La ritenzione idrica è un problema che affligge moltissime donne, perché influisce esteticamente ma può trasformarsi in un problema cronico. L’origine è diversa, può insorgere da patologie gravi di tipo renale o cardiaco, oppure da reazioni allergiche e infiammazioni. Ma nella stragrande maggioranza dei casi la responsabilità è da imputare a uno stile di vita e alimentare del tutto scorretto. Con qualche trucco, e rimedio di tipo naturale, è possibile ridurre la problematica.

>>Leggi dei rimedi contro le gambe gonfie

Ritenzione Idrica: cause e rimedi naturali

Il vero problema consiste nella tendenza del corpo a trattenere liquidi, in particolare in alcune zone come addome, cosce e ventre. La pelle si presenta gonfia, pesante, difficilmente riesce a drenare e a smaltire l’acqua e le tossine. Alcuni rimedi naturali, una scelta alimentare migliore e l’abbandono delle cattive abitudini possono migliorare la situazione. Inoltre la ritenzione idrica, a differenza della cellulite, può sparie gradualmente con risultati visibili anche dopo un solo mese.

È importante individuare le cause che possono condurre alla ritenzione idrica, la prima è la presenza del sale nei cibi. Troppo sodio, ma anche dosi eccessive di glutammato, incidono negativamente sul fisico. Inoltre fumo, alcolici, abuso di farmaci e caffè, sovrappeso, cibi troppo grassi, tacchi troppo alti e abiti troppo stretti fanno parte del club delle cattive abitudini. Anche un lavoro che impone di rimanere in piedi tutto il giorno può aumentare la ritenzione idrica, oltre una serie di patologie di varia entità e gravità.

Per sciogliere letteralmente il problema alla radice si dovrebbero correggere, per poi eliminare, tutte le pessime abitudini. Via libera quindi al movimento, l’attività fisica e un po’ di sport per riattivare velocemente la microcircolazione, ad esempio il nuoto, la bicicletta oppure una serena e tranquilla passeggiata. Stop a ciò che è tossico per la salute come alcolici e fumo, quindi ricondurre la scelta alimentare verso una dieta povera di sodio con gusti semplici e leggeri.

Acqua e alimentazione contro la ritenzione idrica

Parola d’ordine depurare bevendo tanta acqua, così da favorire la diuresi e l’eliminazione delle tossine. Ma anche tante fibre, frutta e verdura ricca di Vitamina C utile per depurare come agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie, mirtilli, lattuga, radicchio, spinaci, broccoletti, pomodori e peperoni. E grazie alla stagione estiva sarà facile reperire cibi ricchi d’acqua e privi di grassi, come anguria, cetriolo e asparagi. Per eliminare le scorie è importante ridimensionare il quantitativo di caffè, magari sostituendolo con tisane al finocchio, al tarassaco e Tè al karkadè.

>>Scopri le ricette dei centrifugati

È utile dedicare un giorno alla settimana alla depurazione favorendo uno stile sano e puro. Oltre a facilitare la fase di drenaggio massaggiando la parte incriminata con creme e oli, il massaggio è un’arma micidiale contro la ritenzione idrica. Per un’entrata trionfale in spiaggia è importante seguire queste regole in modo costante, trasformandole in una guida costante per il benessere del corpo.

17 luglio 2013
I vostri commenti
Maria_, martedì 5 settembre 2017 alle11:34 ha scritto: rispondi »

I massaggi con crema idratante e caffè fanno bene per combattere la cellulite?

Viola Yael, venerdì 7 febbraio 2014 alle16:59 ha scritto: rispondi »

Ciao Ivana, ci occuperemo ancora dell'argomento! Genny puoi trovare qualche info a questo link

Genny, mercoledì 5 febbraio 2014 alle14:27 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere qlcs x quanto riguarda la stitichezza

ivana, giovedì 18 luglio 2013 alle0:17 ha scritto: rispondi »

vorrei altre informazioni. grazie

Lascia un commento