Greenstyle Benessere Rimedi naturali Come tingere vestiti in modo naturale

Come tingere vestiti in modo naturale

Sapevi che con la curcuma puoi tingere i vestiti di giallo? Con i fondi del caffè, invece, potresti ottenere un bel grigio o un nero. Sapere come tingere i vestiti in modo naturale, usando gli ingredienti che si trovano già in cucina, può essere un'esperienza divertente, istruttiva e gratificante. Per farlo, basta scegliere gli ingredienti giusti, munirsi di un po' di pazienza e divertirsi a creare i colori di madre natura!

Come tingere vestiti in modo naturale

Fonte immagine: Pixabay

Se c’è un progetto capace di regalare grandi soddisfazioni, è di certo quello di tingere i vestiti in modo naturale, magari utilizzando dei fondi del caffè, le foglie degli spinaci o dei carciofi. Eh si, spesso tendiamo a dimenticarcene, ma la natura è davvero un’inesauribile fonte di sorprese. Piante e spezie possono migliorare il gusto dei nostri piatti, possono profumare e decorare la nostra casa, riescono a migliorare la nostra salute e, ebbene si, possono anche aiutarci a tingere i tessuti naturalmente.

Se acquistare una tinta chimica per tessuti al supermercato può risultare chiaramente facile, scegliere delle tinture naturali per tessuti fai da te può diventare un’esperienza istruttiva e illuminante, un atto green e, soprattutto, un’ottima strategia anti-spreco.

Un po’ come le nostre nonne e le nostre bisnonne, anche noi possiamo rimboccarci le maniche e sperimentare colori nuovi, usando ingredienti che sicuramente avrai già in casa. Per dare un aspetto vintage a tovaglie e camicie, ad esempio, potresti scegliere di tingere i tessuti con la cannella. Per ravvivare un bel rosa, potresti usare i semi di melograno o la barbabietola, mentre per tingere di nero e a mano i tessuti potresti servirti dei fondi del caffè o di qualche carciofo.

Ma vediamo, più da vicino, come realizzare una tintura naturale per tessuti e cambiare il look a lenzuola, magliette, fasce, gonne, tende e tutto ciò che desideri.

7 idee per tingere i tessuti con erbe, frutti e spezie

Fonte: Pixabay

Prima di iniziare, facciamo una piccola precisazione: perché il colore naturale funzioni a dovere, sarebbe meglio che i tessuti siano naturali, come cotone, lino, seta, canapa e lana. In questi tessuti, diversamente da quelli sintetici come il poliestere, il colore potrà aderire meglio. Detto questo, non ci rimane che metterci al lavoro. La tavolozza di colori di Madre Natura è incredibilmente ampia, e include tutte le tonalità e le sfumature immaginabili.

Per comodità, vediamo quali ingredienti usare per colorare i tessuti a mano.

  • Rosso e rosa: per ottenere questi colori, puoi usare ingredienti come barbabietola (che darà un colore bruno-rossastro), cavolo rosso, melograno e karkadè.
  • Nero: per tingere a mano i tessuti di nero, invece, puoi usare le more, fagioli neri, il mallo di noce o il carciofo.
  • Giallo: puoi tingere i tessuti con spezie come zafferano e curcuma per ottenere un bel giallo, ma puoi usare anche altri ingredienti, come la camomilla e la cipolla.
  • Marrone: per ottenere il marrone, potresti tingere i tessuti con il caffè, con foglie di tè nero, con la buccia di cipolla o con il mallo di noce.
  • Blu: con i mirtilli puoi ottenere anche il blu, ma potresti usare anche altri coloranti naturali, come bacche di sambuco e gelsi rossi.
  • Verde: spinaci e foglie di ortica sono ideali per creare una tintura naturale per tessuti di colore verde
  • Viola: per ottenere questo colore, usa ingredienti come bacche di sambuco, alcune varietà di basilico, mirtilli, more, uva e vino rosso.

Come tingere i vestiti in modo naturale?

Fonte: Pixabay

Abbiamo visto, per sommi capi, cosa bisogna usare per colorare i vestiti. Ma come avviene questo affascinante processo?

Se ti stai chiedendo come creavano i colori gli antichi, i nostri antenati, la prima risposta che ci viene in mente è “con tanta pazienza e dedizione”. Quello della tintura dei vestiti, infatti, è un processo che richiede del tempo, ma puoi scommettere che i risultati ti conquisteranno.

Vediamo, dunque, quali sono i 5 passaggi per tingere i tessuti a mano. Tieni a mente che, per ottenere un buon risultato, il colore iniziale di partenza dovrebbe essere chiaro, in modo che la tinta risulti più intensa.

Step 1: laviamo i vestiti

Prima di tutto, bisognerà lavare i vestiti per eliminare qualsiasi traccia di sporco o residui che potrebbero compromettere il risultato. Per questa fase, ti consigliamo di utilizzare dei detersivi neutri ed ecologici.

Step 2: la mordenzatura

Un passaggio fondamentale è quello della mordenzatura: in poche parole, bisogna applicare sul tessuto un mordente, ossia una sostanza che permette alla tintura di penetrare nelle fibre, come cremor tartaro, allume, sale, bicarbonato o aceto.

Per questo passaggio, ti basterà mescolare dell’acqua con una sostanza adatta (un cucchiaio per ogni litro) e lasciare il tessuto in ammollo per alcune ore.

Step 3: creiamo il colore

E’ ora di creare il colore! Scegli la tonalità che più ti piace e seleziona gli ingredienti adatti per ottenerla. Ad esempio, se vuoi tingere dei tessuti di blu in modo naturale potresti usare dei mirtilli, mentre per tingere di nero i tuoi tessuti, userai il mallo di noce o i carciofi.

In linea di massima, le quantità sono 100 gr di ingrediente ogni 100 gr di tessuto. Se desideri ottenere un colore più intenso, puoi aumentare le quantità di coloranti o la durata del trattamento.

Fai bollire l’acqua insieme all’ingrediente prescelto. Per questa operazione servirà un pentolone di acciaio. Lascia bollire per circa 60 minuti, in modo da ottenere un colore bello intenso e brillante.

Step 4: coloriamo i vestiti

Strizza i vestiti precedentemente messi in ammollo per la mordenzatura e, senza risciacquarli, mettili nella pentola con l’acqua colorante, facendo bollire a fiamma bassa. Lascia in ammollo per almeno un’ora, o anche tutta la notte, finché non avrai ottenuto il colore desiderato.

Non farti ingannare però: da bagnati, i vestiti assumono una tonalità più intensa, che potrebbe sbiadire leggermente quando i tessuti saranno asciutti. In tal caso, ti basterà ripetere l’intero procedimento o scegliere altri coloranti naturali, per raggiungere la tonalità che desideri.

Step 5: fissiamo il colore

Stiamo per giungere al termine di questo affascinante processo. Non rimane che fissare il colore. Usando dei guanti di gomma, per non sporcare le mani, strizza i tessuti e immergili in una bacinella contenente acqua e aceto o sale grosso. Lascia in ammollo per tutta la notte, dopodiché strizza e lascia asciugare il capo. Il tuo capolavoro è pronto, divertiti a indossare i colori di Madre Natura!

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono gli oli antirughe naturali più efficaci
Bellezza

Sono tanti gli oli essenziali antirughe che funzionano e che sono efficaci, per una pelle del viso visibilmente più giovane, tonificata, morbida, rimpolpata. Oltre agli oli essenziali di argan, di rosa mosqueta, di mandorle, solo per citare i più potenti, dobbiamo anche prestare attenzione all’alimentazione, mangiando alimenti ricchi di vitamine C ed E e bevendo molta acqua. Utili anche massaggi e tecniche come lo yoga facciale per ritrovare la giovinezza della pelle.