Greenstyle Ambiente Animali Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell'ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure

Fra le malattie virali contagiose del cane, oltre al cimurro, dobbiamo tenere in considerazione anche la parvovirosi. Si tratta di una malattia virale altamente contagiosa e dall’esito spesso mortale che tende a colpire soprattutto i cuccioli, specie quelli non vaccinati o non vaccinati correttamente.

La malattia è inserita nel protocollo vaccinale di base del cane, insieme a cimurro, tosse dei canili, epatite virale e leptospirosi. Andiamo a vedere quali sintomi provoca il Parvovirus, come si contagia il cane, quanto dura la malattia e se esiste una cura.

Caratteristiche del Parvovirus canino

Cane malato

Il Parvovirus responsabile della parvovirosi canina è il CPV-2. Si tratta di un piccolo virus a DNA a catena singola, dotato di capside, ma privo di envelope. Per questo motivo è capace di sopravvivere anche mesi nell’ambiente esterno, a differenza del virus del cimurro che, invece, non resiste a lungo nell’ambiente.

Come disinfettare l’ambiente?

Come dicevamo, il Parvovirus è capace di resistere parecchio nell’ambiente. Anche a temperature alte, di 56 gradi, può resistere per un’ora. Tuttavia è sensibile ad alcuni agenti e disinfettanti:

  • ipoclorito di sodio (la candeggina)
  • formalina
  • soda
  • propriolattone
  • raggi UV

Come si trasmette la parvovirosi?

Solitamente la parvovirosi si manifesta nei cuccioli di età fra i 30 giorni di vita e i 3 mesi. Tuttavia non si possono escludere infezioni anche in soggetti più grandi, anche di diversi mesi.

La trasmissione avviene di solito per contatto diretto, per via oro-nasale. Il contagio può avvenire quando i cuccioli si leccano, giocano e mangiano insieme, ma anche per esposizione a indumenti o ambiente venuto a contatto con un cane malato, quindi contagio per via indiretta.

Il virus replica una prima volta nell’orofaringe e poi arriva nel sangue e nell’intestino tenue. Tramite la via ematica, arriva in milza, linfonodi e timo dove causa distruzione dei globuli bianchi. Dopo 4-5 giorni dall’infezione, il virus distrugge le cellule intestinali. Inoltre il Parvovirus viene eliminato con le feci ancora prima del manifestarsi dei sintomi, cosa che desta particolari problemi soprattutto in allevamenti e canili.

Il decorso clinico della parvovirosi è molto veloce. In 4-5 giorni si ha leucopenia, grave diarrea, disidratazione, morte. Quei pochi soggetti che riescono lentamente a guarire, settimane o mesi per una guarigione totale, possono eliminare il virus anche per più di un mese dopo le infezioni. Anche in questo caso l’età dei cuccioli e la funzionalità del sistema immunitario sono fondamentali per determinare l’evoluzione della malattia.

Quali sono i sintomi della parvovirosi

Parvovirosi Labrador

Ci sono alcune razze che sembrano più suscettibili all’infezione da Parvovirus:

  • Rottweiler
  • Labrador retriever
  • Pastore tedesco
  • Doberman
  • American Pitbull
  • Springer Spaniel

Molto frequenti, poi, le co-infezioni. Spesso nei cuccioli con Parvovirus si trovano anche altri batteri come Clostridi, Campylobacter, Salmonella, protozoi come Giardia o Coccidi, altri virus come il Coronavirus canino o anche nematodi e cestodi come gli ascaridi e le tenie.

Il periodo di incubazione varia da 5 a 7 giorni, ma in alcuni cani va anche da 2 a 14 giorni. Anche i sintomi e le forme in cui la malattia si può presentare variano a seconda dello stato del sistema immunitario.

Forma gastroenterica

La gastroenterite è la forma classica di presentazione della parvovirosi. L’incubazione dura pochi giorni ed ecco che compaiono sintomi come:

  • vomito con sangue
  • diarrea con sangue
  • dolore addominale
  • anoressia
  • abbattimento
  • depressione del sensorio
  • disidratazione
  • febbre non elevata
  • leucopenia con linfopenia
  • ipoglicemia
  • shock settico
  • peggioramento fino alla morte

Forma subclinica

A complicare le cose ci si mette anche la forma subclinica. Il cane presenta sintomi di lieve entità rispetto alla classica forma gastroenterica:

  • leucopenia o linfopenia non marcata
  • anoressia
  • lieve depressione del sensorio
  • leggera diarrea
  • spesso forme asintomatiche

Il problema è che anche nelle forme lievi o asintomatiche si ha eliminazione del virus tramite le feci. Il che crea problemi in allevamenti e canili.

Forma cardiaca

Se il cucciolo si infetta durante la vita uterina, se si infetta entro i due mesi di vita o nasce da madri non vaccinate prive di anticorpi, si può manifestare una forma di miocardite con insufficienza cardiopolmonare acuta, insufficienza cardiaca progressiva e morte improvvisa.

In questo caso possono anche mancare del tutto i segni come vomito e diarrea.

Principi di diagnosi

La diagnosi differenziale va posta con:

Oltre agli esami del sangue di base, per avere una diagnosi certa si possono eseguire test sulle feci o anche la PCR. Meno funzionali i titoli anticorpali in quanto molti cani hanno anticorpi, pur senza essere malati, in quanto semplicemente sono già venuti a contatto col virus.

Come si cura la parvovirosi nel cane? La terapia

Cane con Parvovirus

Essendo una malattia virale, non esiste terapia specifica per la Parvovirosi nel cane. La cura è sintomatica: terapia antibiotica per le sovrinfezioni batteriche secondarie che spesso provocano la morte del cucciolo, fluidoterapia, monitorando anche i livelli di albumina per non incorrere in edemi e sovraidratazione, correzione dei deficit di elettroliti, antiemetici, addensanti delle feci, fermenti lattici, vitamine.

Nelle fasi iniziali è anche possibile utilizzare l’interferone felino, oltre alla terapia di supporto. Si è visto che i cuccioli ospedalizzati tendono ad avere prognosi migliori rispetto ai cani che fanno solo terapia a casa.

Come prevenire la parvovirosi con il vaccino

Sì, esiste un vaccino contro la parvovirosi. È abbastanza efficace anche se, ogni tanto, capita di imbattersi in cuccioli low responsive, cioè che rispondono poco al vaccino e che quindi rimangono a rischio di contrarre la malattia. Così come vengono segnalati ceppi particolarmente virulenti e aggressivi, capaci di aggirare l’immunità vaccinale.

Chiedi al tuo veterinario quale protocollo vaccinale adottare. Seguendo le linee guida WSAVA, vanno fatti tre richiami mensili a partire dal secondo mese di vita, un richiamo annuale e poi richiami triennali. Questo però, solo se ogni anno si fa una titolazione anticorpale per essere sicuri che davvero quel soggetto abbia un’immunità così lunga.

In caso di zone particolarmente a rischio o di rifiuto di fare le titolazioni anticorpali, starà al veterinario decidere se consigliare un altro protocollo vaccinale, come le vaccinazioni annuali.

La parvovirosi è contagiosa per l’uomo?

No, la Parvovirosi non è assolutamente contagiosa per l’uomo. E neanche per il gatto, anche se il gatto ha un suo Parvovirus ed è quello che provoca la panleucopenia virale felina o gastroenterite virale felina.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Razze di cani da guardia: quali sono adatte come cani da compagnia?
Animali

Spesso ci si chiede se le razze di cani da guardia (e da difesa) possano essere anche cani da compagnia. La risposta è assolutamente positiva. Anzi: molte persone prendono determinate razze di cani come cani da compagnia senza sapere o ricordarsi che hanno anche una spiccata attitudine per la guardia e/o la difesa. E queste razze di cani da guardia e da compagnia le troviamo sia nei cani di grossa taglia che in quelli di piccola taglia.