Greenstyle Alimentazione Dieta vegetariana negli asili, governo cinese la vieta

Dieta vegetariana negli asili, governo cinese la vieta

Dieta vegetariana negli asili, governo cinese la vieta

La Cina è sempre più proiettata verso un futuro maggiormente sostenibile, il consumo di carne sembra aver subito un crollo generale in favore di un’alimentazione green, in questo caso la dieta vegetariana e per questo con minori emissioni di CO2.

La nascita e crescita di esercizi tematici sembra stai lentamente soppiantando e modificando le scelte di sempre, legate al consumo di carne e in particolare quella di maiale. Nonostante il trend interessante, che si sta espandendo lentamente, l’argomento del consumo della carne è ancora molto forte.

Non a caso è stato intimato a un asilo della zona sud-ovest della Cina di modificare il menu per i più piccoli, introducendo nuovamente pietanze a base di carne.

La struttura nota come Deyin School situata nella città di Chengdu avrebbe violato le normative nazionali legate alla preparazione dei pasti per i bambini in età prescolare, introducendo pietanze vegetariane nel menu quotidiano. Evitando appositamente di proporre pasti a base di proteine animali e pubblicizzando il tutto attraverso i social network.

Stop alla dieta vegetariana negli asili

Vegetarian
Fonte: Unsplash Vegetarian

La notizia del menu vegetariano aveva fatto il giro dei social cinesi, promuovendo ed elogiando la proposta alternativa anche per i più piccoli. L’istituto avrebbe fornito pasti veg con l’aggiunta di latticini e uova, ma escludendo le proteine di origine animale, come confermato da molti media locali e nazionali. La notizia aveva catturato l’attenzione della popolazione scatenando una serie di critiche, tanto da considerare la scelta alimentare povera e “non adeguatamente nutriente”.

Altri si erano spinti a considerare il menu vegetariano come una forma di maltrattamento nei confronti dei più piccoli. Tanto da catturare l’attenzione delle autorità che hanno così dato lo stop alla proposta green.

L’argomento è sicuramente molto caldo ed è motivo di contrasto tra chi sostiene l’alimentazione tradizionale cinese e chi spinge per alternative veg molto più leggere e salutari.

Fonte: South China Morning Post

Seguici anche sui canali social