Greenstyle Sostenibilità Risparmio Lavaggio a basse temperature: come impostare la lavatrice e risparmiare energia

Lavaggio a basse temperature: come impostare la lavatrice e risparmiare energia

Vuoi passare al lavaggio in lavatrice a basse temperature? Per farlo, bisogna prima capire quali vestiti si possono lavare in acqua fredda, e utilizzare alcuni ingredienti naturali per rendere il lavaggio davvero efficace. Dal bicarbonato alla soda da bucato, ecco come eliminare i batteri dai vestiti anche con un lavaggio a basse temperature.

Lavaggio a basse temperature: come impostare la lavatrice e risparmiare energia

Fonte immagine: iStock

Impostare temperature più basse per il lavaggio dei panni in lavatrice rappresenta un ottimo espediente per ridurre i consumi, limitare le emissioni di CO2 e dare una mano al nostro pianeta. Ma sarà anche un buon metodo per igienizzare i vestiti? Insomma, lavare a freddo disinfetta i capi, o corriamo forse il pericolo di non lavarli in modo adeguato?

Per prima cosa, è sempre bene ricordarlo, i vestiti sporchi possono diventare un vero e proprio covo di germi e batteri, specialmente se tendiamo a lasciarli nella cesta dei panni per giorni o settimane.

Per arginare il problema, dunque, sarà necessario lavare i vestiti sufficientemente spesso, ricordando però di avviare la lavatrice quando è effettivamente a pieno carico. Tornando alla questione “temperature”, va detto che questa modalità di lavaggio può offrire molti benefici, ragion per cui non dovremmo escluderla a priori.

Perché lavare a 30 gradi?

Ridurre la temperatura del ciclo di lavaggio in lavatrice ci consente di:

  • Proteggere i vestiti dai danni causati dalle temperature troppo elevate
  • Ridurre il nostro impatto sull’ambiente (poiché si riduce l’emissione di CO2 legata al dispendio energetico)
  • Ridurre i costi in bolletta.

Peraltro, sebbene siamo abituati a credere che “più caldo è, meglio è”, in realtà non tutti i vestiti devono essere lavati a temperature elevate. Spesso sono sufficienti 20 o 30 gradi per ottenere un bucato pulito e ben igienizzato.

Cosa si intende per “lavaggio a basse temperature” in lavatrice?

Prima di vedere come ottimizzare il lavaggio in lavatrice, facciamo le dovute distinzioni. Dire “lavaggio a freddo” non equivale a dire “lavaggio a basse temperature“.

Nel primo caso, infatti, la temperatura del lavaggio è al di sotto dei 30 gradi. Diversamente, si parla di lavaggio a basse temperature, in quanto la lavatrice è impostata tra i 30 e (massimo) 40 gradi.

Molte persone preferiscono lavare i vestiti a 60 gradi e oltre, per paura che temperature più basse non siano in grado di igienizzare il bucato. In realtà, le più moderne lavatrici permettono di lavare i vestiti a freddo, utilizzando appositi detersivi che si attivano anche a 30 gradi o a temperature persino inferiori.

Cosa lavare a basse temperature o “a freddo” in lavatrice?

Non tutti i capi possono essere lavati a freddo o a basse temperature. Come spiegano gli esperti di Assocasa nella campagna “Meglio 30°“, puoi optare per questo tipo di programma per lavare indumenti poco sporchi, come camice, pantaloni, biancheria, calzini, magliette, tende e lenzuola.

In questo caso, potresti optare per un normale lavaggio a 30°, ovvero a basse temperature.

Se, però, i vestiti da lavare appartengono a persone ammalate o ai loro caregiver, allora bisognerà optare per il lavaggio a 60°. Stesso discorso riguarda i vestiti sporchi di feci, secrezioni, urine e gli indumenti molto sporchi che vanno a contatto con la pelle (l’ideale sarebbe un lavaggio a 30-40°).

Per quanto riguarda le lenzuola, invece, la temperatura di lavaggio dovrebbe andare dai 30-40° fino ai 60°, a seconda dei casi.

Come disinfettare i vestiti anche a basse temperature?

lavatrice
Fonte: iStock

Sappiamo ora che molti indumenti possono essere lavati a basse temperature o persino a freddo. Per ottimizzare il lavaggio ed eliminare efficacemente macchie, germi e batteri, però, potremmo utilizzare delle soluzioni ad hoc.

Per prima cosa, se intendi lavare i vestiti a basse temperature dovresti scegliere dei detersivi in grado di funzionare già a freddo o a 30 gradi (puoi trovare l’indicazione apposita sulla confezione).

Inoltre, sarà utile pretrattare il bucato utilizzando alcuni rimedi naturali per eliminare macchie, cattivi odori e batteri dalla tua biancheria.

Bicarbonato contro macchie e cattivi odori

Prima di avviare il lavaggio, metti in ammollo i tuoi vestiti in una bacinella con acqua e bicarbonato, lascia agire per 30 minuti, strizza e lava normalmente.

Se i vestiti sono molto macchiati, crea una pastella mescolando mezza tazzina di bicarbonato e un cucchiaio di acqua. Strofina il composto sulla macchia, lascia agire per alcuni minuti, sciacqua e procedi con il lavaggio in lavatrice.

Lavaggio a basse temperature più efficace con la soda da bucato

Per rendere più efficace il lavaggio a basse temperature in lavatrice, aggiungi al normale detersivo una piccola quantità di soda da bucato. Avrai vestiti più puliti e igienizzati.

Borace per un bucato più pulito

Un po’ come la soda, anche il borace può rendere più efficace il lavaggio in lavatrice, aumentando l’azione igienizzante del sapone.

Grazie a questo rimedio, potresti eliminare le macchie dai vestiti e ottenere un bucato più pulito, senza aumentare la temperatura di lavaggio.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Guida definitiva su come risparmiare energia elettrica
Risparmio

Per risparmiare energia elettrica in casa sono molti i sistemi che possiamo utilizzare. Innanzitutto sarebbe bene contattare la propria compagnia per capire qual è la tariffazione e valutare offerte con la stessa o con altre del settore. Se l’offerta è a fasce orarie, così da usare gli elettrodomestici che consumano più energia nelle ore in cui questa costa meno. Anche piccoli accorgimenti come spegnere le luci, disattivare le luci led o staccare i cavi dalla corrente aiutano