Ernia inguinale recidiva: cura naturale per non operarsi

Ernia inguinale recidiva: cura naturale per non operarsi

Fonte immagine: Inguine via Pixabay

L'enria inguinale recidiva è piuttosto comune e può essere prevenuta o trattata con un approccio naturale: alimentazione e esercizio fisico, magari yoga.

L’ernia inguinale è la condizione causata dalla fuoriuscita di una porzione di grasso o, addirittura una parte d’intestino tenue, da una zona di debolezza nella parte inferiore dell’addome: in particolare, è localizzata tra la fine dell’addome, della pancia e l’attaccatura della coscia.

Alla visita, ma anche al paziente stesso, si presenta come un rigonfiamento delle dimensioni di una noce da un lato dell’inguine, ma non è raro sia bilaterale.

Si tratta di una condizione comune che riguarda uomini e donne di tutte le età e, a differenza di altre ernie, si manifesta frequentemente anche nella prima infanzia. In genere si tratta di una condizione che difficilmente viene ignorata in quanto, dalla prima manifestazione in poi, tende ad aumentare progressivamente di volume.

Classificazione

Dolore addominale
Fonte: Abdominal Pain. Man suffering from stomach ache. He holds his stomach and has hurt via Shutterstock Abdominal Pain. Man suffering from stomach ache. He holds his stomach and has hurt via Shutterstock

Le ernie inguinali si dividono in due sottotipi:

  • indirette, ossia congenite;
  • dirette, causate da una degradazione del tessuto connettivo della muscolatura addominale.

La prima si verifica più comunemente nei maschi perché è in un certo senso correlata allo sviluppo fetale, ma non è rara nemmeno nella donna.

L’ernia diretta è la forma meno comune ed è causata dall’indebolimento della parete addominale. Ha uno sviluppo progressivo che peggiora con la sollecitazione dei muscoli addominali, specialmente con:

  • sollevamento scorretto di pesi importanti;
  • stitichezza;
  • obesità addominale;
  • tosse cronica.

Una delle caratteristiche più note e curiose dell’ernia inguinale è che la protuberanza è mobile: lo stesso paziente la può spostare e, spesso, è addirittura possibile farla rientrare con una lieve pressione.

Per queste considerazioni e per il fatto che una delle più frequenti complicazioni è la ricomparsa, ovvero la recidiva, dopo alcuni anni dall’operazione è possibile che al paziente venga consigliato di intervenire con un approccio di cura naturale.

Questo approccio è valido soprattutto quando l’ernia è piccola e non dolorosa.

Cura naturale

Yoga
Fonte: Cute Hispanic women practicing the cobra pose during their yoga class in a gym Cute Hispanic women practicing the cobra pose during their yoga class in a gym

L’ernia inguinale recidiva, ma anche non complicata, potrebbe essere trattata con la giusta dieta e specifici esercizi per la muscolatura addominale.

In merito alla dieta, il primo fatto importante è che sia equilibrata e regolare, ossia che non causi l’aumento di peso. In generale, comunque, la dieta per chi soffre di ernia inguinale dovrebbe fornire gli elementi utili per la sintesi del collagene e dell’elastina: molecole indispensabili per la sintesi del tessuto connettivo della parete addominale.

La dieta, dunque, deve essere ricca di:

  • pesce, ottima fonte zinco e rame utili per sintesi di collagene;
  • soia, buona fonte di arginina;
  • frutta e verdura fresca ricche di vitamina C
  • alimenti ricchi di magnesio come verdure a foglia verde, semi di zucca al naturale, germogli di soia, riso e quando la stagione lo consente carciofi.
  • fibre, dunque i cereali integrali, e yogurt che facilitano il transito intestinale dei cibi e riducono il rischio di stitichezza.

Altri utili accorgimenti sono un programma mirato di esercizi fisici di lieve e media intensità per rinforzare la muscolatura addominale e indossare sotto gli abiti una fascia contenitiva. Tra le attività fisiche più adatte c’è lo yoga, sempre delicato ma estremamente efficace.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Stura lavandini “magico” fai da te