai tuoi amici.

Zenzero candito: controindicazioni

Fonte: Pixabay

In alto abbiamo dato un’occhiata ai benefici dello zenzero fresco. Come abbiamo visto, però, il processo di canditura, che richiede l’utilizzo di uno sciroppo a base di acqua e zucchero, può vanificare i benefici per la linea e per la salute di questo alimento. È inoltre il caso di chiedersi quante calorie abbia lo zenzero candito.

Una porzione da 100 grammi apporta circa 304 calorie, contro le 80 contenute nella stessa quantità di radice fresca. Come puoi vedere, non si tratta di un dessert esattamente light.

Quanto zenzero si può mangiare in un giorno?

Tieni a mente che buona parte delle calorie contenute in questo dolcetto sono costituite da zuccheri, notoriamente dannosi per la salute, se assunti in quantità eccessive.

Per questo motivo torniamo a dire che, se lo zenzero candito è il tuo snack preferito, sarà saggio considerarlo per ciò che effettivamente è, un dolcetto o una caramella, mangiarne in piccole quantità di tanto in tanto, o al massimo un pezzettino al giorno.

Chi deve evitare di assumere lo zenzero?

Che sia candito o meno, devono evitare questo snack coloro che sono allergici alla spezia e chi sta seguendo una terapia farmacologica. Poiché lo zenzero potrebbe influenzare l’azione di alcune erbe, integratori e farmaci, è opportuno chiedere un parere al medico curante prima di consumare regolarmente questo prodotto.

Se consumato in quantità eccessive, lo zenzero può causare bruciore allo stomaco o diarrea.

 

Fonte

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Crostata senza burro: 4 ricette per intolleranti al lattosio
Ricette

La pasta frolla è una delle preparazioni di base per la realizzazione di moltissimi dolci buonissimi, come biscotti, crostate e strudel. Chi è intollerante al lattosio non deve di certo rinunciare a queste golosità. Possiamo preparare una buonissima crostata senza burro con 4 diverse ricette, ideali per tutti i gusti.