Greenstyle Ambiente Animali Conigli italiani, le razze più comuni

Conigli italiani, le razze più comuni

Razze di conigli italiani? L'Anci, il registro anagrafico dei conigli in Italia, si compone di 43 razze. Alcune sono effettivamente autoctone, cioè originarie proprio dell'Italia. Altre, invece, sono originarie all'estero, ma di esse esiste ormai la variante italiana. Andiamo dunque a vedere i nomi di queste razze di conigli. Perché oltre al coniglio nano, all'ariete e al testa di leone c'è molto di più.

Conigli italiani, le razze più comuni

Quando si parla di conigli, si pensa sempre ai conigli da compagnia. I conigli nani, il coniglio ariete nano, o coniglio testa di leone. Ma ci sono molte più razze da considerare, come ben sanno gli allevatori di conigli.

Solo che molte di queste razze sono di dimensioni maggiori, adatte all’allevamento da carne, non da compagnia. L’Anci, il registro delle razze dei conigli italiani, ne raggruppa 43. Alcune di queste sono effettivamente autoctone italiane, altre originano invece da altri paesi, ma sono state anche selezionate qui da noi in Italia.

Prendiamo, per esempio, il coniglio Ariete. Con questo nome sono definite tutte le razze di conigli con orecchie lunghe e pendule. Ma fra i conigli ariete, c’è anche l’Ariete italiano, così come in altri paesi ci sarà l’Ariete inglese e via dicendo. Prima di iniziare, se vuoi sapere il prezzo di un coniglio, dipende dalla razza scelta.

Ce ne sono di rare che costano più di altre più comuni. Per esempio, il prezzo di un coniglio nano varia dai 50 ai 100 euro, mentre per un coniglio testa di leone si va dai 20 ai 40 euro. Un coniglio nano ariete costa dai 30 ai 50 euro. Un coniglio Angora può costare dai 50 ai 350 euro. In realtà sulla questione prezzo influiscono diversi fattori, fra cui la razza e la linea di sangue.

Conigli italiani: le razze registrate Anci

coniglio pezzato nel prato

Queste sono le 43 razze di conigli registrate dall’Anci, il registro delle razze di conigli italiane:

Pesanti

  • Ariete
  • Gigante: originario della Patagonia e migliorato nelle Fiandre
  • Gigante bianco
  • Pezzato: deriva dal gigante Fiammingo ed è stato importato dagli USA

Medie

  • Alaska: razza selezionata in Germania
  • Argentata di Champagne: razza selezionata in Francia
  • Argentata grande
  • Ariete inglese
  • Bianca di Nuova Zelanda: selezionata negli Stati Uniti
  • Bianca di Vienna: razza selezionata in Austria
  • Blu di Vienna: razza selezionata in Austria
  • Californiana: razza originaria degli Stati Uniti
  • Cincillà grande
  • Fulva di Borgogna: razza creata in Francia
  • Giapponese
  • Hotot: razza di origine francese, diffusasi poi anche in altri paesi
  • Lepre: razza originaria del Belgio, ma perfezionata in Inghilterra
  • Leprino di Viterbo
  • Pezzata tricolore: razza selezionata in Germania
  • Rossa della Nuova Zelanda: a dispetto del nome, la razza è nata negli Stati Uniti
  • Turingia: razza originaria della Germania

Leggere

  • Argentata piccola
  • Ariete nano: razza originaria dell’Olanda partendo da Arieti francesi, inglesi e da conigli nani
  • Ariete piccolo: razza nata negli Stati Uniti
  • Avana: razza originaria dell’Olanda
  • Cincillà piccolo: razza selezionata in Francia
  • Ermellino: razza nata in Inghilterra (è stata la prima razza nana ad essere selezionata), è stata poi perfezionata in Germania
  • Fata di Marburgo: razza originaria della Germania
  • Fata perlata: razza originaria della Germania
  • Focata: razza nata in Gran Bretagna
  • Giarra bianca
  • Lince: razza originaria della Germania
  • Martora
  • Nani colorati
  • Olandese: ovviamente razza selezionata in Olanda
  • Oro di Sassonia: razza di origine mista, tedesca e olandese
  • Pezzata inglese: selezionata in Gran Bretagna
  • Pezzata piccola
  • Russo: razza probabilmente originaria dell’Asia

A struttura di pelo speciale

  • Angora: origine incerta, forse come razza è nata in Turchia, ma è stata poi perfezionata in Francia. In Italia sono riconosciuti l’Angora francese, l’Angora gigante, l’Angora nano e l’Angora Satin, quest’ultimo nato in Canada
  • Rex: razza nata in Francia
  • Satin: razza nata negli Stati Uniti
  • Volpe: razza nata in Svizzera

Conigli italiani: le razze senza standard Anci

Sempre in Italia, troviamo anche alcune razze che non hanno ancora uno standard registrato Anci:

Pesanti

  • Bianco di Bouscat: razza nata in Francia
  • Blu di Moravia: razza nata nella Repubblica Ceca
  • Blu di San Nicola: razza nata in Belgio
  • Coniglio barbuto: razza originaria del Belgio
  • Gigante di Fiandra: razza originaria del Belgio, è la razza più pesante al mondo (8 kg)
  • Gigante di Spagna: ovviamente originario della Spagna, più precisamente di Valencia
  • Palomino: razza nata negli Stati Uniti, nello stato di Washington

Medie

  • Albino Ceco: razza originaria della Repubblica Ceca
  • Ariete di Meissen: razza originaria della Germania
  • Bianco di Moravia: razza recente creata nella Repubblica Ceca, nella zona di Brno
  • Bianco di Termonde: razza originaria del Belgio
  • Blu di Beveren: altra razza di origine belga, nella cittadina di Beveren
  • Blu di Ham: ancora una razza originaria del Belgio, della cittadina di Ham-sur-Heure
  • Bourbonnaise grigio: razza nata in Belgio
  • Grigio di Carmagnola: razza autoctona italiana
  • Loser Ceco: razza originaria della Repubblica Ceca
  • Normanno: razza francese
  • Pezzato di Mecleburgo: razza originaria della Germania
  • Sallander: razza di origine olandese

Leggere

  • Castano Bruno di Lorena: razza originaria della Francia
  • Deilenaar: razza originaria dell’Olanda
  • Giarra nera: razza nata in Germania
  • Grigio perla di Halle: razza nata in Belgio
  • Holicer blu: razza nata in Repubblica Ceca
  • Hulstlander: razza nata in Olanda
  • Jamora Arlecchino: razza nata in Germania
  • Rhoen: razza nata in Germania, dalle parti della Turingia occidentale
  • Sabbiato dei Vosgi: razza nata in Francia
  • Separatori: razza nata in Germania, anche se venne creata in contemporanea in Germania, Olanda e Repubblica Ceca
  • Steenkonijn: razza nata in Belgio
  • Thrianta: razza originaria dell’Olanda

A struttura di pelo speciale

  • American Fuzzy Lop: razza originaria degli Stati Uniti, a Houston

Conigli italiani: razze autoctone

Coniglio ariete

In generale, i conigli italiani tendono ad essere robusti e con buone masse muscolari. Inoltre vantano una pelliccia pigmentata con colorazione scura dell’iride.

Ecco alcune razze di conigli italiani autoctone:

  • Ariete italiano: è massiccio e largo. La pelliccia è folta e ha orecchie lunghe 38-45 cm. Tutti i colori sono ammessi, tranne l’argento.
  • Coniglio leprino di Viterbo: razza rurale dal mantello grigio-fulvo, peso 3,6-4,9 kg. Non ne avrai molto sentito parlare come coniglio da compagnia in quanto è una razza da carne. Il tronco è cilindrico, con buona muscolatura e arti dritti. La pelliccia è grigio-fulva con ventre, gola e parte ventrale della coda bianche. Tipicamente l’apice dell’orecchio è bordato di nero. Le unghie sono corno scuro.
  • Grigio di Carmagnola: Questa razza è nata da una popolazione di conigli comuni a mantello grigio tipica del Piemonte. Questi originari conigli comuni si sono quasi estinti a inizio anni Ottanta. Tuttavia i ricercatori della Facoltà di Agraria di Torino, nel 1982, hanno iniziato a studiare un gruppetto di conigli a mantello grigio, probabili discendenti di quegli originari conigli comuni. Si tratta di una razza media con buona muscolatura, corpo allungato e bacino ampio. Il peso va dai 3 ai 5,5 kg. La pelliccia è folta e morbida, la testa è allungata e le orecchie sono lunghe al massimo 14 cm. Naturalmente il colore è il grigio, più chiaro ventralmente e con macchia più chiara triangolare sulla nuca. Il sottopelo è grigio, mentre la coda è scura dorsalmente. Le unghie sono pigmentate e l’occhio è marrone.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa mangiano le lucertole
Animali

Lo sapevi che la maggior parte delle lucertole sono insettivore o carnivore? Tuttavia esistono anche le lucertole onnivore, cioè quelle che mangiano di tutto e le lucertole erbivore, come le iguane per esempio. Anche i comportamenti di caccia variano molto a seconda della specie di lucertola in questione, ma la maggior parte di loro va in cerca di cibo di giorno.