Greenstyle Benessere Salute Talassoterapia: cos’è e a cosa serve

Talassoterapia: cos’è e a cosa serve

Talassoterapia: cos’è e a cosa serve

Fonte immagine: Pixabay

La talassoterapia è un tipo di trattamento che si basa sugli effetti benefici del mare per la salute. Da molto tempo si dice, infatti, che acqua marina, sabbia e alghe possano apportare dei vantaggi al nostro corpo e chi si affida alla talassoterapia ne è assolutamente certo. Questo tipo di trattamento viene eseguito generalmente all’interno di piscine riscaldate e prevede percorsi con acqua di mare e altri prodotti, come la sabbia o i fanghi.

Negli ultimi anni, il ricorso a questa sorta di terapia naturale ha riscosso un successo sempre maggiore, tanto che oggi sono molte le persone che si affidano alla talassoterapia per dimagrire, per trattare condizioni e patologie, per migliorare il proprio benessere psico-fisico e persino la qualità del sonno.

Vale la pena, quindi, conoscere i benefici di questi trattamenti e scoprire se e in che modo la talassoterapia può migliorare la nostra vita.

Talassoterapia: cos’è?

Abbiamo definito la talassoterapia come una forma di terapia che si basa sugli effetti benefici del mare e dei suoi componenti. Questi trattamenti hanno origini molto antiche.

Già Greci, Fenici e antichi Romani conoscevano e apprezzavano i benefici dell’acqua del mare e si concedevano bagni con alghe e fanghi per rinvigorire l’organismo e favorire la guarigione di alcune malattie.

Che vuol dire Thalasso?

Il nome “talassoterapia” deriva dall’unione di due parole greche, e cioè thalassa, mare, e thérapeia, terapia. Indica proprio le proprietà benefiche del mare, la cui funzione terapeutica, come abbiamo visto, è riconosciuta da molto tempo.

Come funziona la talassoterapia?

Fonte: Pixabay

Oltre che sull’utilizzo dell’acqua del mare, impiegata per immersioni e nebulizzazioni, la talassoterapia si basa sull’azione benefica di altri componenti, come:

  • Fanghi
  • Sabbia, usata per eseguire sabbiature o bagni di sabbia
  • Alghe.

Tutti questi elementi eserciterebbero un’azione positiva sull’organismo. In particolar modo, la talassoterapia si basa sull’idea che la composizione dell’acqua del mare sia per certi versi molto simile a quella del plasma umano e che i sali contenuti nell’acqua possano essere assorbiti dal corpo attraverso la pelle.

A cosa serve la talassoterapia?

Talassoterapia
Fonte: Pixabay

A questo punto, abbiamo appurato che l’acqua del mare può migliorare la nostra salute, ma esattamente quali sono i benefici della talassoterapia?

Si ritiene che questo trattamento possa esercitare effetti positivi per la cura di svariate condizioni, alleviando i sintomi e, in alcuni casi, favorendo la guarigione dalle malattie. In particolar modo, la talassoterapia viene impiegata per:

Curare le malattie della pelle

Questo trattamento è infatti indicato per combattere condizioni come psoriasi, dermatiti o eritemi. Ma i fanghi fanghi possono anche rendere la tua pelle più morbida e tonica, favorendo il ringiovanimento cellulare.

Combattere la cellulite

La talassoterapia è impiegata anche per la cura del corpo, per alleviare inestetismi come la cellulite, la ritenzione idrica o l’accumulo di adipe. Si ritiene infatti che la talassoterapia possa aumentare il metabolismo, aiutando il corpo a bruciare i grassi più rapidamente, favorendo quindi il processo di dimagrimento.

Migliorare la salute respiratoria

Questi trattamenti possono coadiuvare il trattamento di malattie respiratorie, come ad esempio raffreddori, tosse persistente, asma, bronchite, sinusite e altre malattie.

Ridurre i dolori articolari

La terapia con l’acqua di mare potrebbe alleviare i sintomi dell’osteoartrosi e, in generale, migliorare le funzioni del corpo in presenza di patologie osteo-articolari e muscolari.

Rinforzare le difese immunitarie

Questi trattamenti possono anche rinforzare il sistema immunitario, tenendo alla larga malattie come raffreddori e altri malanni. La talassoterapia può inoltre migliorare la circolazione sanguigna, riducendo gonfiori e dolore.

Migliorare la qualità del sonno

È stato dimostrato che trattamenti di talassoterapia possono migliorare le tue notti, riducendo la sonnolenza diurna e migliorando il tuo umore e le capacità di concentrazione.

Prendersi cura (anche) dei capelli

Cosa c’entra la talassoterapia con i capelli? Gli estratti di alghe e i minerali marini, come il magnesio, possono migliorare il benessere del cuoio capelluto, purificandolo e nutrendolo in profondità, riducendo i danni causati da stress, prodotti per lo styling e inquinamento. Il risultato? Una chioma più forte, capelli nutriti e lucenti e un’evidente riduzione della caduta.

Talassoterapia alla Spa o a casa?

Fonte: Pixabay

Presso le Spa potresti sottoporti a dei trattamenti di talassoterapia estetica, capaci di migliorare il tono della pelle e combattere inestetismi come smagliature e pelle a buccia d’arancia. La talassoterapia per la cellulite è, in effetti, uno dei trattamenti più ricercati in questo ambito.

Per una versione più economica, potresti anche optare per un trattamento casalingo e fai da te, magari tuffandoti nelle acque del mare vicino casa, oppure acquistando dei prodotti per  talassoterapia, come impacchi a base di alghe e fanghi per il corpo, scrub, creme e maschere viso.

In questo modo, potresti assorbire i benefici di questo trattamento senza spendere grandi somme.

Talassoterapia: controindicazioni

In generale, questa serie di trattamenti sono considerati piuttosto sicuri per la salute, ma come sempre non bisogna ignorare le possibili controindicazioni. La talassoterapia è infatti sconsigliata per chi soffre di malattie del sistema nervoso, ad esempio l’epilessia, o cardiopatie e ipertensione.

Inoltre, il trattamento è controindicato per chi soffre di malattie della tiroide a causa dell’elevata concentrazione di iodio presente nell’acqua del mare e per chi soffre di malattie infettive e cutanee, fatta eccezione per quelle che abbiamo menzionato e disturbi psichiatrici acuti. Se soffri di qualche patologia, in generale, sarà opportuno consultare il medico prima di sottoporti a trattamenti di talassoterapia.

Infine, dal momento che alcuni percorsi vengono svolti all’aperto, sarà opportuno applicare una buona crema solare per evitare scottature.

Talassoterapia in gravidanza

Normalmente, questo trattamento è sconsigliato anche durante la gravidanza e l’allattamento. Tuttavia, molte Spa e Centri Benessere hanno ampliato la gamma dei servizi offerti, formulando dei percorsi adatti anche per le donne in dolce attesa o per quelle che allattano al seno.

Le informazioni riportate su GreenStyle sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare