Greenstyle Benessere Rimedi naturali Semi di chia: cosa sono e benefici che forse non conosci

Semi di chia: cosa sono e benefici che forse non conosci

Semi di chia: cosa sono e benefici che forse non conosci

Fonte immagine: Pixabay

Sono piccolissimi, neri, e contengono un tripudio di sostanze benefiche: i semi di Chia sono uno dei superfood più salutari da aggiungere alla propria dieta. Si tratta dei piccolissimi semi della Salvia hispanica, una pianta erbacea che fa parte della famiglia della menta (Lamiaceae), che ha origine in Messico e in Guatemala. Negli ultimi anni, però, è divenuta celebre anche in molte altre parti del mondo, compresa l’Italia.

Si narra che i semi di Chia fossero un cibo particolarmente apprezzato dagli Aztechi e dai Maya, che ne esaltavano le proprietà energetiche. Non a caso, la parola “Chia” deriva dalla lingua Maya, e vuol dire “forza”. Ma esattamente quali sono i benefici dei semi di Chia? E come mangiarli? Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla Chia e vediamo come consumarla a colazione e per uno spuntino nutriente.

Proprietà nutritive

Fonte: Pixabay

Noti come super alimento benefico per la salute, i semi di Chia contengono poche calorie e molte vitamine, minerali e sostanze antiossidanti. Una porzione di semi di Chia, che corrisponde a 2 cucchiai, poco meno di 30 grammi di semi, apporta circa 138 calorie (100 grammi ne apportano circa 486), proteine (4,7 grammi), grassi (8,7 grammi), fibre (9,8 grammi) e minerali, fra cui spiccano:

La Chia è considerata anche una preziosa fonte di acido alfa-linoleico (ALA), un acido grasso Omega-3, utile per proteggerci dal rischio di malattie cardiache e infiammazioni. Infine, questi piccoli semini scuri apportano anche elevati livelli di antiossidanti, in particolar modo acido ferulico, acido caffeico e quercetina.

Semi di Chia: benefici per la salute

Fonte: Pixabay

La lunga lista di sostanze benefiche racchiuse in ciascun seme fa già intuire quali e quanti benefici possano apportare alla nostra salute.

La presenza di fibre, ad esempio, promuove il buon funzionamento del nostro intestino, mentre le sostanze antiossidanti aiutano a combattere l’invecchiamento e contrastano lo sviluppo di malattie croniche e tumori.

Diamo un’occhiata da vicino alle proprietà benefiche di questo alimento.

Un pieno di antiossidanti

Abbiamo già visto come i semi di Chia possano essere considerati un’ottima fonte di antiossidanti. Queste sostanze sono fondamentali per combattere la formazione e l’azione dei radicali liberi, che provocano stress ossidativo e danni cellulari.

Grazie all’azione degli antiossidanti, è possibile proteggere le cellule dai danni dell’invecchiamento, prevenire lo sviluppo di numerose malattie, da quelle croniche fino ad alcuni tipi di tumori.

Migliorano la salute del cuore

Ci sono buone notizie per il tuo cuore. Grazie alla presenza di quercetina, i semi di Chia possono migliorare la salute cardiovascolare, prevenendo il rischio di sviluppare cardiopatie. Inoltre, la presenza di fibre aiuta a ridurre i livelli del colesterolo cattivo e dei trigliceridi. Ciò si traduce in una migliore salute cardiaca.

Migliorano la memoria

Fonte: Pixabay

Hai spesso problemi di memoria e difficoltà di concentrazione? Mangia un Chia pudding per merenda: niente paura, a breve scopriremo di cosa si tratta.

La presenza di Omega-3 rende questi semi degli ottimi alleati per la concentrazione, le capacità di ragionamento e anche per la tua memoria.

Un rimedio contro l’infiammazione

Grazie all’acido caffeico, un antiossidante, questi piccoli semini permettono anche di ridurre l’infiammazione, riducendo di conseguenza il rischio di soffrire di malattie cardiache e altre patologie.

Un alimento anti-cancro

Tirando le somme, i semi di Chia esercitano dunque un’azione antiossidante e antinfiammatoria; di conseguenza, questo mini-alimento può essere considerato tranquillamente un cibo anti-cancro. Ciò è dovuto anche all’azione degli Omega-3, preziosi alleati per la salute.

Un’arma contro il diabete

Le fibre contenute nei semi di Chia permettono di ridurre la resistenza all’insulina, di conseguenza aiutano a migliorare i livelli di zuccheri nel sangue e scongiurare il rischio di soffrire di diabete e di sviluppare condizioni come la sindrome metabolica.

Semi di Chia per sgonfiare la pancia

Ma i semi di Chia fanno dimagrire? E possono aiutare a sgonfiare l’addome? La presenza di fibre, anche questa volta, rende questi semini dei piccoli ma efficienti alleati per la dieta.

Come vedremo, i semi di Chia hanno la capacità di assorbire molta acqua, per questo motivo si espandono all’interno dello stomaco, favorendo – di conseguenza – il senso di sazietà.

Ciò significa che mangeremo meno. In più, ricordiamo che questi particolari semi hanno un basso indice glicemico e non contengono glutine, per cui sono adatti alla dieta, anche per chi soffre di celiachia.

Come mangiare i semi di Chia?

gelato ai semi di chia
Fonte: Pixabay

A questo punto ti starai domandando come mangiare i semi di Chia a colazione o a merenda, per godere di tutti questi effetti benefici.

Devi sapere che questi semini vengono impiegati in molte ricette, da quelle da forno fino ai budini e creme, ma possono diventare un ingrediente versatile anche per chi non ama cucinare, o persino per chi segue una dieta vegana e vuole sostituire le uova con un ingrediente 100% vegetale.

Dal momento che, assorbendo l’acqua, assumono una consistenza gelatinosa, questi semi possono infatti essere utilizzati come ottimi addensanti per le tue ricette.

Per un utilizzo semplice, potresti aggiungere 1 cucchiaio di semi di chia, che ha circa 70 calorie, al tuo yogurt al mattino, alla macedonia di frutta o anche all’insalata. Se hai voglia di un budino di Chia, Chia pudding, versa invece uno o due cucchiai di semi in un bicchiere di latte, e lascia che si addensi.

Dopo guarnisci con scaglie di cioccolato o polvere di cocco, poi gusta la tua merenda. In alternativa, puoi provare a preparare un gelato di semi di Chia, un piacere per gli occhi e per il palato.

Come abbiamo anticipato, puoi usare questi semi anche in sostituzione delle uova, nella preparazione di prodotti da forno o muffin. Infine, prova ad aggiungere i semi alle barrette fatte in casa, per un gusto unico e nutrimento extra.

Semi di Chia: dove trovarli?

Puoi acquistare questo prodotto nei supermercati più forniti o anche negli shop on line, specialmente nei siti specializzati.

Quanta Chia assumere al giorno?

Fonte: Pixabay

Quanti cucchiai di semi di Chia al giorno dovremmo consumare, per migliorare la nostra salute e la nostra dieta? Anche questa volta, è importante agire con buonsenso. Questo perché – come vedremo a breve – consumare troppi semi di Chia può rivelarsi controproducente, provocando degli effetti indesiderati piuttosto fastidiosi.

Per evitare di incorrere in eventuali disturbi, comincia con una porzione da 28 grammi di semi di Chia, circa 2 cucchiai, da aggiungere alle tue ricette nei modi che abbiamo appena consigliato.

Nel corso della giornata, bevi almeno 2 litri di acqua per mantenere il corpo ben idratato. Se consumati con moderazione, questi piccoli semini potranno diventare i migliori alleati per la tua salute.

Semi di Chia: controindicazioni

Il consumo quotidiano di Chia può dunque migliorare la nostra salute, ma come sempre, è importante non esagerare con le porzioni. Un consumo eccessivo di questo alimento potrebbe infatti provocare disturbi gastrointestinali, con diarrea o stitichezza, meteorismo e gonfiore addominale, a causa dell’elevata presenza di fibre.

Per questo devono prestare particolare attenzione coloro che soffrono di malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn.

In più, vista l’azione su glicemia e pressione dei semi di Chia, l’assunzione dovrebbe seguire il consulto del proprio medico in presenza di malattie come diabete o ipertensione. Infine, sebbene siano molto rari, non sono da escludere casi di allergia ai semi di Chia.

Se li mangi per la prima volta, osserva l’eventuale presenza di reazioni come prurito, gonfiore alla bocca e alla lingua, diarrea, nausea o vomito.

Per qualsiasi dubbio in merito all’assunzione sicura di questo alimento, chiedi consiglio al tuo medico.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare