Greenstyle Alimentazione Alimenti Farina di carrube: proprietà e 3 ricette semplici

Farina di carrube: proprietà e 3 ricette semplici

Con la farina di carrube si possono fare ottime ricette dal sapore unico e inimitabile. Non contiene glutine e vanta anche una serie di proprietà salutari.

Farina di carrube: proprietà e 3 ricette semplici

Fonte immagine: Pixabay

La farina di carrube somiglia molto al cacao in polvere, ma in realtà non ha nulla a che vedere con la pianta del cacao. Si tratta infatti di un prodotto ben diverso, ottenuto dalla polpa della carruba, il frutto di una pianta molto diffusa nelle aree del Mediterraneo, e in particolar modo in Sicilia.

Per le sue caratteristiche, questa particolare farina rappresenta un’ottima alternativa al cacao, rivelandosi un’alleata speciale per chi non può consumare questo alimento a causa di intolleranze o allergie.

Puoi trovare facilmente la farina di carruba in dolci, pane e prodotti da forno. Grazie alla sua versatilità e al suo sapore, infatti, questo ingrediente può risultare di grande aiuto in cucina. Hai voglia di scoprire quali sono le proprietà della carruba?

Vediamo quali e quante sono le sostanze nutritive contenute in questo ingrediente, e scopriamo come usare la farina di carruba in cucina. Prima, però, ricordiamo cosa sono le carrube.

Cosa sono le carrube?

Farina di carrube
Fonte: Pixabay

Questo particolare alimento non è altro che il frutto di una pianta, più esattamente della Ceratonia siliqua, appartenente alla famiglia delle Leguminosae (lo avresti mai detto?).

La Ceratonia siliqua, meglio nota come “albero del carrubo”, è originaria della Siria e della Palestina, ma oggi è diffusa in tutta l’area mediterranea, e puoi trovarla facilmente in Sicilia, dove cresce spontanea, così come in altre regioni del Sud Italia.

L’aspetto della carruba ricorda il baccello di un fagiolo della lunghezza di 10–20 cm, ma ha un colore marrone scuro e una buccia molto dura e rigida.

Di questo frutto si mangiano sia i semi che la polpa. In passato la carruba veniva consumata sia dalle persone che dal bestiame, ma oggi ne usiamo più spesso la farina, ricca di sostanze nutritive e straordinariamente versatile in cucina.

Farina di carrube: proprietà nutritive

Oltre che per la sua utilità in cucina e fra poco vedremo come usarla al posto del cacao in tante facili ricette, la farina di carruba è apprezzata per il contributo che può dare alla nostra salute.

Questo ingrediente è infatti fonte di fibre solubili e insolubili. Due cucchiai di polvere di carruba apportano circa 5 grammi di fibre, pari a circa il 20% del fabbisogno giornaliero.

La farina di carruba è inoltre fonte di proteine e minerali, soprattutto:

In più, contiene anche vitamine, soprattutto la vitamina C, E e K, vitamine del gruppo B e folati.

A cosa fa bene la farina di carrube?

Fonte: Pixabay

Il frutto è ricco di sostanze antiossidanti e, a differenza del cacao, non contiene caffeina, per cui può essere consumato in tutta tranquillità anche da coloro che non possono o non vogliono assumere questa sostanza.

Ricordiamo inoltre che questo ingrediente è povero di grassi, per cui potrebbe diventare l’alleato ideale per chi è a dieta ma non vuole rinunciare al gusto.

Anche la grande presenza di fibre rende la farina di carruba la scelta ideale per chi segue una dieta dimagrante, con benefici extra anche per il cuore. Le tante fibre, infatti, permettono di abbassare il colesterolo, oltre a normalizzare i livelli della glicemia e migliorare le funzioni intestinali.

La presenza di tannini, composti vegetali dalle proprietà astringenti, rende la farina di carruba un utile alleato per combattere la diarrea in modo naturale.

Farina di carrube: controindicazioni

Nella maggior parte dei casi, è possibile usare la farina di carrube in cucina senza alcun problema, purché non si esageri con le quantità. Ma questo vale per qualsiasi ingrediente, giusto?

In alcuni casi, possono verificarsi reazioni allergiche alla carruba. Il prodotto dovrebbe essere evitato dalle donne in gravidanza e durante l’allattamento, in casi del genere, sarà meglio chiedere prima un consiglio al proprio ginecologo o medico curante.

Informa il medico se intendi assumere regolarmente il frutto o la farina di carruba e stai assumendo farmaci come le statine o medicinali per abbassare il colesterolo.

Chi soffre di diabete può mangiare le carrube?

Dato il basso indice glicemico (IG 15) e la presenza di fibre, la farina di carruba può essere assunta anche dalle persone con il diabete. Tuttavia, è sempre meglio chiedere consiglio al medico prima di introdurre questo alimento nella propria dieta.

Farina di carrube: utilizzo e sapore

Fonte: Pixabay

Come si usa la farina di carrube in cucina? Prima di rispondere a questa domanda, sarà il caso di scoprire che sapore ha questo ingrediente. Se per il suo aspetto, la farina di carrube ricorda molto la polvere di cacao, per certi versi possiamo dire lo stesso anche per il suo sapore.

Il gusto, infatti, somiglia vagamente a quello del cacao, ma è più dolce e ha un aroma di nocciola, con un sentore simile a quello del caramello. Se non hai mai assaggiato il frutto del carrubo, ti consiglio davvero di farlo.

Tornando agli usi in cucina, la farina di carruba è spesso impiegata nelle ricette più salutari, in molti casi in sostituzione del cioccolato o del cacao o persino dello zucchero, per rendere il dolce più light.

La polvere di carruba può essere impiegata nei prodotti da forno, ma puoi anche usarla per preparare della cioccolata calda, un budino o per un ottimo pane con farina di carrube, ideale per la tua colazione.

Questo ingrediente può fungere anche da addensante, quindi sarà adatto per la preparazione di dolci senza cioccolato, ma anche per creme, frullati, pancake o persino vellutate.

Farina di carrube: ricette

Fonte: Pixabay

Cerchi qualche spunto per usare la farina di carrube prima che raggiunga la data di scadenza? Benissimo. Abbiamo selezionato alcune ricette facili da preparare a casa, usando naturalmente la nostra farina preferita.

Fra poco scoprirai come preparare una torta salutare, un budino e una buonissima cioccolata calda con farina di carruba.

La ricetta della torta con farina di carruba

Per preparare questa torta, serviranno pochi ingredienti e ancor meno tempo. Prendi nota e mettiamoci ai fornelli.

Ingredienti

  • Latte (quello che preferisci, ad esempio di mandorle o di soia): 330 ml
  • Zucchero: 190 g, puoi sostituirlo con un dolcificante a piacere, rispettando le dovute proporzioni
  • Farina 00: 300 grammi
  • Farina di carruba: 50 grammi
  • Olio di semi: 50 grammi
  • Una bustina di lievito per dolci.

Procedimento

In una ciotola, versa il latte, l’olio e lo zucchero. Mescola gli ingredienti e aggiungi la farina setacciata, il lievito e la farina di carruba. Amalgama gli ingredienti con la frusta, continua a mescolare finché non avrai ottenuto un composto senza grumi.

A questo punto, versa l’impasto nella tortiera, e inforna per 30 minuti a 180 gradi.

Quando la torta avrà superato la “prova stecchino”, sarà pronta.

Budino con carrube e mandorle

Un buon budino di carruba può essere la soluzione ideale per un dolce salva-pranzo. La preparazione è più che semplice, e il gusto sorprenderà tutti.

Ingredienti

  • Latte vegetale a scelta (ad esempio di mandorle o riso): 250 ml
  • Farina di carrube: 1 cucchiaio
  • Zucchero di canna: 2 cucchiai
  • Amido di mais: 2 cucchiai.

Procedimento

In un pentolino versa gli ingredienti secchi, quindi versa a filo il latte vegetale, mescolando con una frusta a mano in modo da non far formare grumi.

Porta il tutto sul fornello, accendi il fuoco a fiamma media e continua a mescolare per circa 10 minuti, finché il composto non avrà raggiunto una consistenza abbastanza densa. Quindi, lascia raffreddare leggermente e versa il tutto negli stampi per i budini.

Quando saranno ben raffreddati, conservali in frigo per alcune ore. Spolvera della cannella su ogni budino e porta in tavola questo dessert sano e buonissimo.

Farina di carrube per una cioccolata calda (senza cioccolata)

La classica cioccolata calda ti fa gli occhi dolci adesso che le temperature iniziano a scendere? Posso capirti. Se vuoi evitare grassi e zuccheri extra, invece di acquistare un preparato già pronto per cioccolata calda ipercalorica, potresti dedicare 10 minuti alla preparazione di una bevanda calda altrettanto buona e molto più sana.

Ingredienti

  • Farina di carruba: 2 cucchiai
  • Farina bianca: 1 cucchiaio
  • Zucchero: 2 cucchiai
  • Latte: 250 ml.

Procedimento

Versa gli ingredienti secchi in un pentolino, aggiungi a filo il latte mescolando per bene per evitare la formazione di grumi. Porta il pentolino sul fuoco e, scaldando a fiamma medio-bassa, continua a mescolare finché non avrai ottenuto la densità desiderata.

Ecco pronta la tua “cioccolata” calda senza cioccolata.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Shiso: le 5 proprietà del basilico giapponese
Alimenti

Appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, lo shiso – il cui nome scientifico è Perilla frutescens – viene coltivato principalmente in Giappone, Corea e Cina. Ne esistono due varietà, quella rossa e quella verde, alle quali sono correlate numerose proprietà benefiche per la nostra salute. Le foglie di shiso, ad esempio, vengono sfruttate per trattare l’asma e le allergie, ma tra le virtù della pianta si annoverano anche quella antiossidante e neuro protettiva.