• GreenStyle
  • Pets
  • MacKenzie, la Chihuahua di 1,8 kg diventa un’eroina

MacKenzie, la Chihuahua di 1,8 kg diventa un’eroina

MacKenzie, la Chihuahua di 1,8 kg diventa un’eroina

Fonte immagine: Unsplash

MacKenzie è stata premiata come eroina dell'anno, la mini Chihuahua aiuta con amore i cuccioli senza madre e con disabilità.

MacKenzie è stata ufficialmente definite un’eroina, una nomina singolare per una cagnolina Chihuahua di 1,8 chilogrammi. Eppure la mini quadrupede è un simbolo dell’aiuto e del sostegno compassionevole, in particolare nei confronti degli altri cagnolini con problematiche fisiche. Non solo perché supporta anche i bambini grazie a un percorso scolastico di Pet therapy. Eppure la piccina non era nata con gli auspici migliori perché colpita da palatoschisi, una malformazione che l’aveva obbligata all’alimentazione forzata con un sondino.

Per tutto il primo anno di vita la piccola ha vissuto in bilico tra le difficoltà di sopravvivenza e le continue infezioni polmonari, tanto da finire vittima di polmoniti continue. Superato il periodo più brutto della sua vita, e grazie a un’operazione, MacKenzie si è trasformata da paziente a balia e assistente. Ora collabora con l’organizzazione The Mia Foundation. Il gruppo no-profit con sede a Rochester, New York, cura e nutre i piccoli nati con problematiche fisiche e che non possono vivere con le loro madri.

MacKenzie, Chihuahua da balia e piccola eroina

È qui che entra il gioco MacKenzie, la mini cagnolina si trasforma in balia per i piccini e li accudisce, nutre, pulisce con totale abnegazione. Si interessa a loro senza tener conto della taglia, della razza, delle difficoltà e lo fa con amore sincero e delicato. Agisce come una mamma surrogato, li aiuta a socializzare, giocare e gli dona la serenità che non hanno ricevuto sin dalla nascita.

Per questo suo percorso naturale la Chihuahua ha sbaragliato la concorrenza di ben 400 esemplari aggiudicandosi l’ambito American Humane Hero Dog Awards. Un premio davvero meritato perché la cucciola non si limita a seguire i piccoli della sua categoria ma, come anticipato, supporta anche i bambini nelle scuole, grazie a un percorso di Pet therapy mirato.

MacKenzie li sostiene nell’aprirsi positivamente nei confronti degli animali, in particolare anche nei riguardi delle disabilità. Nonostante non possa più abbaiare riesce comunque a farsi capire e rispettare da tutti.

Fonte: CNN

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle