Greenstyle Alimentazione Alimenti Fragole: calorie e proprietà, fanno ingrassare?

Fragole: calorie e proprietà, fanno ingrassare?

Fragole: calorie e proprietà, fanno ingrassare?

Le fragole condividono con le ciliegie i primi posti tra i favori dei consumatori. Dolci, succose e dalle proprietà utili per la salute, queste prelibatezze sono spesso al centro dell’attenzione. Perché no, anche quando si parla valori nutrizionali e calorie delle fragole.

Consumate sia da sole che in una colorata e gustosa macedonia, le fragole sono tra gli ingredienti preferiti anche dai pasticceri e dall’industria dolciaria. Torte, gelati e mousse sono soltanto alcuni dei possibili preparati a base di fragola.

Malgrado il suo ampio utilizzo, poco chiara è l’origine della pianta da cui nascono le fragole. Alcuni sostengono la teoria relativa a una provenienza europea, nello specifico alpina, mentre per altri si tratterebbe invece di un alimento importato dal Sudamerica. Ipotesi quest’ultima poco credibile, considerato che si hanno evidenze del consumo di fragole già nell’Antica Roma.

Perché le fragole sono un falso frutto?

Malgrado vengano da tutti ritenute uno dei frutti primaverili più buoni, le fragole sono in realtà un falso frutto. La pianta da cui provengono appartiene al genere delle Rosacee, un fusto breve perenne.

Quella che viene comunemente chiamata fragola non è un frutto singolo, secondo quanto prevede la botanica, ma un agglomerato di frutti tenuto insieme da una polpa carnosa edibile. I veri frutti sono in questo caso i piccoli semini gialli, detti acheni. Appartengono ai falsi frutti, secondo la botanica, anche degli “insospettabili” eccellenti come mele, pere e fichi.

Fragole

Calorie delle fragole e valori nutrizionali

Prelibatezze gustose e dolci, il che porta a chiedersi se dal loro consumo possano derivare delle conseguenze per il girovita. Quando parla di calorie delle fragole, in sostanza la domanda è: le fragole fanno ingrassare?

Calorie, le fragole fanno ingrassare?

La risposta è no, le fragole non fanno ingrassare. Frutto o falso frutto che sia, la fragola si conferma un alimento dal ridotto contenuto calorico. La polpa è composta per il 90% da acqua, così che a 100 grammi di parte edibile corrispondano soltanto 32 calorie.

Grazie al suo contenuto ridotto di calorie, le fragole risultano un alimento adatto anche a chi ha deciso di seguire una dieta ipocalorica. Chiaramente il consiglio è quello di consumarle il più possibile al naturale, evitando di aggiungere zucchero, panna o altri ingredienti tutt’altro che “light”.

Tabella nutrizionale delle fragole

Valori Nutrizionali Fragole (100 g di parte edibile)

Energia 32 kcal
Carboidrati 8 g
di cui zuccheri  5 g
Grassi 0 g
Proteine 1 g

Valori nutrizionali

Come detto poc’anzi, le fragole sono composte perlopiù d’acqua (90%). Guardando ai valori nutrizionali, il resto di questo falso frutto assegna un ruolo di primo piano ai carboidrati, costituiti perlopiù da zuccheri semplici (fruttosio). Tra i macronutrienti più abbondanti seguono grassi e proteine, presenti in quantità quasi trascurabile.

La forte presenza di vitamine e sali minerali contribuisce a molti dei benefici per la salute associati alle fragole. Sono una buona fonte di vitamina A, gruppo B (B1 e B2) e di vitamina C, mentre apportano discrete quantità di calcio, ferro, fosforo e potassio.

Confettura o marmellata di fragole, calorie e nutrienti

Le fragole possono essere consumate fresche, meglio se riducendo al minimo gli ingredienti “esterni”, ma anche sotto forma di preparati. Tra questi le confetture di fragole, impropriamente dette marmellate (termine che è correttamente utilizzato solo nel caso di prodotti a base di arance, limoni e più in generale di agrumi).

Confetture o marmellate, che dir si voglia, il livello di calorie e nutrienti varia in maniera evidente. L’aggiunta di zuccheri e degli altri ingredienti porta il preparato a rappresentare una discreta fonte di fibre alimentari, zuccheri e sali minerali.

Va invece sostanzialmente a perdersi l’apporto vitaminico, a causa della cottura necessaria a ottenere marmellate e confetture, mentre al contrario aumenta il contributo calorico. Un prodotto confezionato da banco può arrivare anche a circa 260 kcal per 100 grammi.

Confettura o marmellata di fragole
Fonte: Image by congerdesign from Pixabay

Fragole, proprietà e benefici per la salute

Quando consumate fresche e senza zuccheri aggiunti, le fragole sono adatte anche per chi soffre di diabete. Questo perché il fruttosio che contengono risulta essere uno zucchero semplice a basso indice glicemico. Il consumo dovrà tuttavia essere contenuto, onde evitare possibili rischi inutili, ma generalmente non è vietato.

Le fragole hanno proprietà lassative e diuretiche, oltre ad agire con detossificante dell’organismo. Al loro interno è presente anche l’acido metilsalicilico, che altro non è che il principio attivo alla base della comune aspirina. Risultano così lievemente efficaci contro le infiammazioni e i dolori articolari di tipo reumatico.

Da non dimenticare la presenza nelle fragole di un potente alleato della memoria e del sistema nervoso: la fisetina. Si tratta di un flavonoide ampiamente presente in questo alimento, che sembra possa contribuire a ridurre il rischio di danni neurologici e renali legati al diabete di tipo 1.

Stando ad alcuni recenti studi la fisetina risulterebbe utile anche a prevenire la degenerazione cognitiva. In particolare la perdita di memoria, causata da patologie neurodegenerative come la demenza senile e il Morbo di Alzheimer.

Controindicazioni, l’allergia alle Fragole

Il consumo di fragole è generalmente sicuro, ma sono presenti tuttavia alcune controindicazioni. Esiste la possibilità che alcuni soggetti risultino intolleranti o allergici a questo alimento. Si tratterebbe in realtà di una eventualità neppure troppo remota, tanto che l’allergia alle fragole sembra essere piuttosto diffusa tra la popolazione generale.

Chi soffre di allergia alle fragole mostra sintomi perlopiù cutanei, dermatiti come ad esempio l’orticaria o anche irritazioni della mucosa orale. Nei casi più gravi e/o rari può associarsi anche una sintomatologia respiratoria.

Come spesso accade, a provocare l’allergia alle fragole è una proteina. In questo caso la Fragaria allergeni 1, che può colpire anche se l’alimento è contenuto all’interno di gelati, crostate, torte o sorbetti. In caso di soggetti ipersensibili è opportuno verificare con attenzione la composizione dei preparati da consumare.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare