Greenstyle Alimentazione Mangiare sano Latte di riso: proprietà, benefici e controindicazioni

Latte di riso: proprietà, benefici e controindicazioni

Latte di riso: proprietà, benefici e controindicazioni

Fonte immagine: Pixabay

Il latte di riso, bevanda di origine vegetale amata da vegani, vegetariani e adatta agli intolleranti al lattosio, è un prodotto ricco di benefici, poche controindicazioni e dai valori nutrizionali che vale la pena approfondire.

Che gusto ha il latte di riso? Fa ingrassare? E quante calorie ha? Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla bevanda.

Cos’è il latte di riso

Se il latte rappresenta una bevanda diffusissima nell’alimentazione onnivora, sia nelle diete per i più piccoli che per gli adulti, per alcuni soggetti non risulta altrettanto adatto. Alcune persone, infatti, per scelte personali come nel caso di dieta vegana, o per costrizione, come nel caso di intolleranza al lattosio, non ne possono fare ricorso.

Ecco che in questi casi si può ricorrere ad alternative vegetali quali, ad esempio, il latte di riso, che si ricava dall’omonimo cereale. I chicchi vengono messi in ammollo in acqua e quindi processati e fermentati, fino a raggiungere una bevanda dalla consistenza identica a quella del latte di mucca.

In commercio, oltre alla versione di base, esistono poi varianti arricchite di vitamina B12, vitamina D, calcio e altri minerali, per non perdere le peculiari caratteristiche nutrizionali del latte vaccino.

Fonte: Pezibear

Latte di riso: valori nutrizionali

I valori nutrizionali relativi a 100 ml di latte di riso sono:

  • Valore energetico 149 kJ/ 45 Kcal
  • Proteine 4 g
  • Carboidrati 1 g

di cui zuccheri 0,8 g

  • Grassi 1,8 g

di cui saturi 0,3 g

  • Fibre alimentari 0,9 g
  • Sale 0,04 g
  • Calcio 120 mg

Calorie

In quanto all’apporto calorico, questo è il più alto di tutte le alternative al latte. La maggior parte delle calorie del latte di riso proviene dai carboidrati. Una tazza di latte di riso contiene mediamente una trentina di grammi di carboidrati (che, per farsi un’idea, ammontano a circa tre volte la quantità presente nel latte vaccino). Se vi state chiedendo quante calorie ha un bicchiere di latte di riso, queste ammontano a circa 70-80.

Il latte di riso fa ingrassare? La bevanda ha la minor quantità di grassi rispetto a tutte le altre alternative. Contenendo una così irrisoria percentuale di grassi e per giunta insaturi, è adatto per le persone con restrizioni dietetiche su grassi e colesterolo.

Le proprietà del latte di riso

Fonte: ImageParty

Molti si chiedono a cosa fa bene il latte di riso. Diverse sono le proprietà che vale la pena conoscere. Innanzitutto il fatto che rappresenti una valida alternativa al latte di origine animale e che, tra quelli di origine vegetale, sia tra i più ipoallergenici.

È ipoallergenico

Le persone con intolleranza al lattosio o allergia alla caseina non possono assumere latticini e quelle con allergie alla soia o alle noci non possono bere latte di mandorle o di soia. Il latte di riso contiene un generoso apporto di nutrizione equilibrata per coloro che non sono in grado di tollerare altre alternative al latte.

Favorisce la mobilità del colon

Non mancano, come lecito attendersi date la nota efficienza del riso in tal senso, gli effetti positivi sul transito intestinale. Il latte di riso è infatti un naturale regolatore della mobilità del colon e per questo può essere assunto sia in caso di stitichezza che di diarrea, oltre da chi è affetto dalla sindrome del colon irritabile.

Alta digeribilità

La presenza di zuccheri semplici ne conferisce un’altissima digeribilità e ne garantisce un basso impatto calorico, pur mantenendo un sapore molto gradevole e non così distante dal latte bovino: apporta solo 45 kcal per 100 ml. Le versioni commerciali arricchite di vitamine e calcio, infine, lo rendono un alimento adatto anche ai bambini nella fase della crescita.

Ricco di antiossidanti

Contiene manganese e selenio in quantità maggiore che nel resto dei tipi di latte esistenti. Questi sono antiossidanti piuttosto potenti che aiutano il nostro organismo nella protezione da infezioni e tumori.

Non contiene colesterolo

Il latte di riso contiene la minor quantità di grassi rispetto a tutte le altre alternative esistenti. Nello specifico, 1 solo grammo di grasso, peraltro grassi insaturi, per tazza di latte di riso. È inoltre privo di colesterolo e quindi adatto a chi, nella propria dieta, non possa assumere troppi grassi o colesterolo.

Favorisce la salute cardiovascolare

I grassi insaturi contenuti nel latte di riso derivano dall’olio di crusca di riso. Questo, insieme alla vitamina B6 e alla niacina, può abbassare il colesterolo nel sangue. Il magnesio in esso presente, invece, aiuta nel controllo della pressione sanguigna. Per questo è molto utile nella dieta di chi ha situazioni pregresse di vene e arterie semi-otturate e per chi è in convalescenza dopo un infarto o l’applicazione di un bypass.

Fonte di vitamine B

Il riso, specie quello integrale, è ricco di tutte le vitamine del gruppo B. Queste sono fondamentali per il buon funzionamento del metabolismo. Inoltre, le vitamine B incidono positivamente sulla circolazione e sul benessere dei nervi. In commercio è possibile reperire versioni del latte di riso fortificate.

Controindicazioni del latte di riso

Così come vale per tutti gli alimenti, anche questo latte presenta alcune controindicazioni. A cosa fa male il latte di riso? Innanzitutto non è adatto ai diabetici. Ciò in quanto, essendo il cereale ricco di amido – 3-4 volte più del latte di soia o del latte vaccino – può causare un picco della glicemia nelle persone affette da diabete.

Rispetto agli altri tipi di latte è caratterizzato da un contenuto proteico minore con i suoi 2 grammi per porzione contro i circa 8 del latte di soia o vaccino. Ciò significa che non regala un senso di sazietà a lungo come avviene diversamente.

È povero di calcio (salvo le versioni arricchite) ne contiene solo 20 milligrammi per porzione, che equivalgono all’1% del fabbisogno giornaliero. Infine, è tra i più calorici tra i tipi di latte in commercio per cui, nonostante sia povero di grassi, deve essere consumato con moderazione quando si è a dieta.

Confronto con gli altri tipi di latte

Rispetto al latte vaccino, il latte di riso contiene più carboidrati ma minori quantità di calcio o proteine. È privo di lattosio e di colesterolo. Rispetto a quello di soia, un allergene molto noto, è povero di proteine e più esente da allergie. Rispetto alla grande maggioranza dei tipi, il latte di riso è poco grasso, specie se messo a confronto con il latte di cocco e con quello di avena.

Latte di riso fatto in casa: ricetta

Il latte di riso si può fare in casa: la ricetta è semplicissima e non prevede che pochissimi ingredienti. Oltre che con il riso comune, si può realizzare con quello integrale, con quello rosso e quello nero. Quello che serve è, unitamente alla materia prima, dell’acqua e un frullatore.

Ingredienti

  • 1 tazza di riso cotto
  • 4 tazze di acqua

Preparazione

  1. Aggiungi il riso cotto nel boccale del frullatore e frullalo ad alta velocità. Unisci l’acqua e continua a frullare dapprima per 20 secondi poi, dopo aver controllato la consistenza, ancora per qualche secondo.
  2. Adesso filtra il latte in una ciotola attraverso un sacchetto per il latte di noci e premi delicatamente per far uscire tutto il latte. Trasferisci all’interno di una bottiglia di vetro e conserva in frigorifero per 4-5 giorni.

Per aromatizzare la bevanda puoi aggiungere un po’ di cannella, dell’estratto di vaniglia o un paio di datteri snocciolati. Puoi inoltre realizzare il latte di riso al cacao.

Fonte: Bogdan Sanfira

Usi in cucina

Come va bevuto il latte di riso? I suoi usi in cucina sono i più disparati – può essere sostituito in qualsiasi ricetta che preveda il ricorso al latte animale – e le proprietà benefiche innumerevoli. Il latte di riso è consigliato anche nelle diete dimagranti dato il basso impatto calorico, non solo come bevanda, ma anche come ingrediente per primi piatti e dolci, leggeri ma gustosi.

Lo si può unire alla frutta per dare vita a nutrienti frullati, lo si può usare per fare il porridge e per realizzare budini e creme. Lo si può aggiungere all’impasto di torte e biscotti, di muffin e di pancake. Il suo sapore dolciastro probabilmente non lo rende adatto a molte ricette salate, ma in quelle dei lievitati non trova limiti.

Conclusioni

Il latte di riso è una bevanda vegetale che si ottiene dal cereale e che si caratterizza per il sapore dolce e per il fatto di essere altamente digeribile. Povero di grassi, è privo di lattosio e adatto a chi ne sia intollerante. Ottima alternativa al latte vaccino, deve essere bevuto con moderazione se si è affetti da diabete.

Qual è il miglior latte di riso? In commercio esistono varie proposte e tutte valide. Trovare il latte perfetto per i propri gusti è questione di preferenze. Per fare la scelta giusta è bene leggere attentamente l’etichetta riportante i valori nutrizionali e gli ingredienti.

Altri approfondimenti

Seguici anche sui canali social