Greenstyle Casa & Giardino Casa Fai da te Halloween: zucca, trucchi, maschere, costumi e dolci fai da te per una festa da paura

Halloween: zucca, trucchi, maschere, costumi e dolci fai da te per una festa da paura

Halloween: zucca, trucchi, maschere, costumi e dolci fai da te per una festa da paura

Fonte immagine: Pexels

La festa di Halloween è ormai celebrata in tutto il mondo occidentale. Dagli Stati Uniti all’Europa, milioni di bambini il 31 ottobre si travestiranno da streghe, fantasmi e altri demoni, armati di zucca e cestello per il classico appuntamento con il “dolcetto o scherzetto”. Ma dove nasce questa tradizione, come è sbarcata anche in Italia e, soprattutto, quali sono le migliori idee di riciclo creativo per organizzarla a basso impatto per l’ambiente?

Prima di cominciare, vale la pena ricordare come – almeno per le nazioni dell’Europa meridionale – quella di Halloween sia una ricorrenza d’importazione, divenuta consuetudine solo in tempi recenti. Di seguito, tutte le informazioni utili.

Cosa è Halloween

Halloween

Con il termine Halloween si indica un’antica ricorrenza celtica, un tempo nata per celebrare l’alternanza tra la luce e le tenebre, tipica del periodo autunnale. Tuttavia, la maggior parte delle persone identifica questa celebrazione più per le sue connotazioni commerciali, sviluppatesi nel corso del XX secolo negli Stati Uniti e poi esportate in gran parte del mondo occidentale, grazie anche a numerose produzioni televisive e cinematografiche.

Ma quale è la vera storia di Halloween e, soprattutto, perché da qualche anno si festeggia anche in Italia?

La storia di Halloween

Zucca di Halloween

La storia di Halloween affonda le proprie radici in un passato molto lontano, con origine ancora non pienamente certe. L’ipotesi più accreditata è che si tratti di una trasposizione della festa celtica Samhain: circa 2.000 anni fa, le popolazioni celtiche delle attuali Inghilterra, Francia settentrionale e Irlanda festeggiavano attorno il 31 ottobre l’inizio dell’anno nuovo. Il nome deriverebbe invece dall’irlandese “All Hallows’ Eve“, la “notte di tutti gli spiriti sacri”.

Questa data non era affatto scelta a caso. Innanzitutto, bisogna considerare come il calendario gregoriano non fosse ancora in vigore e, di conseguenza, il 31 ottobre risultava “anticipato” dal punto di vista astronomico rispetto a oggi. Questo significava che, in questo periodo, si verificava l’equinozio d’autunno, con la fine ufficiale dell’estate e l’avvio della stagione più fredda. Un periodo di forte gioia, poiché si potevano godere i frutti del raccolto dopo i duri mesi di lavori nei campi, ma anche di timore, per l’arrivo del freddo. Così si celebravano gli dei con offerte, grandi fuochi e omaggi agli avi, per placare le loro ire e sperare in un inverno sereno.

Secondo altre ipotesi, Halloween sarebbe invece collegata alla festa romana di Pomona, dove si celebravano frutti e semi raccolti durante l’estate, o le festa dei morti dei Parentalia. In ogni caso, tutti gli studiosi sono concordi nel sottolineare come la ricorrenza di Ognissanti, fissata per il primo novembre, sia stata voluta da Papa Gregorio IV in continuità proprio con queste feste pagane.

Oggi Halloween è molto diverso da come veniva anticamente celebrato. La ricorrenza è diventata perlopiù commerciale, ne sono state idealizzate le componenti più macabre – tra cui la celebrazione dei morti, trasformata in fantasmi, demoni e altre figure magiche – e resa adatta anche ai più piccoli.

Perché si festeggia anche in Italia?

Non vi è dubbio che la ricorrenza di Halloween sia un’usanza decisamente recente sul suolo italiano, considerando come la celebrazione anglosassone non abbia mai fatto parte della tradizione e della cultura dello Stivale. Sulla Penisola non sono mai mancati momenti per ricordare santi e morti, come appunto i solenni appuntamenti di novembre voluti dalle usanze cattoliche, e di certo gli antichi popoli – soprattutto al Nord – rispettavano appuntamenti analoghi. È il caso della notte di Valpurga, dalla cadenza però primaverile.

Di certo è mancato l’aspetto commerciale di Halloween, anche perché in fatto di travestimenti le popolazioni mediterranee hanno sempre preferito il Carnevale, anch’esso legato a tradizioni di stampo cattolico. È però a partire dalla fine degli anni ’80, con la popolarità assunta da film e telefilm statunitensi, che Halloween è sbarcato ufficialmente anche in Italia. Per gran parte degli anni ’90 il fenomeno è rimasto relegato a nicchie di appassionati, per poi esplodere negli anni 2000 anche grazie alla complicità delle aziende, che hanno iniziato a proporre prodotti a tema.

Zucca, il simbolo di Halloween

Quando si pensa a questa festa, non può balzare alla mente che l’immagine di una zucca intagliata. Si tratta di una consuetudine fortemente sentita nei paesi anglosassoni, in particolare negli Stati Uniti, dove le zucche vengono decorate con facce mostruose e illuminate da candele e lumini. Ma da dove deriva questa tradizione?

La leggenda della Jack-O’-Lantern

Zucca, Jack O' Lantern

La zucca del 31 ottobre è fortemente legata alla leggenda della Jack-O’-Lantern, così come viene ufficialmente ribattezzato l’ortaggio intagliato.

La storia parte dalla figura di Jack, un fabbro furbo e ubriacone irlandese, che riuscì più volte a farsi beffa del Diavolo. Durante una serata di bevute in un pub, Jack convinse Satana a trasformarsi in una moneta, per concedere all’uomo un’ultima bevuta prima della morte. Il diavolo acconsentì, ma l’astuto fabbro decise di inserire il soldo nel suo borsello, affinché il demone ne rimanesse intrappolato.

Così fra i due nacque un accordo: Jack avrebbe liberato il Diavolo in cambio di altri 10 anni di vita. Passato questo periodo, Satana si ripresentò ma, con un altro escamotage, Jack riuscì a farla nuovamente franca. Dopo parecchi anni, e sopraggiunta la morte naturale, il fabbro venne rifiutato dal Paradiso per i suoi peccati in vita, ma nemmeno il Diavolo lo volle all’inferno. Così Satana gli consegnò un tizzone ardente, che l’uomo inserì all’interno di una rapa vuota, e condannò il fabbro a vagare errante per l’eternità. È proprio dalla rapa trasformata in lume che nasce l’usanza della zucca.

Qui una guida su come si conserva la zucca di Halloween.

Halloween e cultura popolare

Nella sua declinazione più commerciale, Halloween ha avuto ovviamente dei riflessi sulla cultura popolare, rendendo universali alcune usanze in realtà decisamente recenti. Queste si sono infatti affermate nel corso del XX secolo e, in particolare, riguardano l’iconico “dolcetto o scherzetto” oppure le grandi produzioni hollywoodiane a tema.

Dolcetto o scherzetto

Dolci per Halloween

Dolcetto o scherzetto” è probabilmente il detto più famoso legato ad Halloween. Derivato dall’americano “trick or treat“, è la frase pronunciata dai bambini quando bussano alle porte del loro vicinato, per ricevere caramelle e cioccolatini durante la notte delle streghe.

Sembra che il rito risalga addirittura al Medioevo ed è legato alle elemosina: in occasione di Ognissanti o della Commemorazione dei Defunti, i più poveri passavano casa per casa per chiedere cibo in cambio di preghiere.

E sempre a proposito di dolci, quali ricette preparare per la festa di Halloween?

  • Ragni: è sufficiente prendere delle praline di cioccolato e, con dei bastoncini in biscotto, realizzare le otto zampe. Per gli occhi basterà qualche granello di zucchero o, ancora, dei piccoli confetti;
  • Mele: le mele sono da sempre associate alle streghe, basti pensare alla mela di Cenerentola. Un modo simpatico per proporle ai più piccoli è farle bollire, dopodiché ricoprirle di gustoso – e rosso – caramello alla ciliegia;
  • Ragnatele: uno snack gustoso, ma anche spaventoso, da realizzare con del semplice caramello. In un padella basta si aggiungono due cucchiaini di acqua, dopodiché del normale zucchero da tavola. Si mescola per sciogliere e, una volta caramellato, si versa su un foglio di alluminio. Prima che si raffreddi e solidifichi, aiutandosi con uno stuzzicadenti o un coltello, si disegna la sagoma della ragnatela.

I film di Halloween da rivedere

La ricorrenza ha ovviamente influenzato moltissimo la cultura pop, con una produzione cinematografica e televisiva immane. Ma quali sono i film da rivedere il 31 ottobre, magari in compagnia degli amici?

Per il genere horror, si consigliano:

  • Halloween, la notte delle streghe;
  • The Witch;
  • L’Esorcista;
  • Nightmare, dal profondo del mare;
  • La vendetta di Halloween;
  • Sinister;
  • The Shining;
  • Suspiria;
  • Le streghe di Salem;
  • Profondo Rosso;
  • The Ring;
  • Annebelle;
  • Scream;
  • It.

Per un genere più leggero, tra il drama e la comedy, si consiglia invece:

  • La morte ti fa bella;
  • La Famiglia Addams;
  • Ghostbuster;
  • Hotel Transilvania;
  • Harry Potter;
  • Nightmare Before Christmas;
  • Casper;
  • Frankenstein Junior;
  • The Rocky Horror Picture Show.

Halloween: come organizzarlo con il riciclo creativo

E perché non approfittare della festa di Halloween per mettersi alla prova con il riciclo creativo, preparando tutto – dalle decorazioni ai costumi – con le proprie mani? Un modo semplice ed efficace non solo per risparmiare, ma anche e soprattutto per tutelare l’ambiente. Dei lavoretti perfetti anche da realizzare con i bambini, per regalare loro qualche ora di puro divertimento.

Idee di decorazioni per la casa

Ragnatela Halloween

Decorare la casa in occasione della Notte delle Streghe è molto semplice, grazie a moltissimi materiali che sono normalmente presenti nelle abitazioni:

  • Cartone: basta un po’ di vernice nera, delle forbici e uno stencil per trasformare un pezzo di cartone in un mostruoso personaggio di Halloween. Pipistrelli, ragni, vampiri, fantasmi e streghe: basta disegnare la silhouette, dipingere di nero e appendere il tutto alle pareti oppure alle finestre;
  • Vecchi filati e pizzo: questi materiali sono perfetti per ricreare l’effetto ragnatela, basta appenderli con un po’ di nastro adesivo agli angoli del soffitto o, ancora, sulle ringhiere delle scale. Per un effetto ancora più realistico, si possono sfilacciare dei batuffoli di cotone. Ancora, si può lasciare indurire della colla vinilica, sfilacciandola poi con le mani;
  • Polistirolo: tutti in casa hanno del polistirolo, spesso incluso negli imballaggi di elettrodomestici o altri oggetti. È sufficiente armarsi di taglierina, ricavare la forma desiderata e procedere con la vernice. Un classico? La lapide da esporre in giardino: si ritaglia la forma dal polistirolo, la si colora con della tempera grigia e, con della vernice nera, si ricreano delle spaventose scritte;
  • Zucca: l’immancabile simbolo di Halloween, la si può realizzare a spreco zero. La polpa interna può essere usata per numerose ricette autunnali. Dopo l’intaglio e l’esposizione, la porzione rimanente può essere impiegata nel compost per ottenere un fertilizzante molto ricco per le proprie piante ornamentali.

Costumi da abiti riciclati

Scheletro

Il riciclo creativo si presta anche per la creazione di bellissimi costumi, magari da realizzare in compagnia dei più piccoli di casa. Le alternative sono le più svariate, basta lasciarsi trasportare dalla fantasia:

  • Fantasma: è certamente il costume più facile da realizzare, poiché basta recuperare un vecchio lenzuolo. Al centro dello stesso si ritaglieranno dei fori per gli occhi, il naso e la bocca, una volta indossato il lenzuolo andrà legato in vita con della corda o del filo di rafia. Una necessità, quest’ultima, soprattutto per evitare che i bambini inciampino nel tessuto camminando;
  • Scheletro: altro costume molto semplice da creare con il riciclo, basta recuperare una vecchia tuta nera, meglio se dotata di cappuccio. Dopodiché, con l’aiuto di vernici per tessuti oppure di stencil adesivi, si realizzano su braccia, gambe e torso delle ossa stilizzate. Nei negozi di fai da te sono disponibili anche tempere fluo, ideali per far brillare lo scheletro al buio;
  • Strega: non può mancare di certo in una festa di Halloween che si rispetti. Per l’abito, basta recuperare una vecchia gonna scura, meglio se plissettata, da abbellire con dei merletti a contrasto – per un effetto ragnatela – oppure del tulle sempre nero. La parte superiore può essere realizzata sempre con una camicia nera e uno scialle dello stesso colore, meglio se un caldo poncho, mentre il cappello richiede di recuperare del cartone. Si parte creando un cono di cartone, da fissare con la colla vinilica a un cerchio di cartone, che costituirà la visiera. Si ricopre quindi sempre tutto con la colla vinilica e si appiccicano dei ritagli di quotidiano arrotolati alla rinfusa, per dare una forma più irregolare al cappello. Infine, si ricopre il tutto con della stoffa nera o del tulle dello stesso colore.

I trucchi per Halloween

Halloween, trucco per bambini

Infine, non può mancare uno sguardo ai trucchi per Halloween, perché l’aspetto del viso è fondamentale per ottenere un effetto quanto più spaventoso. Per partire, non possono mancare una cipria bianca, un fondotinta sempre bianco, del rossetto rosso-sangue e, infine, un eye-liner nero. Ma cosa realizzare?

  • Maschera messicana: in Messico più che Halloween si festeggia il “Dia de Los Muertos”, con le caratteristiche maschere spettrali. In buona sostanza, si ricopre il viso di fondotinta bianco, per ricreare l’effetto di uno scheletro, dopodiché con ombretto scuro e eye-liner si ricopre di nero l’area degli occhi e la punta del naso, proprio come un teschio. Le parti nere sono poi decorate sul loro perimetro con fiori, greche e piccole gemme;
  • Vampiro: per ottenere un perfetto vampiro, la pelle deve diventare pallida grazie a cipria e fondotinta, mentre le labbra devono assumere un colore rosso carminio. Per aggiungere realismo, anche gli occhi si possono truccare con dell’ombretto rosso;
  • Strega: per le streghe, infine, si può usare la matita per occhi per realizzare delle rughe in fronte, così come del blush per accentuare le aree d’ombra della zona-T. Sempre con la matita, si procede poi disegnando nei, cicatrici e altri elementi paurosi.

Seguici anche sui canali social